Per il paesaggio, l'arte e la natura.
Per sempre, per tutti.

Gli angeli del fango

Beni Culturali

Migliaia di volontari strapparono al fango secoli di arte e di storia

L’Arno straripa a Firenze’ titolavano le prime pagine dei quotidiani all’indomani del 4 novembre del 1966, quando la città fu colpita dall’evento più catastrofico del secolo scorso: 4.100 metri cubi di pioggia al secondo provocarono un’inondazione di acqua e fango che nel quartiere di Santa Croce raggiunse gli oltre 5 metri di altezza. Accanto alla tragedia provocata dalla morte di 35 persone, un altro dramma, certo emotivamente meno importante, colpì la città: centinaia di opere d’arte andarono rovinate, alcune per sempre, altre, dovettero subire accurati e lunghissimi restauri, che in molti casi non hanno dato gli esiti sperati. Preziosi manoscritti antichi furono coperti di fango nei magazzini della Biblioteca Nazionale e una delle più importanti opere pittoriche di tutti i tempi, il Crocifisso di Cimabue, nonostante il restauro, restò danneggiato all’80%. La nafta del riscaldamento, poi, impresse le tracce del livello raggiunto dalla’acqua su tanti monumenti e la Porta del Paradiso del Battistero fu spalancata dalla forza dell’acqua che staccò le formelle del Ghiberti, mentre innumerevoli furono i danni ai depositi degli Uffizi. L’Italia, ma non solo, fu scossa da una corsa alla solidarietà nei confronti dei cittadini, ma anche dell’immenso patrimonio artistico di Firenze: un vero e proprio esercito di giovani e meno giovani di tutte le nazionalità arrivarono a migliaia per salvare le opere d’arte e i libri, strappando al fango e all’oblio secoli di arte e storia. Furono chiamati, gli Angeli del fango.

Vai all'archivio delle news



Scopri i nostri eventi

Mostre d'arte, speciali visite guidate,
laboratori e yoga al tramonto

Ogni giorno FAI

Proteggi l'arte, il paesaggio e
la natura italiani. Unisciti a noi.

Vivi di cultura

Con la tessera FAI per te sconti
in oltre 900 realtà in tutta Italia!

L'Enciclica sull'ambiente

Leggi il commento di Giulia Maria
Crespi sulla Laudato si'



Iscriviti subito al FAI