Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ANTICO TEATRO DI ANATOMIA DI VENEZIA

ANTICO TEATRO DI ANATOMIA DI VENEZIA

VENEZIA

181°

POSTO

2,788

VOTI 2018
ANTICO TEATRO DI ANATOMIA DI VENEZIA
L’Antico Teatro di Anatomia di Venezia, sito in Campo di S. Giacomo dall’Orio, fu costruito per volontà del Senato veneziano nel 1667 grazie al lascito testamentario del patrizio Lorenzo Loredan. La necessità impellente di far progredire le conoscenze medico-scientifiche in quell’epoca martoriata da continue devastanti epidemie spinse molti cittadini abbienti a contribuire al “bene comune”. Costruito su un terreno pubblico grazie ad una donazione il Teatro Anatomico fu l’esempio di come un privato potesse offrire il proprio contributo per finalità collettive. L’edificio così per oltre un secolo e mezzo divenne il centro della comunità medico scientifica veneziana ospitando oltre alle sezioni anatomiche, i Collegi, gli archivi e le biblioteche dei Medici Fisici e dei Chirurghi, una sede universitaria di medicina e una scuola di Ostetricia. Ai nostri tempi, dopo molte traversie e trasformazioni, dal 1980 il Teatro anatomico è diventato di proprietà pubblica regionale e solo recentemente - nonostante la decisa contrarietà della popolazione - è stato alienato a privati. La recente “rottamazione” degli edifici pubblici monumentali “per fare cassa” e la continua trasformazione delle destinazioni d'uso dei palazzi a scopi unicamente turistico-commerciali, pratica che sta trasformando drasticamente il profilo urbano e sociale di tante città storiche italiane, a Venezia più che mai sta mettendo in pericolo la tenuta sociale della città, travolgendola e "decimandola" numericamente. Contro questo destino che rischia di trasformare il Teatro Anatomico nell’ennesimo ristorante per turisti, da cui Venezia è letteralmente invasa, la comunità di S. Giacomo dall’Orio è scesa in piazza per difendere questo monumento e la propria sopravvivenza. Campo S. Giacomo è uno dei pochi luoghi di Venezia ancora densamente abitati da residenti, dove centinaia di bambini ogni giorno giocano dopo la scuola, dove anziani sostano e si incontrano quotidianamente, dove gli abitanti sono riusciti a preservare spazi di socialità, servizi, eventi popolari. Negli ultimi decenni questo luogo vivo della città, come già accaduto altrove, rischia di essere spazzato via dalla crescita smisurata di attività commerciali-turistiche: B&B, alberghi, ristoranti, fast-food, con annessi enormi plateatici. L’Antico Teatro di Anatomia non è solo un luogo storico importante di Venezia, un edificio costruito dalla Serenissima per il progresso medico-scientifico, ma è innanzitutto un simbolo di una città e di una comunità che NON vuole morire soffocata da un turismo selvaggio e dirompente, non gestito o gestito male da politiche che hanno completamente trascurato il rispetto e la difesa del tessuto sociale e della vivibilità urbana. Insomma l’Antico Teatro di Anatomia di Venezia è davvero un “luogo del cuore” intorno al quale una comunità si è stretta per dire BASTA alla “rottamazione” degli edifici storici della città in nome di una mono-cultura turistica troppo aggressiva. Da quando gli abitanti si sono mobilitati in difesa di questo luogo, il Teatro è diventato un simbolo per molti veneziani, e non solo, di rinascita. Sono sorte così tante iniziative collettive culturali e sociali sostenute dalla popolazione stessa: dalla ludoteca al cineforum, dai laboratori teatrali e di danza alle presentazioni di libri, dalle conferenze ed incontri culturali alle visite storiche guidate; ma soprattutto il Teatro anatomico è diventato lo spazio di tutti e per tutti, dove gli abitanti condividono momenti e iniziative, dove le associazioni culturali cittadine si confrontano, dove la convivialità convive con il dibattito e il confronto in una dinamica nuova che trasforma il “luogo pubblico” in “comunità condivisa”. Dare il proprio voto all’Antico Teatro di Anatomia per eleggerlo Luogo del Cuore FAI significa sostenere una battaglia culturale, sociale e civile in nome del diritto costituzionale di una comunità a vivere e a tutelare i propri luoghi di incontro, di socialità, di condivisione.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

181° Posto

2,788 Voti

Scopri altri luoghi vicini

5,544°
15 voti

Edificio civile

AEROPORTO CIVILE G. NICELLI

VENEZIA

6,414°
13 voti

Area naturale

AREA VERDE IN LOC. SAN NICOLO'

VENEZIA

2,011°
42 voti

Area naturale

BARENA DI CAMPALTO

VENEZIA

6,414°
13 voti

Chiesa

BASILICA DI SAN MARCO

VENEZIA

Scopri altri luoghi simili

75,740 voti

Edificio civile

ANTICO STABILIMENTO TERMALE

PORRETTA TERME, BOLOGNA

35°
11,030 voti

Edificio civile

PARTERRE DI PIAZZA SAN FRANCESCO

PISTOIA

61°
6,596 voti

Edificio civile

ISTITUTO VITTORIO EMANUELE II

GIOVINAZZO, BARI

108°
4,041 voti

Edificio civile

ISTITUTO "MONS. ANDREA FIORE" - AULE STORICHE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ANTICO TEATRO DI ANATOMIA DI VENEZIA

VENEZIA

ANTICO TEATRO DI ANATOMIA DI VENEZIA
L’Antico Teatro di Anatomia di Venezia, sito in Campo di S. Giacomo dall’Orio, fu costruito per volontà del Senato veneziano nel 1667 grazie al lascito testamentario del patrizio Lorenzo Loredan. La necessità impellente di far progredire le conoscenze medico-scientifiche in quell’epoca martoriata da continue devastanti epidemie spinse molti cittadini abbienti a contribuire al “bene comune”. Costruito su un terreno pubblico grazie ad una donazione il Teatro Anatomico fu l’esempio di come un privato potesse offrire il proprio contributo per finalità collettive. L’edificio così per oltre un secolo e mezzo divenne il centro della comunità medico scientifica veneziana ospitando oltre alle sezioni anatomiche, i Collegi, gli archivi e le biblioteche dei Medici Fisici e dei Chirurghi, una sede universitaria di medicina e una scuola di Ostetricia. Ai nostri tempi, dopo molte traversie e trasformazioni, dal 1980 il Teatro anatomico è diventato di proprietà pubblica regionale e solo recentemente - nonostante la decisa contrarietà della popolazione - è stato alienato a privati. La recente “rottamazione” degli edifici pubblici monumentali “per fare cassa” e la continua trasformazione delle destinazioni d'uso dei palazzi a scopi unicamente turistico-commerciali, pratica che sta trasformando drasticamente il profilo urbano e sociale di tante città storiche italiane, a Venezia più che mai sta mettendo in pericolo la tenuta sociale della città, travolgendola e "decimandola" numericamente. Contro questo destino che rischia di trasformare il Teatro Anatomico nell’ennesimo ristorante per turisti, da cui Venezia è letteralmente invasa, la comunità di S. Giacomo dall’Orio è scesa in piazza per difendere questo monumento e la propria sopravvivenza. Campo S. Giacomo è uno dei pochi luoghi di Venezia ancora densamente abitati da residenti, dove centinaia di bambini ogni giorno giocano dopo la scuola, dove anziani sostano e si incontrano quotidianamente, dove gli abitanti sono riusciti a preservare spazi di socialità, servizi, eventi popolari. Negli ultimi decenni questo luogo vivo della città, come già accaduto altrove, rischia di essere spazzato via dalla crescita smisurata di attività commerciali-turistiche: B&B, alberghi, ristoranti, fast-food, con annessi enormi plateatici. L’Antico Teatro di Anatomia non è solo un luogo storico importante di Venezia, un edificio costruito dalla Serenissima per il progresso medico-scientifico, ma è innanzitutto un simbolo di una città e di una comunità che NON vuole morire soffocata da un turismo selvaggio e dirompente, non gestito o gestito male da politiche che hanno completamente trascurato il rispetto e la difesa del tessuto sociale e della vivibilità urbana. Insomma l’Antico Teatro di Anatomia di Venezia è davvero un “luogo del cuore” intorno al quale una comunità si è stretta per dire BASTA alla “rottamazione” degli edifici storici della città in nome di una mono-cultura turistica troppo aggressiva. Da quando gli abitanti si sono mobilitati in difesa di questo luogo, il Teatro è diventato un simbolo per molti veneziani, e non solo, di rinascita. Sono sorte così tante iniziative collettive culturali e sociali sostenute dalla popolazione stessa: dalla ludoteca al cineforum, dai laboratori teatrali e di danza alle presentazioni di libri, dalle conferenze ed incontri culturali alle visite storiche guidate; ma soprattutto il Teatro anatomico è diventato lo spazio di tutti e per tutti, dove gli abitanti condividono momenti e iniziative, dove le associazioni culturali cittadine si confrontano, dove la convivialità convive con il dibattito e il confronto in una dinamica nuova che trasforma il “luogo pubblico” in “comunità condivisa”. Dare il proprio voto all’Antico Teatro di Anatomia per eleggerlo Luogo del Cuore FAI significa sostenere una battaglia culturale, sociale e civile in nome del diritto costituzionale di una comunità a vivere e a tutelare i propri luoghi di incontro, di socialità, di condivisione.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te