Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
BAGNI MUNICIPALI

BAGNI MUNICIPALI

CUNEO

2,348°

POSTO

47

VOTI 2020
BAGNI MUNICIPALI
“Il bel palazzotto dei Bagni Municipali” come lo definì Camillo Fresia (romanziere, giornalista memorialista, cultore di storia locale - n.d.r.), fu inaugurato a marzo del 1923 e dotato, ancora in fase di realizzazione, di servizi accessori rispetto al progetto: un impianto bagni per le scuole e un impianto interno lavanderia. All'interno, nelle parti laterali, avevano sede venti servizi igienici, otto vasche da bagno e dodici docce. L’edificio fu totalmente finanziato dalla "Cassa Di Risparmio" e donato al Comune. Esso dotava la città nuova di un importante “presidio benefico di salute e igiene”, come cita la lapide all'ingresso, e colmava un’esigenza sentita da alcuni anni, per la quale era stata nel 1905 presentata da un privato (avvocato G. Bollano) domanda di costruzione di uno stabilimento in Corso Solaro angolo Corso Garibaldi, dotato di bagni turchi interni e di una vasca natatoria all'aperto, anch'essa a disposizione del pubblico. L’edificio in Via Vittorio Amedeo fu realizzato senza alcune modificazioni estetiche rispetto ai disegni di Antonio F. Galliano: presenta numerosi elementi decorativi neoclassici, come i capitelli pseudo-ionici che sormontano i semi-pilastri scanalati delle facciate a sostegno del cornicione decorato a ghirlande e della balaustra del tetto. La parte centrale, sopraelevata di un piano rispetto alle laterali, le aperture e gli altri elementi architettonici richiamo invece lo stile decò.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

2,411°
46 voti

Area agricola

COLTURE TERRAZZATE DELL'ALTA LANGA

CUNEO

3,073°
35 voti

Edificio civile

ISTITUTO "MONS. ANDREA FIORE" - AULE STORICHE

CUNEO

Vota altri luoghi simili

18,699 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

17,537 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,686 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

BAGNI MUNICIPALI

CUNEO

BAGNI MUNICIPALI
“Il bel palazzotto dei Bagni Municipali” come lo definì Camillo Fresia (romanziere, giornalista memorialista, cultore di storia locale - n.d.r.), fu inaugurato a marzo del 1923 e dotato, ancora in fase di realizzazione, di servizi accessori rispetto al progetto: un impianto bagni per le scuole e un impianto interno lavanderia. All'interno, nelle parti laterali, avevano sede venti servizi igienici, otto vasche da bagno e dodici docce. L’edificio fu totalmente finanziato dalla "Cassa Di Risparmio" e donato al Comune. Esso dotava la città nuova di un importante “presidio benefico di salute e igiene”, come cita la lapide all'ingresso, e colmava un’esigenza sentita da alcuni anni, per la quale era stata nel 1905 presentata da un privato (avvocato G. Bollano) domanda di costruzione di uno stabilimento in Corso Solaro angolo Corso Garibaldi, dotato di bagni turchi interni e di una vasca natatoria all'aperto, anch'essa a disposizione del pubblico. L’edificio in Via Vittorio Amedeo fu realizzato senza alcune modificazioni estetiche rispetto ai disegni di Antonio F. Galliano: presenta numerosi elementi decorativi neoclassici, come i capitelli pseudo-ionici che sormontano i semi-pilastri scanalati delle facciate a sostegno del cornicione decorato a ghirlande e della balaustra del tetto. La parte centrale, sopraelevata di un piano rispetto alle laterali, le aperture e gli altri elementi architettonici richiamo invece lo stile decò.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te