Per il paesaggio, l'arte e la natura.
Per sempre, per tutti.

IL FAI IN LAZIO

VISITA IL MULTIBLOG DELLE DELEGAZIONI FAI

SEGRETERIA REGIONALE

Maria Rosaria Miggiano
Piazza dell'Enciclopedia italiana, 50
00186 Roma
tel. 06/68804789 - fax 06/68213133
email: segreteriafailazio@fondoambiente.it
Da lunedì a venerdì, ore 9.00 - 13.30 / 14.30 - 18.00


CONSIGLIO REGIONALE

Presidente Regionale: Valeria Grilli Carandini

Vice Presidente Regionale: Laura Caterina Cherubini

Consiglio Regionale: Armida Batori*, Luigi Boitani, Fabio Brocco *, Paola Rita Nives Cuzzocrea *, Marina Fresa, Giuliana Marsella*, Enrico Parlato, Francesca Romana Stocchi*

(*) Capi Delegazione


Eventi 2014

Il FAI Fondo Ambiente Italiano consiglia la visita del CAMMINO DI FRANCESCO - a cura della Regione Lazio - Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili - Direzione Regionale Cultura e Politiche Giovanili


TAPPA RIETI - FONTE COLOMBO E RITORNO
Totale Km. 12 - Tempo medio di percorrenza: 2 h e 30 minuti

La città di Rieti, e più in generale la Valle Santa reatina, è stata oggetto di particolare attenzione da parte del Santo Poverello di Assisi che vi ha trascorso parte della sua breve vita, lasciando segni indelebili del suo passaggio e del suo amore per la meravigliosa natura incontaminata dei luoghi.
Storia, arte, religione e natura si fondono, lasciando nel visitatore la sensazione di un viaggio nel passato, lontano dal trambusto cittadino.

Il breve itinerario proposto è parte delle tappe del celebre “Cammino di Francesco”, percorso ogni anno da 10.000 pellegrini e gemellato con il “Cammino di Santiago de Compostela”. Si parte proprio dalla chiesa di San Francesco, ove si stanziarono, nel corso del Duecento, gli appartenenti agli Ordini Mendicanti dei Francescani. L’edificazione del complesso conventuale ebbe tempi rapidissimi grazie ad una bolla di papa Innocenzo IV con la quale si garantiva l’indulgenza a chi avesse contribuito per la costruzione. La presenza della cappella dedicata a Sant’Antonio di Padova fa sì che la Chiesa sia il fulcro dei festeggiamenti antoniani organizzati annualmente nel mese di giugno, che vedono la presenza di migliaia di fedeli. Il percorso prosegue lungo l’argine dell’impetuoso fiume Velino che, con le sue acque limpide, attraversa la città e che in passato, con le sue inondazioni distruggeva i raccolti, ma che, proprio a causa della sua potenza, alimentava alcuni dei numerosi mulini cittadini. Lasciando la città si prosegue alla volta della località Macelletto da cui si inizia una salita di circa 2 km. Attraversando uno splendido bosco di lecci secolari si giunge a destinazione. Fonte Colombo, uno dei quattro santuari francescani, detto “Sinai Francescano” poiché nella grotta definita “Sacro Speco” San Francesco scrisse la Regola bollata da Onorio III nel 1223, trae il suo nome da un antico fontanile vicino al convento presso il quale il Santo riposava e dialogava con le colombe bianche.  Nella cappella della Maddalena viene conservato il Tau originale da lui stesso dipinto. Fonte Colombo è un luogo suggestivo ove San Francesco trascorse giorni difficili a causa della malattia agli occhi che lo rese quasi cieco. Vi fu infatti sottoposto ad un delicato intervento di cauterizzazione del nervo ottico con un ferro rovente. Si narra che durante l’operazione chiamò “fratello” il fuoco con cui il medico stava scaldando il ferro da impiegare chiedendogli di essere clemente ed il fuoco lo risparmiò dalla terribile sofferenza!

Per maggiori informazioni consultare:
Il canale cultura
Le attività dell'area Valorizzazione del Patrimonio Culturale della Regione Lazio

 

Maggio - Giugno

INCONTRI CULTURALI
Incontri ad Altemps - Paesaggio e fotografia
Il progetto si compone di cinque incontri durante i quali il tema del paesaggio verrà indagato con la fotografia, favorendo l'instaurarsi di un dialogo e di un ragionamento sulle trasformazioni dello stesso documentate dalla fotografia nei 30 anni trascorsi dal "viaggio in Italia" di Luigi Ghirri. La fotografia viene, quindi, intesa come sguardo speciale, che esprime un punto di vista, una domanda, e non soltanto un'immagine documentaria.
Tali incontri vedranno protagonisti alcuni tra i più grandi fotografi italiani e internazionali del calibro di Simon Norfolk, Jodef Koudelka, Olivo Barbieri, Paolo Ventura e Elger Esser ed importanti esponenti della cultura italiana come Anna Filigenzi, Valerio Magrelli, Marco Delogu, Marcello Barbanera, Bartolomeo Pietromarchi e Duilio Giammaria.

Calendario:   

mercoledì 7 maggio 2014, ore 18
Le rovine della guerra e i ruderi nel paesaggio
Simon Norfolk in conversazione con Duilio Giammaria e Anna Filigenzi

mercoledì 14 maggio 2014, ore 18
Il nuovo vedutismo urbano tra nostalgia e memoria
Conversazione tra Paolo Ventura e Valerio Magrelli
                                              
mercoledì 21 maggio 2014, ore 18
Omaggio al "Viaggio in Italia" di Ghirri, dal 1984 al 2014
Conversazione tra Olivo Barbieri e Marco Delogu
                                              
mercoledì 28 maggio 2014, ore 18
Geometrie del caos. Paesaggi di rovine nelle foto di Koudelka
Conversazione tra Jodef Koudelka e Marcello Barbanera
                                              
mercoledì 4 giugno 2014, ore 18
Forme del tempo e della memoria
Conversazione tra Elger Esser e Bartolomeo Pietromarchi


Museo Nazionale Romano – Palazzo Altemps
via Sant'Apollinare 8, Roma

Ingresso libero fino a esaurimento posti
Si consiglia la prenotazione: www.faiprenotazioni.it / 06 68804789

Clicca qui per scaricare la locandina

 

 



Vivi un'esperienza speciale

Castelli, ville, monasteri, boschi:
scopri la bellezza dei Beni FAI

Tifa per l'Italia che ami

Dal 13 maggio al 30 novembre
partecipa al Censimento 2014

Vivi di cultura risparmiando

Con la tessera FAI per te sconti
in oltre 700 realtà in tutta Italia!

Minacciato Ponte San Pietro

A rischio l'isolotto dal raro habitat
per un nuovo piano di insediamento


Iscriviti subito al FAI!