Per il paesaggio, l'arte e la natura.
Per sempre, per tutti.

Pompei, un nuovo servizio di vigilanza

Il commento di Andrea Carandini sul personale dell'area archeologica


Dal Presidente Il 24 luglio scorso i cancelli di Pompei sono rimasti chiusi per qualche ora per un'assemblea sindacale che non ha permesso a migliaia di turisti di visitare il sito archeologico campano. Si è così riaccesa la polemica sul servizio di vigilanza di Pompei.

Il Corriere del Mezzogiorno - 26/07/2015

Carandini: "I tempi sono cambiati La vigilanza va esternalizzata"

"Continuiamo a interrogarci su quanto accade a Pompei. Sono anni che lo facciamo. Per questo mi chiedo se sia ancora giusto, nella società post industiale di oggi, che i custodi degli Scavi restino ancora dipendenti pubblici". Andrea Carandini, archeologo di fama mondiale, presidente del FAI ed ex presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali, affronta con disagio la polemica esplosa a Pompei dopo che per ore migliaia di turisti sono stati costretti a rimanere fuori dall`area archeologica in attesa che terminasse un'assemblea sindacale.

«Nell'area archeologica - spiega - si intrecciano due ordini di problemi: il primo riguarda i lavori nel sito. Da presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali varai il Progetto Pompei per la manutenzione programmata di tutta la città. Progetto che poi è stato trasformato in una opera di restauro, costosissima, di un certo numero di domus. Invece la manutenzione avrebbe assicurato un raggio di azione più ampio e di conseguenza una larga attività di messa in sicurezza. Il secondo ordine di problemi - aggiunge Carandini - riguarda appunto l'efficienza del personale. Purtroppo, i sindacati non sono positivi per i Beni culturali. E un ministero avvitato su una impostazione così burocratica non riesce a fornire risultati rassicuranti. Forse è giunto il momento di esternalizzare il servizio di vigilanza. Occorre sperimentare nuove formule. Il vecchio modello di sorveglianza aveva qualche ragione molti anni fa. Ma ora occorrono giovani preparati, che sappiano accogliere i turisti, riescano a farsi interpreti di una esigenza comunicativa particolarmente richiesta dai visitatori. Insomma, anche il concetto di vigilanza cambia".

martedì 28 luglio 2015



Inserisci il tuo commento
INVIA
Per inserire un commento devi prima procedere alla LOGIN. Se non hai ancora un account REGISTRATI QUI.
NON CI SONO COMMENTI

I BENI DEL FAI

Castelli, ville, boschi: scopri le
meraviglie del FAI in tutta Italia!

“ROBERT WILSON. TALES”

Emozionati con le opere in mostra
a Villa Panza, Varese.

ISCRIVITI SUBITO AL FAI

Entra con noi nell'Italia che ami.
Dona valore al tuo tempo libero.

1 TESSERA, 1.000 VANTAGGI

Scopri tutti gli sconti riservati
ai nostri iscritti.



Dona valore al tuo tempo libero: iscriviti al FAI!