Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ABBAZIA DI SANTA MARIA IN ELCE

ABBAZIA DI SANTA MARIA IN ELCE

CALITRI, AVELLINO

1,586°

POSTO

48

VOTI 2020
Condividi
ABBAZIA DI SANTA MARIA IN ELCE
Fondata nella seconda metà del X sec., un documento longobardo del 1017 autorizza il frate Dauferio nel nominare il suo successore. Nei due secoli successivi l'abbazia crebbe d'importanza, tanto da ottenere proprietà e altri edifici religiosi minori. Ottenne il titolo di Universitas (attuale Comune) e poderi nelle campagne circostanti, fino a 500 fuochi (famiglie). L'avvento dei Gesualdo come feudatari di Calitri, è l'inizio di problemi e del declino, poiché la nobile famiglia non accetterà mai l'indipendenza e la ricchezza di questa struttura religiosa, ed infatti, ne otterranno la commenda con il conseguente abbandono da parte dei religiosi prima, e dei coloni dopo, a seguito di un bando che ne imponeva la partenza. Dell'antica costruzione benedettina sulla cima della collina, completamente abbandonata a fine XVI secolo (probabilmente nel 1597), sono visibili, tra la vegetazione, i resti della cinta muraria e della chiesa abbaziale. Le murature emergenti in pietra locale sono rappresentative della tipologia edilizia degli insediamenti fortificati medievali. Trattasi di un esempio di abbazia fortificata. Numerosi ambienti voltati sono interrati. Sono visibili lungo i versanti della collina, sommersi dalla vegetazione, a valle della cinta muraria, i resti delle costruzioni abbandonate alla fine del XVI secolo. Interessante anche la leggenda del ritrovamento, su questa collina, di un'immagine della Madonna tra la vegetazione, dettaglio che fa pensare alla presenza di un cenobio basiliano. I monaci greci di rito greco erano in cerca di luoghi isolati dove potere venerare le immagini sacre bandite nell'Impero Romano d'Oriente (Bizantino). Non ci sono prove che supportino questa ipotesi, ma numerosi sono i luoghi tra Basilicata e Irpinia dove essi sono attestati.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

10,422° Posto

8 Voti
Censimento 2016

11,616° Posto

5 Voti

Vota altri luoghi vicini

15,542°
4 voti

Area naturale

ULIVETO SANTARCANGELO

CALITRI, AVELLINO

13,476°
4 voti

Area urbana, piazza

PIAZZETTA BUCCOLO

CALITRI, AVELLINO

15,987°
3 voti

Area urbana, piazza

VICO CICOIRA

CALITRI, AVELLINO

Vota altri luoghi simili

12,983 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

9,701 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

6,387 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ABBAZIA DI SANTA MARIA IN ELCE

CALITRI, AVELLINO

Condividi
ABBAZIA DI SANTA MARIA IN ELCE
Fondata nella seconda metà del X sec., un documento longobardo del 1017 autorizza il frate Dauferio nel nominare il suo successore. Nei due secoli successivi l'abbazia crebbe d'importanza, tanto da ottenere proprietà e altri edifici religiosi minori. Ottenne il titolo di Universitas (attuale Comune) e poderi nelle campagne circostanti, fino a 500 fuochi (famiglie). L'avvento dei Gesualdo come feudatari di Calitri, è l'inizio di problemi e del declino, poiché la nobile famiglia non accetterà mai l'indipendenza e la ricchezza di questa struttura religiosa, ed infatti, ne otterranno la commenda con il conseguente abbandono da parte dei religiosi prima, e dei coloni dopo, a seguito di un bando che ne imponeva la partenza. Dell'antica costruzione benedettina sulla cima della collina, completamente abbandonata a fine XVI secolo (probabilmente nel 1597), sono visibili, tra la vegetazione, i resti della cinta muraria e della chiesa abbaziale. Le murature emergenti in pietra locale sono rappresentative della tipologia edilizia degli insediamenti fortificati medievali. Trattasi di un esempio di abbazia fortificata. Numerosi ambienti voltati sono interrati. Sono visibili lungo i versanti della collina, sommersi dalla vegetazione, a valle della cinta muraria, i resti delle costruzioni abbandonate alla fine del XVI secolo. Interessante anche la leggenda del ritrovamento, su questa collina, di un'immagine della Madonna tra la vegetazione, dettaglio che fa pensare alla presenza di un cenobio basiliano. I monaci greci di rito greco erano in cerca di luoghi isolati dove potere venerare le immagini sacre bandite nell'Impero Romano d'Oriente (Bizantino). Non ci sono prove che supportino questa ipotesi, ma numerosi sono i luoghi tra Basilicata e Irpinia dove essi sono attestati.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te