Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ABBAZIA DELLA SACRA DI SAN MICHELE

ABBAZIA DELLA SACRA DI SAN MICHELE

SANT'AMBROGIO DI TORINO, TORINO

28°

POSTO

2,303

VOTI 2020
Condividi
ABBAZIA DELLA SACRA DI SAN MICHELE
Antichissima abbazia costruita tra il 983 e il 987 sulla cima del monte Pirchiriano, a 40 km da Torino. Dall'alto dei suoi torrioni si possono ammirare il capoluogo piemontese e un panorama mozzafiato della Val di Susa. Da oltre 185 anni è amministrata e custodita dai Padri Rosminiani che con la loro presenza hanno contribuito alla sua crescita e al suo mantenimento, attraverso la realizzazione di progetti di conservazione, rafforzando l’identità religiosa e spirituale del luogo. All'interno della Chiesa principale della Sacra, risalente al XII secolo, sono ubicati i sarcofagi contenenti i resti di alcuni discendenti della famiglia reale di Casa Savoia. Dedicata al culto dell’Arcangelo Michele, difensore del popolo cristiano, la Sacra di San Michele s’inserisce all’interno di una via di pellegrinaggio lunga oltre 2000km che va da Mont Saint-Michel, in Francia, a Monte Sant’Angelo, in Puglia. Nel 1980, lo scrittore Umberto Eco si ispirò parzialmente a questa suggestiva abbazia, in origine benedettina, per ambientare il suo più celebre romanzo, Il nome della rosa. Inizialmente, fu anche proposto di girarvi le scene dell'omonimo film di Jean-Jacques Annaud del 1985, scelta poi scartata dai produttori cinematografici a causa degli elevati costi da sostenere. Il 15 marzo 2017, presso il Circolo dei Lettori di Torino, è stata presentata al pubblico la candidatura dell'abbazia a patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, nel quadro del sito seriale" Il paesaggio culturale degli insediamenti benedettini dell’Italia medievale". Al suo interno si conserva una splendida tavola di Defendente Ferrari. Al luogo è legata la leggenda della "Bella Alda": si dice che per sfuggire alla violenza di un saraceno la bella giovane si gettasse dall'alto della rupe, chiedendo il soccorso dell'Arcangelo Michele; miracolosamente la giovane si salvò e cadde al suolo senza nessuna ferita; più tardi però si vantò del fatto con le amiche e per dimostrare la protezione del Cielo si gettò un'altra volta: questa volta la superbia venne punita e la giovane si sfracellò. L'insolito nome femminile di origine franca, legato anche all'epica di Rolando, il paladino di Carlo Magno fidanzato appunto a un'Alda della corte carolingia, è abbastanza comune nella onomastica della Val di Susa, che vide spesso il passaggio degli eserciti imperiali nell'Alto Medioevo.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

1,276° Posto

70 Voti
Censimento 2016

480° Posto

143 Voti
Censimento 2014

446° Posto

127 Voti
Censimento 2012

362° Posto

49 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti
Censimento 2003

292° Posto

5 Voti

Vota altri luoghi vicini

1,261°
73 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIOVANNI VINCENZO

SANT'AMBROGIO DI TORINO, TORINO

24,753°
2 voti

Castello, rocca

CASTELLO DEL CONTE VERDE

CONDOVE, TORINO

28,387°
1 voto

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA ASSUNTA

CAPRIE, TORINO

Vota altri luoghi simili

14,749 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

10,658 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

7,824 voti

Area naturale

CIRCUMARPICCOLO, STORIA DI UNA STRADA DIMENTICATA

TARANTO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ABBAZIA DELLA SACRA DI SAN MICHELE

SANT'AMBROGIO DI TORINO, TORINO

Condividi
ABBAZIA DELLA SACRA DI SAN MICHELE
Antichissima abbazia costruita tra il 983 e il 987 sulla cima del monte Pirchiriano, a 40 km da Torino. Dall'alto dei suoi torrioni si possono ammirare il capoluogo piemontese e un panorama mozzafiato della Val di Susa. Da oltre 185 anni è amministrata e custodita dai Padri Rosminiani che con la loro presenza hanno contribuito alla sua crescita e al suo mantenimento, attraverso la realizzazione di progetti di conservazione, rafforzando l’identità religiosa e spirituale del luogo. All'interno della Chiesa principale della Sacra, risalente al XII secolo, sono ubicati i sarcofagi contenenti i resti di alcuni discendenti della famiglia reale di Casa Savoia. Dedicata al culto dell’Arcangelo Michele, difensore del popolo cristiano, la Sacra di San Michele s’inserisce all’interno di una via di pellegrinaggio lunga oltre 2000km che va da Mont Saint-Michel, in Francia, a Monte Sant’Angelo, in Puglia. Nel 1980, lo scrittore Umberto Eco si ispirò parzialmente a questa suggestiva abbazia, in origine benedettina, per ambientare il suo più celebre romanzo, Il nome della rosa. Inizialmente, fu anche proposto di girarvi le scene dell'omonimo film di Jean-Jacques Annaud del 1985, scelta poi scartata dai produttori cinematografici a causa degli elevati costi da sostenere. Il 15 marzo 2017, presso il Circolo dei Lettori di Torino, è stata presentata al pubblico la candidatura dell'abbazia a patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, nel quadro del sito seriale" Il paesaggio culturale degli insediamenti benedettini dell’Italia medievale". Al suo interno si conserva una splendida tavola di Defendente Ferrari. Al luogo è legata la leggenda della "Bella Alda": si dice che per sfuggire alla violenza di un saraceno la bella giovane si gettasse dall'alto della rupe, chiedendo il soccorso dell'Arcangelo Michele; miracolosamente la giovane si salvò e cadde al suolo senza nessuna ferita; più tardi però si vantò del fatto con le amiche e per dimostrare la protezione del Cielo si gettò un'altra volta: questa volta la superbia venne punita e la giovane si sfracellò. L'insolito nome femminile di origine franca, legato anche all'epica di Rolando, il paladino di Carlo Magno fidanzato appunto a un'Alda della corte carolingia, è abbastanza comune nella onomastica della Val di Susa, che vide spesso il passaggio degli eserciti imperiali nell'Alto Medioevo.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te