Per il paesaggio, l'arte e la natura.
Per sempre, per tutti.

Alla scoperta di Milano "Di Casa in Casa"

Itinerari integrati, percorsi-gioco multimediali e proposte di visita innovative


Attività FAI Le quattro case museo di Milano - Museo Bagatti Valsecchi, Casa Boschi di Stefano, Villa Necchi Campiglio e Museo Poldi Pezzoli, in partenariato con la Fondazione Adolfo Pini e il suo progetto Storie Milanesi - presentano la nuova iniziativa "Di Casa in Casa", realizzato grazie al contributo di Fondazione Cariplo per il bando “Cultura e aree urbane”, in collaborazione con il Comune di Milano.

“Dopo il grande successo di Museocity che ha spalancato le porte di tante case museo, atelier d'artista e musei d'impresa, svelando a cittadini e turisti luoghi e collezioni ‘nascoste' e ignote ai più, questo nuovo progetto ci porta alla scoperta di quattro case museo milanesi che hanno trovato modi nuovi per proporsi al pubblico, anche a quello più giovane, con un ventaglio di opportunità: dalle più tradizionali e sempre apprezzate visite guidate al digitale e interattivo chatbot game. Una vera e propria caccia al tesoro che ci accompagna in giro per la città mostrandoci percorsi inediti e nuovi itinerari nel segno della bellezza”, dichiara l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno.
Il progetto Di Casa in Casa, una passeggiata tra gli affascinanti quartieri di Milano, che ci permette di conoscere la città in modo diverso, propone itinerari integrati che uniscono temi artistici e architettonici alle esigenze del nuovo turismo milanese e internazionale, promuovendo una più aggiornata diffusione delle tradizioni culturali e produttive ambrosiane.A disposizione del pubblico vi sono diverse modalità di fruizione: consultando in autonomia il sito internet o partecipando a visite guidate organizzate o, per gli utenti più giovani, utilizzando l'avventura digitale del chatbot game.

Alcuni dei luoghi interessati dai percorsi di visita proposti

Il visitatore, collegandosi al nuovo sito casemuseo.it e consultando la mappa geolocalizzata Di Casa in Casa, può scegliere uno dei percorsi tematici, individuando la zona di Milano, la durata della visita e la tipologia, tra architettura, arte, artigianato, bambini, design, gusto e musei.
Le quattro istituzioni museali propongono quindi una prima selezione di eccellenze cittadine, negozi, botteghe storiche, gallerie d'arte e ristoranti…inseriti in tredici percorsi, quali ad esempio: tra Manzoni e Verdi, alla scoperta della letteratura e della musica milanese; dimore e giardini, il cuore verde di Milano; design nella Milano del Novecento; percorsi dedicati alle famiglie con bambini, come Passeggiare con i bimbi.
Si tratta di una serie di percorsi inediti, che uniscono la cultura alla tradizione, la creatività artistica a quella artigianale, la grande architettura urbana all'area verde, permettendo ai visitatori di diverse fasce di età di orientarsi con consapevolezza tra le offerte culturali della città in tema di arte e musica, ma anche in ambiti commerciali legati ad esempio al design, al cibo, all'educazione.

Inoltre, il visitatore può scegliere di essere accompagnato grazie ad un programma di visite guidate: con cadenza mensile, questi itinerari narrati hanno l'obiettivo di valorizzare i nessi e i rimandi che legano le quattro case museo tra di loro e alle diverse realtà storiche e di quartiere, con la possibilità di offrire i percorsi anche in lingua inglese per i turisti.
Gli itinerari alla scoperta della città di Milano si arricchiscono con i percorsi proposti da Storie milanesi, un progetto della Fondazione Adolfo Pini, complementare a Di Casa in Casa. La piattaforma digitale storiemilanesi.org, lanciata nel 2014, è consultabile sia in italiano sia in inglese, con diverse chiavi di lettura e filtri tematici che consentono di scoprire 15 case museo, atelier d'artista, studi di architetti e designer e i loro quartieri.

Una grande novità del progetto Di Casa in Casa, che conferisce alla rete delle case museo un vero e proprio primato in ambito di didattica museale, è il chatbot game: un gioco articolato su quattro itinerari, uno per ciascuna casa museo, in cui un personaggio virtuale dialoga con i visitatori tramite l'app Facebook Messenger. Chiamati a risolvere enigmi relativi alle dimore e alla porzione di città in cui si trovano, gli utenti sono coinvolti attraverso un meccanismo serrato di domanda e risposta che li attira in un territorio di connessioni e rimandi. Il gioco è rivolto al pubblico dei più giovani, invitandolo all'osservazione attenta delle case museo e dei luoghi della città.

Il progetto è inoltre arricchito da un breve documentario con la voce narrante di Lella Costa, e da un trailer che verrà diffuso in alcuni cinema cittadini e negli spazi del Comune.

Il circuito delle quattro case museo di Milano è ora anche presente sui canali social Facebook e Instagram.

Importante: ora è possibile acquistare on line la Casa museo card al costo di 20 euro intero e di 10 euro ridotto, che consente l'ingresso nella quattro dimore, con la validità di un anno.

VISITA IL SITO
CASEMUSEO.IT ►

mercoledì 15 marzo 2017



Inserisci il tuo commento
INVIA
Per inserire un commento devi prima procedere alla LOGIN. Se non hai ancora un account REGISTRATI QUI.
NON CI SONO COMMENTI

“ROBERT WILSON. TALES”

Emozionati con le opere in mostra
a Villa Panza, Varese

ISCRIVITI SUBITO AL FAI

Entra con noi nell'Italia che ami.
Dona valore al tuo tempo libero

C.F. 80 10 20 30 154

Con il 5x1000 al FAI
la tua firma può salvare l'Italia

A “Sere FAI d'Estate”

Oltre 60 eventi sotto le stelle:
vivi un mese di festa in luoghi unici!



Dona valore al tuo tempo libero: iscriviti al FAI!