ISCRIVITI AL FAI A -10€
Scopri e proteggi l’Italia più bella
Scopri e proteggi l’Italia più bella
PER SEMPRE E PER TUTTI

Fino al 31 ottobre Ricordati di Salvare l’Italia: sostieni la campagna di raccolta fondi del FAI.

ABBAZIA DI SANTA MARIA DI CERRATE | ph. FAI | © ABBAZIA DI SANTA MARIA DI CERRATE | ph. Antonio Leo

Abbazia di Santa Maria di Cerrate

Il Salento ha un cuore millenario

Condividi
Abbazia di Santa Maria di Cerrate

tipologia

Bene aperto al pubblico

contatti

0832 361176
faicerrate@fondoambiente.it

Un tempo monastero di rito bizantino con scriptorium e biblioteca, poi centro di produzione agricola specializzato nella lavorazione delle olive: l’Abbazia di Cerrate restituisce un affascinante racconto della sua doppia anima di luogo di culto e masseria storica.

Affidata in concessione al FAI dalla Provincia di Lecce, nel 2012

Immersa in un meraviglioso paesaggio di uliveti, alberi da frutto e aree coltivate, secondo la leggenda l’Abbazia viene fondata dal re normanno Tancredi d’Altavilla a seguito di una visione della Madonna che insegue una cerbiatta in una grotta. Storicamente, invece, la fondazione è attestata tra la fine dell’XI e gli inizi del XII secolo, quando Boemondo d’Altavilla - figlio di Roberto il Guiscardo - insedia un cenobio di monaci greci, seguaci della regola di San Basilio Magno, che riparano in Salento per sfuggire alle persecuzioni iconoclaste di Bisanzio.

Sorta in prossimità della strada romana che univa Brindisi con Lecce e Otranto, l’Abbazia viene ampliata fino a divenire uno dei più importanti centri monastici dell’Italia meridionale: nel 1531, quando passa sotto il controllo dell’Ospedale degli Incurabili di Napoli, il complesso comprende, oltre alla chiesa, stalle, alloggi per i contadini, un pozzo, un mulino, due frantoi ipogei. 

Il saccheggio dei pirati turchi nel 1711 fa precipitare l’intero centro in uno stato di completo abbandono che prosegue nel corso del XIX secolo fino all’intervento della Provincia di Lecce, nel 1965, che affida i lavori di restauro all’architetto Franco Minissi. Grazie a un bando pubblico promosso dalla Provincia di Lecce, nel 2012 il complesso viene affidato al FAI.

Oggi, dopo un complesso intervento di restauro che ha permesso anche di riaprire al culto la Chiesa di Santa Maria di Cerrate, l'Abbazia è nuovamente visitabile e rappresenta uno splendido esempio di architettura romanica pugliese impreziosita da importanti affreschi che ne fanno un unicum nel mondo bizantino.

READ THE ENGLISH VERSION

Leggi tutto
Loading

Da non perdere

Affreschi all'interno della chiesa, ABBAZIA DI SANTA MARIA DI CERRATE, LECCE (LE )
Lo spirito del luogo

La spiritualità di un antico monastero che racchiude una chiesa romanica, scolpita nella bianca pietra leccese, dove ogni settimana si celebra la messa....

Leggi tutto
Restauro degli affreschi, ABBAZIA DI SANTA MARIA DI CERRATE, LECCE (LE )
Gli affreschi bizantini

Il restauro della chiesa ha portato a una nuova lettura, e alla valorizzazione del ciclo di affreschi, anche attraverso un touch-screen interattivo che...

Leggi tutto
Le passeggiate nella natura

Gli itinerari a piedi, in bicicletta e in auto, suggeriti dal FAI alla scoperta della Valle della Cupa e del Salento, lungo percorsi storici che si snodano...

Leggi tutto
Il mulino all'Abbazia di Cerrate, ABBAZIA DI SANTA MARIA DI CERRATE, LECCE (LE )
Il forno e il mulino

Riallestiti con arredi e oggetti della tradizione contadina, questi spazi ospitano anche un modello semovente del mulino e una riproduzione dello stampo...

Leggi tutto
Loggia al primo piano, ABBAZIA DI SANTA MARIA DI CERRATE, LECCE (LE )
Una sosta con vista eccezionale

La loggia al primo piano, affacciata sulla corte dove sorge la chiesa, consente di approfondire contenuti, rilassarsi o consumare uno spuntino con i prodotti...

Leggi tutto
Questo luogo è uno dei Beni che il FAI ha restaurato con cura e aperto al pubblico, perché tutti possano scoprirlo e amarlo.

Per mantenerlo intatto e curarlo in modo adeguato, questo luogo - come tutti gli altri salvati dal FAI - necessita di un’attenta manutenzione, sia ordinaria che straordinaria, e periodici interventi di restauro. Inoltre, i costi di gestione che permettono l’apertura al pubblico sono significativi. Per questo abbiamo bisogno di un aiuto concreto da parte di chi, come noi, vuole mantenere vivi per sempre luoghi unici e speciali.

Ultime News

Aziende

Una serata alla scoperta dell'Abbazia di Cerrate

2018-06-20

Lo scorso 13 giugno si è svolto l'incontro annuale dei Corporate Goden Donor, le aziende iscritte al FAI con la membership dedicata. La sera...

Aziende

Assogestioni sostiene il FAI attraverso il Salone del Risparmio

2018-06-20

Assogestioni ha avviato una nuova importante collaborazione con il FAI, sostenendo il restauro dell’Abbazia di S. Maria di Cerrate in provin...

Attualità

Tornano Sere FAI d'Estate

2018-05-16

Oltre 160 eventi dal 1° giugno al 1° settembre in 21 Beni FAI, aperti straordinariamente dal tramonto a mezzanotte...

Aziende

Grazie alle aziende che hanno sostenuto il restauro dell'Abbazia di Cerrate

2018-03-29

Lo scorso 7 aprile ha riaperto le porte, al culto e alle visite, la chiesa millenaria del Complesso Abbaziale di S. Maria di Cerrate a Lecce...

Ti potrebbero interessare

Bene aperto al pubblico

Villa dei Vescovi

LUVIGLIANO DI TORREGLIA, PADOVA

Il Rinascimento sui Colli Euganei

Bene aperto al pubblico

Casa Noha

MATERA

In un'antica dimora ti raccontiamo la storia di Matera

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te