Iscriviti al FAI

BIBLIOTECA COMUNALE MOZZI BORGETTI

MACERATA

Condividi
BIBLIOTECA COMUNALE MOZZI BORGETTI
Nel 1773, in seguito alla soppressione dell’Ordine dei Gesuiti che avevano stabilito nel palazzo il loro collegio, papa Clemente XIV concesse al Comune di formare una pubblica Biblioteca all’interno dell’edificio. Soprattutto grazie a Bartolomeo Mozzi la biblioteca fu aperta ai cittadini nel 1787 con il nome di Biblioteca Mozziana. Nel 1833 il domenicano Tommaso Borgetti decise di fondare una seconda biblioteca, composta soprattutto dei volumi che egli stesso donò: la Biblioteca Borgettiana. Le due biblioteche vennero fuse nel 1855 dando vita alla Biblioteca Mozzi Borgetti, che oggi, con un patrimonio di circa 400000 volumi, oltre 10000 manoscritti e circa 300 esemplari di incunaboli, è una delle biblioteche più grandi delle Marche. La Sala degli Specchi, l'ambiente più raffinato dell'edificio, fu decorata a grottesche con affeschi che costituiscono un programma iconografico di stampo illuministico, come dimostrano i medaglioni con i ritratti di filosofi e scienziati illustri.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te