Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASCATA DELLA MOLA

CASCATA DELLA MOLA

ORIOLO ROMANO, VITERBO

POSTO

11

VOTI 2020
Condividi
CASCATA DELLA MOLA
Il parco della Mola prende il nome dal vecchio molino, costruito nel 1573 dal feudatario Giorgio Santacroce. Il manufatto serviva per la molitura del grano da farina, sfruttando le acque del fiume Mignone del fosso Biscione. La Mola, detta del Biscione, è immersa nel verde a pochi chilometri dal paese e del vecchio molino sono ancora visibili le opere di canalizzazione, la chiusa e i resti delle mura perimetrali in tufo. Il fiume, conosciuto da Enea secondo il poeta Virgilio, allorché leroe andò a cercare alleati tra gli Etruschi di Cerveteri e Tarquinia, rappresenta ancora oggi una risorsa ricca di potenzialità idriche. Il laghetto sotto la cascata si allarga pittoresco tra lenti e palustri e vegetazione rivierasca, in un colpo docchio suggestivo. È anche luogo di bagni, non consigliabili per le acque gelide ed insicure. Nel laghetto, un tempo non lontano venivano gettate le greggi di pecore per un igienico bagno prima della carosa. Nei pressi è stato attrezzato dalla locale Università Agraria un parco con tavoli per ristoro e due piccole piscine poco profonde, che raccolgono le acque della vicina sorgente sulfurea termale. La zona è ricca anche di altre sorgenti freschissime, di cui una di acqua ferruginosa.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

856° Posto

11 Voti
Censimento 2018

19,027° Posto

4 Voti
Censimento 2016

3,614° Posto

17 Voti
Censimento 2014

2,286° Posto

13 Voti
Censimento 2012

1,818° Posto

7 Voti
Censimento 2010

2,584° Posto

2 Voti
Censimento 2006

2,725° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

4 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO ALTIERI

ORIOLO ROMANO, VITERBO

3 voti

Area urbana, piazza

PIAZZA UMBERTO I

ORIOLO ROMANO, VITERBO

3 voti

Area urbana, piazza

VIALE DI OLMI

ORIOLO ROMANO, VITERBO

6 voti

Convento

CONVENTO DI SANT'ANTONIO

ORIOLO ROMANO, VITERBO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASCATA DELLA MOLA

ORIOLO ROMANO, VITERBO

Condividi
CASCATA DELLA MOLA
Il parco della Mola prende il nome dal vecchio molino, costruito nel 1573 dal feudatario Giorgio Santacroce. Il manufatto serviva per la molitura del grano da farina, sfruttando le acque del fiume Mignone del fosso Biscione. La Mola, detta del Biscione, è immersa nel verde a pochi chilometri dal paese e del vecchio molino sono ancora visibili le opere di canalizzazione, la chiusa e i resti delle mura perimetrali in tufo. Il fiume, conosciuto da Enea secondo il poeta Virgilio, allorché leroe andò a cercare alleati tra gli Etruschi di Cerveteri e Tarquinia, rappresenta ancora oggi una risorsa ricca di potenzialità idriche. Il laghetto sotto la cascata si allarga pittoresco tra lenti e palustri e vegetazione rivierasca, in un colpo docchio suggestivo. È anche luogo di bagni, non consigliabili per le acque gelide ed insicure. Nel laghetto, un tempo non lontano venivano gettate le greggi di pecore per un igienico bagno prima della carosa. Nei pressi è stato attrezzato dalla locale Università Agraria un parco con tavoli per ristoro e due piccole piscine poco profonde, che raccolgono le acque della vicina sorgente sulfurea termale. La zona è ricca anche di altre sorgenti freschissime, di cui una di acqua ferruginosa.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2006, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te