Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASINA DI CACCIA LA BIZZARRIA

CASINA DI CACCIA LA BIZZARRIA

DRUENTO, TORINO

379°

POSTO

575

VOTI 2020
Condividi
CASINA DI CACCIA LA BIZZARRIA
La Bizzarria, è un padiglione in stile eclettico a pianta centrale con tre torrette panoramiche decorato esternamente da pitture dal gusto ironico popolaresco costruito presso una cuspide del muro di cinta della Real Tenuta de La Mandria – ora Parco Regionale- in Comune di Druento, in prossimità di un ingresso del Parco. La realizzazione risale al 1860-63 a cura della impresa dell’architetto ticinese Leopoldo Galli, responsabile di tutto l’enorme cantiere della Tenuta, divenuta da poco proprietà privata di Sua Maestà Vittorio Emanuele II e soggetta ad un completo rimodellamento con la costruzione del muro, delle strade, dei ponti, degli edifici di servizio, di residenza e di guardia. Contemporaneamente al Galli furono affidati lavori in molte altre residenze sabaude e non, p.e. la villa “La Tesoriera” a Torino, spesso con la supervisione amministrativa dell’architetto di corte Barnaba Panizza. Ma cos’è la Bizzarria? L’edifico venne definito nel tempo come “casino” o “belvedere” o anche “reposoir” e “castello”, ma mai quindi come una villa, cosa che avrebbe sottinteso una finalità abitativa. Si tratta in realtà dell’evoluzione di un casotto di guardia, la cui funzione si è voluto estendere dal semplice controllo di un accesso importante, sito presso un guado sul torrente Ceronda, sino alla funzione di padiglione di caccia. Cacce che dal quel punto si estendevano anche all’esterno del muro nei territori di Pralungo in Comune di La Cassa, sempre proprietà privata del Re. Destituita di fondamento è invece la leggenda diffusa localmente che legherebbe questo edificio alla Bela Rosin, né come residenza né come “dono”, anche solo simbolico. Questa interpretazione ha origine probabilmente dall’analogia con il castello di Moncalieri, dove la sistemazione di Rosa Vercellana e dei suoi figli era effettivamente in un villino posto all’estremità opposta del parco del castello. Ma quelli erano gli anni in cui viveva ancora la Regina Maria Adelaide. La permanenza del Re e di Rosa a La Mandria risale invece agli anni 1859-1878 e l’unica residenza della famiglia era presso gli Appartamenti del Borgo Castello e presso l’altro “reposoir”, la Villa dei Laghi. Durante la gestione Medici del Vascello la Bizzarria ha avuto ancora un utilizzo legato all’esercizio venatorio, legato al periodo d’oro della caccia alla volpe (1890-1915) per la quale i terreni esterni al muro erano particolarmente adatti essendo campi coltivati (si trattava per lo più dell’incruenta “paper hunt” durante la quale un cavaliere fungeva da “volpe” e il percorso era prefissato in modo da evitare danni e rischi). Durante il grande sforzo di messa a coltura della tenuta (anni 20 e 30) la Bizzarria non ha mai avuto una funzione produttiva, per evidente inadeguatezza strutturale, svolgendo al più una funzione amministrativa dei terreni posti lungo la val Ceronda, conosciuti come Basso La Cassa, ai quali venne collegata con un ponte in cemento armato, ancora esistente ma ora non utilizzabile. L’inevitabile declino venne accelerato dall’alienazione del Basso alla Fiat (fine anni ’50) per la costruzione di una pista di collaudo. L’attuale aspetto risale ai restauri degli anni 1976-78 a cura di Gabetti e Isola ai quali si deve la sostituzione delle coperture in rame con plexiglass e l’arredo interno con specchi e relativi giochi di luce che inondano il vano centrale e il curioso appartamento del primo piano a struttura circolare. Il progetto prevedeva la rifunzionalizzazione come sede espositiva dedicata alla storia de La Mandria. Purtroppo questa idea non si è mai realizzata e anche l’appartamento è attualmente inutilizzato. A cura dell’Ente Parco restano i periodici interventi di risanamento e conservazione: con l’ultimo cantiere si è scoperto che il colore originario dell’intonaco non era il giallo ocra utilizzato da Gabetti e Isola (erano ancora i tempi del “giallo Torino”…) ma un bel rosso acceso, in linea con gli altri edifici rustici sabaudi.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

6,414° Posto

13 Voti
Censimento 2016

16,946° Posto

3 Voti
Censimento 2014

7,826° Posto

2 Voti
Censimento 2010

1,828° Posto

3 Voti

Vota altri luoghi vicini

30,156°
3 voti

Area naturale

IL LAGO DI SAN GILLIO

SAN GILLIO, TORINO

3,208°
42 voti

Castello, rocca

CASTELLO DELLA ROCCA

DRUENTO, TORINO

22,379°
5 voti

Area naturale

CAMPI AGRICOLI DI DRUENTO

DRUENTO, TORINO

Vota altri luoghi simili

34,820 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

34,744 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

20,343 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASINA DI CACCIA LA BIZZARRIA

DRUENTO, TORINO

Condividi
CASINA DI CACCIA LA BIZZARRIA
La Bizzarria, è un padiglione in stile eclettico a pianta centrale con tre torrette panoramiche decorato esternamente da pitture dal gusto ironico popolaresco costruito presso una cuspide del muro di cinta della Real Tenuta de La Mandria – ora Parco Regionale- in Comune di Druento, in prossimità di un ingresso del Parco. La realizzazione risale al 1860-63 a cura della impresa dell’architetto ticinese Leopoldo Galli, responsabile di tutto l’enorme cantiere della Tenuta, divenuta da poco proprietà privata di Sua Maestà Vittorio Emanuele II e soggetta ad un completo rimodellamento con la costruzione del muro, delle strade, dei ponti, degli edifici di servizio, di residenza e di guardia. Contemporaneamente al Galli furono affidati lavori in molte altre residenze sabaude e non, p.e. la villa “La Tesoriera” a Torino, spesso con la supervisione amministrativa dell’architetto di corte Barnaba Panizza. Ma cos’è la Bizzarria? L’edifico venne definito nel tempo come “casino” o “belvedere” o anche “reposoir” e “castello”, ma mai quindi come una villa, cosa che avrebbe sottinteso una finalità abitativa. Si tratta in realtà dell’evoluzione di un casotto di guardia, la cui funzione si è voluto estendere dal semplice controllo di un accesso importante, sito presso un guado sul torrente Ceronda, sino alla funzione di padiglione di caccia. Cacce che dal quel punto si estendevano anche all’esterno del muro nei territori di Pralungo in Comune di La Cassa, sempre proprietà privata del Re. Destituita di fondamento è invece la leggenda diffusa localmente che legherebbe questo edificio alla Bela Rosin, né come residenza né come “dono”, anche solo simbolico. Questa interpretazione ha origine probabilmente dall’analogia con il castello di Moncalieri, dove la sistemazione di Rosa Vercellana e dei suoi figli era effettivamente in un villino posto all’estremità opposta del parco del castello. Ma quelli erano gli anni in cui viveva ancora la Regina Maria Adelaide. La permanenza del Re e di Rosa a La Mandria risale invece agli anni 1859-1878 e l’unica residenza della famiglia era presso gli Appartamenti del Borgo Castello e presso l’altro “reposoir”, la Villa dei Laghi. Durante la gestione Medici del Vascello la Bizzarria ha avuto ancora un utilizzo legato all’esercizio venatorio, legato al periodo d’oro della caccia alla volpe (1890-1915) per la quale i terreni esterni al muro erano particolarmente adatti essendo campi coltivati (si trattava per lo più dell’incruenta “paper hunt” durante la quale un cavaliere fungeva da “volpe” e il percorso era prefissato in modo da evitare danni e rischi). Durante il grande sforzo di messa a coltura della tenuta (anni 20 e 30) la Bizzarria non ha mai avuto una funzione produttiva, per evidente inadeguatezza strutturale, svolgendo al più una funzione amministrativa dei terreni posti lungo la val Ceronda, conosciuti come Basso La Cassa, ai quali venne collegata con un ponte in cemento armato, ancora esistente ma ora non utilizzabile. L’inevitabile declino venne accelerato dall’alienazione del Basso alla Fiat (fine anni ’50) per la costruzione di una pista di collaudo. L’attuale aspetto risale ai restauri degli anni 1976-78 a cura di Gabetti e Isola ai quali si deve la sostituzione delle coperture in rame con plexiglass e l’arredo interno con specchi e relativi giochi di luce che inondano il vano centrale e il curioso appartamento del primo piano a struttura circolare. Il progetto prevedeva la rifunzionalizzazione come sede espositiva dedicata alla storia de La Mandria. Purtroppo questa idea non si è mai realizzata e anche l’appartamento è attualmente inutilizzato. A cura dell’Ente Parco restano i periodici interventi di risanamento e conservazione: con l’ultimo cantiere si è scoperto che il colore originario dell’intonaco non era il giallo ocra utilizzato da Gabetti e Isola (erano ancora i tempi del “giallo Torino”…) ma un bel rosso acceso, in linea con gli altri edifici rustici sabaudi.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te