Iscriviti al FAI
Giornate FAI d'Autunno
16 - 17 ottobre
CAPPELLINA PRIVATA DI PALAZZO SVAMPA

CAPPELLINA PRIVATA DI PALAZZO SVAMPA

MONTEGRANARO, FERMO

Condividi
CAPPELLINA PRIVATA DI PALAZZO SVAMPA

Ingresso dedicato agli iscritti FAI con possibilità di iscriversi in loco

Apertura a cura di

GRUPPO GIOVANI FAI FERMO

Orario

Domenica: 00:00 - 00:00 / 17:30 - 18:30

Note per la visita

c/o Palazzo Svampa

A CURA DI GRUPPO GIOVANI FAI FERMO

Inserita lungo il crinale della collina sulla quale Montegranaro si sviluppa secondo l'asse est-ovest ed è attualmente inglobata in un palazzo di civile abitazione.

La chiesa compare nei documenti a partire dal 1422, anche se la presenza dell'edificio è attestata già dalla fine del Trecento. La piccola chiesa è divenuta, dalla fine dell'Ottocento, cappella privata della famiglia Svampa, proprietaria dell'intero stabile, che diede i natali al Card. Domenico Svampa, Arcivescovo di Bologna.

La facciata, in laterizio come tutto il palazzo che la ingloba, presenta un portone d'ingresso sormontato da uno stemma in pietra scolpita raffigurante l'araldica di Montegranaro. L'interno, a pianta quadrangolare, con soffitto a cassettoni al centro dei quali si colloca un fiore dorato dai petali aperti, presenta un altare sulla parete opposta all'ingresso e due grandi armadi alle pareti laterali, uno dei quali – quello di sinistra – ospita un affresco raffigurante la Vergine in trono col Bambino e angeli databile alla prima metà del secolo XV. L'altro armadio funge da espositore di arredi liturgici. L'altare maggiore in legno dipinto a finti marmi policromi, presenta una pala a fresco raffigurante il santo titolare della Cappella – San Michele Arcangelo – della seconda metà del secolo XVIII (doc. 1728). Le pareti ospitano inoltre la serie della Via Crucis, stampe acquarellate della fine del secolo XVIII.

COSA SCOPRIRETE DURANTE LE GIORNATE FAI?

La famiglia che acquistò il Palazzo diventando proprietaria della chiesa trasformata nella loro cappella privata, diede i natali a Domenico Svampa, e rappresentava una delle famiglie più in vista di Montegranaro già da secoli. Domenico Svampa divenne Cardinale dopo aver condotto i primi studi nel Seminario di Fermo dove, nel 1867, conobbe don Giovanni Bosco. A Roma si laureò e fu ordinato sacerdote. Si distinse a Forlì come Vescovo per la sua verve innovativa che lo portava ad accogliere molte iniziative, come l'istituzione delle casse rurali, il giornale l'Avvenire, gli istituti di istruzione dei Salesiani. Il 20 febbraio 1897 ottenne il titolo di Principe del Sacro Romano Impero. Durante il conclave, quando stava per essere eletto Papa, fu colpito da un ictus che gli paralizzò il viso e gli impedì di prendere parte alle votazioni. Passò agli onori della storia per l'incontro a Bologna con il Re d'Italia Vittorio Emanuele III e il famoso menù di magro, poiché il pranzo ufficiale coincideva con un giorno di digiuno, celebrato poi da Giulio Andreotti nel libro "Pranzo di magro per il cardinale", ma che gli costò la stima e l'appoggio del Pontefice, contrario all'incontro. Per tutto ciò che ha fatto il New York Times gli dedicò ventidue articoli.

LUOGO SOLITAMENTE CHIUSO

Luogo di proprietà privata

Visite a cura di

Nicoletta Graziaplena

Gallery

Aperture vicine

CHIESA SS. FILIPPO E GIACOMO

MONTEGRANARO, FERMO

CRIPTA DI S. UGO

MONTEGRANARO, FERMO

ORATORIO DI SANTA MONICA

FERMO

PALAZZO BERNETTI EVANGELISTA

FERMO

ORTO SUL COLLE DELL'INFINITO

RECANATI, MACERATA

VILLA BONCI. COMPLESSO AERONAUTICA MILITARE

LORETO, ANCONA

MONUMENTO NAZIONALE DELLE MARCHE AI VITTORIOSI DI CASTELFIDARDO

CASTELFIDARDO, ANCONA

ROCCA MEDIEVALE DI OFFAGNA E MUSEO DI STORIA NATURALE PAOLUCCI

OFFAGNA, ANCONA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CAPPELLINA PRIVATA DI PALAZZO SVAMPA

MONTEGRANARO, FERMO

CAPPELLINA PRIVATA DI PALAZZO SVAMPA
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te