Per il paesaggio, l'arte e la natura.
Per sempre, per tutti.

Il patrimonio culturale: diritti e doveri

Verso la ratifica della Convenzione di Faro


SOS FAI Il disegno di legge (DdL S.2795) di ratifica della Convenzione Quadro del Consiglio d'Europa sul valore del patrimonio culturale per la società, meglio nota come Convenzione di Faro – presentata nella città portoghese nel 2005 e firmata dall'Italia nel 2013 – è un testo rivoluzionario che introduce concetti molto più ampi e innovativi rispetto al passato in merito al patrimonio culturale.

Il 16 giugno scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge: il FAI auspica che compia il suo iter in tempi brevi affinché i principi in esso sanciti trovino un'attuazione concreta il prima possibile, garantendo a tutti il diritto al patrimonio culturale e il dovere di occuparsene.

Cos'è la Convenzione di Faro?

La Convenzione nasce dal Consiglio d'Europa per affermare il valore del patrimonio culturale e il suo ruolo come fattore di coesione sociale, oltre a sottolineare la sua importanza come volano per lo sviluppo economico dei Paesi.

Perché è rivoluzionaria?

Introduce un concetto diverso, molto più ampio e innovativo di patrimonio culturale che viene definito come "un insieme di risorse ereditate dal passato che alcune persone identificano, indipendentemente da chi ne detenga la proprietà, come riflesso ed espressione dei loro valori, credenze, costantemente in evoluzione”.

Quali sono i suoi obiettivi?

· legare il diritto al patrimonio culturale al diritto di partecipare alla vita culturale, così come definito dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo;
· riconoscere una responsabilità individuale e collettiva nei confronti del patrimonio culturale;
· sottolineare che la conservazione del patrimonio culturale, e il suo uso sostenibile, hanno come obiettivo lo sviluppo umano e la qualità della vita.

Quali sono gli innovativi concetti introdotti?

Il patrimonio culturale è quindi diritto di ogni cittadino che può trarre da esso beneficio e contribuire al suo arricchimento.
Si introduce il concetto di eredità culturale e il valore del patrimonio come risorsa per la tutela della diversità culturale in un'ottica di sostenibilità. È responsabilità di ognuno tutelare e valorizzare il patrimonio culturale per garantirne il godimento anche alle generazione future.
La Convenzione sostiene la partecipazione democratica al patrimonio culturale, l'apertura alle organizzazioni di volontariato e promuove tra i cittadini una responsabilità condivisa nei confronti del patrimonio stesso. Il testo di Faro sancisce un ribaltamento nella visione del patrimonio culturale e del suo valore per la società chiamata a partecipare ai processi di tutela e valorizzazione, una nuova visione “dal basso” che si innesta nello spirito dell'articolo 9 della Costituzione.

Foto © Emanuele Simonaro Parco della Valle dei Templi 2016


“Proteggi l'Italia, proteggi una parte di te”
Il Paese in cui viviamo è parte integrante della nostra stessa vita. Proteggiamolo insieme. Con una donazione al FAI puoi fare la tua parte. Sostieni la nostra attività con una donazione libera: ogni donazione, anche piccola, vale un patrimonio.
L'Italia te ne sarà grata.
Dona

giovedì 22 giugno 2017



Inserisci il tuo commento
INVIA
Per inserire un commento devi prima procedere alla LOGIN. Se non hai ancora un account REGISTRATI QUI.
NON CI SONO COMMENTI

I BENI DEL FAI

Castelli, ville, boschi: scopri le
meraviglie del FAI in tutta Italia!

“ROBERT WILSON. TALES”

Emozionati con le opere in mostra
a Villa Panza, Varese.

ISCRIVITI SUBITO AL FAI

Entra con noi nell'Italia che ami.
Dona valore al tuo tempo libero.

1 TESSERA, 1.000 VANTAGGI

Scopri tutti gli sconti riservati
ai nostri iscritti.



Dona valore al tuo tempo libero: iscriviti al FAI!