Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASA MARTELLI

CASA MARTELLI

BOLOGNA

3,070°

POSTO

35

VOTI 2020
CASA MARTELLI
Questo pregevole edificio nobile risale al XV sec. È situato in corrispondenza della cerchia medievale delle mura cittadine. Il palazzo è su 3 livelli con un ampio cortile interno centrale e due piccoli cortili secondari. Forse antichi chiostri che potrebbero essere l’unica traccia rimasta di un antico convento. L’edificio ha una sola facciata esterna, visibile in via delle Tovaglie. Il prospetto è porticato, in laterizio, con cornice marcapiano e cornicione dentellato. Il portico a quattro arcate è coperto da volte a crociera e sostenuto da pilastri ottagonali con bei capitelli in pietra. Presentano fori, forse risalenti all’ultimo conflitto. Come cita la targa, fu dimora del poeta arcade e drammaturgo Pier Jacopo Martello (o Martelli, 1665-1727), che qui vi abitò con la famiglia d’origine e qui incontrò altri letterati e pittori celebri, tra cui Carlo Cignani. Di proprietà privata, dal 2002 è inagibile all’interno e presenta alle pareti possibilità di crolli. Già nel 2016 il palazzo fu segnalato dalla sezione bolognese di Italia Nostra, che ne chiese un generale intervento restaurativo, come previsto dall’atto di tutela a cui l’edificio è vincolato. È evidente il desolante stato di incuria e abbandono in cui versa questa illustre testimonianza di un pezzo di storia bolognese. Merita ben altra sorte… e solo l’interesse dei cittadini potrà salvarlo.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

8,711°
11 voti

Monastero

COMPLESSO BENEDETTINO DI SAN PROCOLO

BOLOGNA

26,821°
2 voti

Altro

FONOPRINT STUDIOS (STUDI DI REGISTRAZIONE, MASTERING ED AUTHORING)

BOLOGNA

Vota altri luoghi simili

18,701 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

17,539 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,686 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASA MARTELLI

BOLOGNA

CASA MARTELLI
Questo pregevole edificio nobile risale al XV sec. È situato in corrispondenza della cerchia medievale delle mura cittadine. Il palazzo è su 3 livelli con un ampio cortile interno centrale e due piccoli cortili secondari. Forse antichi chiostri che potrebbero essere l’unica traccia rimasta di un antico convento. L’edificio ha una sola facciata esterna, visibile in via delle Tovaglie. Il prospetto è porticato, in laterizio, con cornice marcapiano e cornicione dentellato. Il portico a quattro arcate è coperto da volte a crociera e sostenuto da pilastri ottagonali con bei capitelli in pietra. Presentano fori, forse risalenti all’ultimo conflitto. Come cita la targa, fu dimora del poeta arcade e drammaturgo Pier Jacopo Martello (o Martelli, 1665-1727), che qui vi abitò con la famiglia d’origine e qui incontrò altri letterati e pittori celebri, tra cui Carlo Cignani. Di proprietà privata, dal 2002 è inagibile all’interno e presenta alle pareti possibilità di crolli. Già nel 2016 il palazzo fu segnalato dalla sezione bolognese di Italia Nostra, che ne chiese un generale intervento restaurativo, come previsto dall’atto di tutela a cui l’edificio è vincolato. È evidente il desolante stato di incuria e abbandono in cui versa questa illustre testimonianza di un pezzo di storia bolognese. Merita ben altra sorte… e solo l’interesse dei cittadini potrà salvarlo.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te