Le origini. Virgilio, Enea e Roma.

Share
Le origini. Virgilio, Enea e Roma.
Non solo FAI di tipo Arte e Cultura A cura di Altro

Lezione di Andrea Carandini, professore emerito di Archeologia Classica e Presidente del FAI.

I primi Romani veneravano una lancia (Marte), un picchio (Pico) e un lupo (Fauno). Infatti Romolo era stato salvato da un picchio e da una lupa, antenati dei Silvi, i re di Alba. Un pantheon ancora semplice: quando Roma ha avuto coscienza di sé come potenza, si è forgiata un passato meno totemico e più cosmopolita. Già i Greci del VI e V secolo a.C. ritenevano che l'eroe troiano Enea, caduta Troia, avesse terminato le sue peripezie nel Lazio. Così non è stato difficile ai re Tarquini trovare in Enea e in suo figlio Ascanio l'origine dei Latini. Enea avrebbe condotto da Troia sulle coste laziali il culto del fuoco di Vesta e quello dei Penati, che, per i Romani, sarebbero diventati il fuoco sacro e i Penati di Roma. L'Eneide celebra l'epopea di Augusto, figlio di Cesare, discendente da Iulo, altro nome di Ascanio. Così si concludeva un intero ciclo epocale.

Ne parla Andrea Carandini, professore emerito di Archeologia Classica e Presidente del FAI, nella lezione di domenica 12 novembre presso il Teatro Carignano di Torino.

Biglietti

Intero: € 7

Abbonati TST, La Stampa, Carta Plus Circolo dei Lettori, possessori del biglietto mostra Odissee: € 5

Orari

Alle ore 11.00

Contatti

Il Circolo dei lettori, via Bogino 9, Torino:info@circololettori.it , 011 4326827.

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, convenzioni ed eventi unici a portata di mano!
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te