Per il paesaggio, l'arte e la natura.
Per sempre, per tutti.

Bologna: firmato il primo contratto di fiume

Al via il percorso partecipato per la riqualificazione e valorizzazione del sistema fluviale


Visto Dal FAI In occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua è stato sottoscritto il 22 marzo il documento di intenti che darà avvio al “Contratto di fiume del Reno bolognese e della Chiusa di Casalecchio di Reno e di Bologna Città d'acqua”.

Il patto costituisce il primo caso regionale di applicazione dello strumento “contratto di fiume” ad un'area urbana e rappresenta un percorso partecipato da oltre 20 attori pubblici e privati del territorio (tra i quali la Regione, la Città metropolitana, il Comune di Bologna e il Comune di Casalecchio) finalizzato a identificare una strategia condivisa di azione per il governo sostenibile del sistema fluviale e di parte dei canali bolognesi. Il “contratto di fiume” è, infatti, un protocollo giuridico che permette, secondo la definizione del secondo World Water Forum, “di adottare un sistema di regole in cui i criteri di utilità pubblica, rendimento economico, valore sociale, sostenibilità ambientale, intervengono in modo paritario nella ricerca di soluzioni efficaci per la riqualificazione di un bacino fluviale”.

Equilibrio delle tre E

Il FAI aderisce con entusiasmo a questa iniziativa perché, come ricorda la Carta Nazionale dei Contratti di Fiume, questi processi di programmazione negoziata possono identificare percorsi di riqualificazione e valorizzazione territoriale capaci di perseguire il cosiddetto “equilibrio delle tre E” (ecologia, equità, economia), di grande attualità rispetto al tema specifico della Giornata Mondiale dell'Acqua 2016, ovvero il rapporto tra Acqua e Occupazione.

Per la valorizzazione del territorio

Il contratto di fiume sottoscritto il 22 marzo tutela, quindi, i valori condivisi dal FAI, in particolare il richiamo alla necessità che siano maggiormente valorizzato, in modo sinergico con il paesaggio circostante, gli aspetti storico – culturali della Chiusa di Casalecchio e dei canali bolognesi: la prima, infatti, è il più antico manufatto di questo tipo al mondo ed è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dell'Unesco, e il canale di Reno, lungo circa 66 km, è in funziona da più di mille anni.

Strumento di prevenzione

Recentemente il contratto di fiume è stato, inoltre, inserito tra gli strumenti della Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici in quanto costituisce una delle misure di prevenzione e di tutela del territorio in occasione degli eventi calamitosi, un tema centrale per il FAI che vede nell'impiego di questi strumenti volontari di partecipazione un'ottima modalità per proteggere il territorio e le sue peculiarità.


“Il paesaggio è il nostro specchio.
Salviamolo insieme.”

Il paesaggio che ci circonda è un riflesso della nostra vita, delle nostre azioni quotidiane. Curiamolo insieme, proteggiamolo, perché possano gioirne anche le generazioni future. Sostieni la nostra attività di difesa del paesaggio con una donazione libera.
L'Italia te ne sarà grata.
Dona

martedì 22 marzo 2016



Inserisci il tuo commento
INVIA
Per inserire un commento devi prima procedere alla LOGIN. Se non hai ancora un account REGISTRATI QUI.
NON CI SONO COMMENTI

I BENI DEL FAI

Castelli, ville, boschi: scopri le
meraviglie del FAI in tutta Italia!

“ROBERT WILSON. TALES”

Emozionati con le opere in mostra
a Villa Panza, Varese.

ISCRIVITI SUBITO AL FAI

Entra con noi nell'Italia che ami.
Dona valore al tuo tempo libero.

1 TESSERA, 1.000 VANTAGGI

Scopri tutti gli sconti riservati
ai nostri iscritti.



Dona valore al tuo tempo libero: iscriviti al FAI!