Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CAPPELLA REGINA DEGLI ANGELI CIMENA

CAPPELLA REGINA DEGLI ANGELI CIMENA

SAN RAFFAELE CIMENA, TORINO

22,790°

POSTO

3

VOTI 2018
Condividi
CAPPELLA REGINA DEGLI ANGELI CIMENA
La cappella, dedicata alla Regina Angelorum, risale al 1840, si trova lungo la SP 590 a Cimena, comune di San Raffaele Cimena. Precedentemente nello stesso sito esisteva una cappella sorta forse dopo il mille e intitolata a S. Maria Maddalena. Dopo la visita dell'arcivescovo monsignor Franzoni nel 1838, che ordinava di effettuare migliorie alla cappella di Cimena, i marchesi Thaon di Revel (s.e. il conte Ottavio di Revel) si assunsero l'onere di provvedere alla chiesa e al cappellano. I marchesi restaurarono la chiesa, la modificarono e l'abbellirono, ottenendo dall'autorità ecclesiastica la facoltà di dedicarla alla Madonna Regina degli Angeli. Nel 1895 si trova scritto che nella borgata di Cimena, si innalza una chiesuola, propria del conte Thaon di Revel, officiata dal teol. Giacomo Pautasso, in cui si benedice il popolo in tutte le domeniche e feste di precetto, nelle novene e feste del santo natale, della Madonna degli Angeli, di S. Maria Maddalena, nei tre giorni in cui si cantano le messe per i defunti della famiglia Revel. La cappella di Cimena fu portata al massimo dell'efficienza verso il 1960 con l'opera concorde del marchese Carlo Thaon di Revel e di don Domenico Ferrero, ultimo capellano della lunga serie di sacerdoti che si dedicarono al bene dei cimenesi. Nel 1970 il marchese donò alla parrocchia Sacro Cuore di Gesù della piana di San Raffaele l'edificio comprendente anche la chiesa. Attualmente, in forte stato di degrado, viene aperta per poche cerimonie religiose durante l'anno. La cappella, in stile neoclassico, è inserita senza soluzione di continuità nel complesso del cascinale dell'antica proprietà dei Thaon di Revel. Nella facciata si riprende il motivo neoclassico del tempio greco: due colonne doriche con capitelli sormontate dall'architrave, ritmato da mètope e triglìfi, e dal timpano. Al di sotto un'apertura a lunetta è inserita in una nicchia e sormonta il portale ligneo, incorniciato da lievi modanature, che immette nella chiesa. All'interno la chiesa, a pianta rettangolare, presenta un'unica navata coperta von volta a botte. Questa, in parte cassettonata, é ritmata da sottarchi impostati su esili lesene che scandiscono il pur breve spazio della navata. Una balaustra interrompe e separa la navata dal presbiterio dove c'è un semplice altare marmoreo; la chiesa si conclude nel catino absidale che presenta motivi ottagonali nella copertura: qui la luce irrompe da due vetrate raffiguranti la potenza dell'altissimo.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

22,790° Posto

3 Voti
Censimento 2016

106° Posto

3,023 Voti

Scopri altri luoghi vicini

19,027°
4 voti

Chiesa

CHIESA DELLO SPIRITO SANTO

GASSINO TORINESE, TORINO

22,790°
3 voti

Area naturale

COLLINA GASSINESE

GASSINO TORINESE, TORINO

32,550°
1 voto

Mulino

MULINO RE

BRANDIZZO, TORINO

7,642°
11 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA

CASTAGNETO PO, TORINO

Scopri altri luoghi simili

45°
8,834 voti

Cappella

SANTA MARIA A CERMENNA

PIANO DI SORRENTO, NAPOLI

68°
5,805 voti

Cappella

CASALE DI GIANO

BISCEGLIE, BARLETTA ANDRIA TRANI

114°
3,882 voti

Cappella

CHIESA DI SAN GIACOMO

SUPERSANO, LECCE

197°
2,383 voti

Cappella

CAPPELLA CANTONI-PANZARASA

GROPELLO CAIROLI, PAVIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CAPPELLA REGINA DEGLI ANGELI CIMENA

SAN RAFFAELE CIMENA, TORINO

Condividi
CAPPELLA REGINA DEGLI ANGELI CIMENA
La cappella, dedicata alla Regina Angelorum, risale al 1840, si trova lungo la SP 590 a Cimena, comune di San Raffaele Cimena. Precedentemente nello stesso sito esisteva una cappella sorta forse dopo il mille e intitolata a S. Maria Maddalena. Dopo la visita dell'arcivescovo monsignor Franzoni nel 1838, che ordinava di effettuare migliorie alla cappella di Cimena, i marchesi Thaon di Revel (s.e. il conte Ottavio di Revel) si assunsero l'onere di provvedere alla chiesa e al cappellano. I marchesi restaurarono la chiesa, la modificarono e l'abbellirono, ottenendo dall'autorità ecclesiastica la facoltà di dedicarla alla Madonna Regina degli Angeli. Nel 1895 si trova scritto che nella borgata di Cimena, si innalza una chiesuola, propria del conte Thaon di Revel, officiata dal teol. Giacomo Pautasso, in cui si benedice il popolo in tutte le domeniche e feste di precetto, nelle novene e feste del santo natale, della Madonna degli Angeli, di S. Maria Maddalena, nei tre giorni in cui si cantano le messe per i defunti della famiglia Revel. La cappella di Cimena fu portata al massimo dell'efficienza verso il 1960 con l'opera concorde del marchese Carlo Thaon di Revel e di don Domenico Ferrero, ultimo capellano della lunga serie di sacerdoti che si dedicarono al bene dei cimenesi. Nel 1970 il marchese donò alla parrocchia Sacro Cuore di Gesù della piana di San Raffaele l'edificio comprendente anche la chiesa. Attualmente, in forte stato di degrado, viene aperta per poche cerimonie religiose durante l'anno. La cappella, in stile neoclassico, è inserita senza soluzione di continuità nel complesso del cascinale dell'antica proprietà dei Thaon di Revel. Nella facciata si riprende il motivo neoclassico del tempio greco: due colonne doriche con capitelli sormontate dall'architrave, ritmato da mètope e triglìfi, e dal timpano. Al di sotto un'apertura a lunetta è inserita in una nicchia e sormonta il portale ligneo, incorniciato da lievi modanature, che immette nella chiesa. All'interno la chiesa, a pianta rettangolare, presenta un'unica navata coperta von volta a botte. Questa, in parte cassettonata, é ritmata da sottarchi impostati su esili lesene che scandiscono il pur breve spazio della navata. Una balaustra interrompe e separa la navata dal presbiterio dove c'è un semplice altare marmoreo; la chiesa si conclude nel catino absidale che presenta motivi ottagonali nella copertura: qui la luce irrompe da due vetrate raffiguranti la potenza dell'altissimo.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te