ISCRIVITI AL FAI
Accedi
Giornate FAI di Primavera
23 e 24 marzo 2019
Cassero di Castel San Pietro: da baluardo difensivo a teatro

Cassero di Castel San Pietro: da baluardo difensivo a teatro

CASTEL SAN PIETRO TERME, BOLOGNA

Condividi
Cassero di Castel San Pietro: da baluardo difensivo a teatro

Apertura a cura di

Gruppo FAI di San Lazzaro di Savena

Orario

Sabato: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00 (ultimo ingresso 17:30)

Domenica: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00 (ultimo ingresso 17:30)

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Il Cassero con la sua torre è il monumento simbolo della città. Costruito come baluardo di difesa del territorio di Bologna, segna la nascita ufficiale di Castel San Pietro Terme nel 1199, come riportato nella targa ancora oggi visibile. La cinta muraria che circondava tutto il paese si diramava dal Cassero, inizialmente realizzato in legno, ma trasformato nei secoli successivi in base alle esigenze militari. Nei primi anni del Cinquecento, quando Bologna e Imola passarono sotto lo Stato Pontificio perse definitivamente la funzione militare, divenendo poi nella seconda metà del ‘700 un locale per “pubblici trattenimenti”. Nel 1784 la torre venne dotata di un orologio e nel 1842 di una nuova e più grande cella campanaria. Usato temporaneamente come alloggio militare durante la prima Guerra Mondiale, nel 1964 fu riaperto il passaggio ad arco gotico prospiciente l’antico ponte levatoio. Dal 2008 un nuovo intervento di restauro lo ha riportato alla sua funzione di teatro.

Itinerario

Tra santuari, carillon e fortificazioni: le unicità di Castel San Pietro Terme

Visite a cura di

Apprendisti Ciceroni di Castel San Pietro Terme

Inziative speciali

Cassero di Castel San Pietro, venerdì 22 marzo ore 20.30 ANTEPRIMA delle aperture con SPETTACOLO TEATRALE. EVENTO DI RACCOLTA FONDI. L'attore sinfonico MATTEO BELLI ci condurrà tra testi giullareschi italiani medioevali e moderni, novelle trecentesche, giochi linguistici e un omaggio all’antica tecnica del grammelot. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA all’indirizzo: sanlazzaro@gruppofai.fondoambiente.it

Gallery

Cassero di Castel San Pietro, CASSERO DI CASTEL SAN PIETRO TERME, CASTEL SAN PIETRO TERME (BO )
Cassero di Castel San Pietro, CASSERO DI CASTEL SAN PIETRO TERME, CASTEL SAN PIETRO TERME (BO )
Matteo Belli, CASSERO DI CASTEL SAN PIETRO TERME, CASTEL SAN PIETRO TERME, BOLOGNA

Altri luoghi presenti in questo itinerario

Santuario del SS.Crocifisso:55 campane per un carillon unico

CASTEL SAN PIETRO TERME, BOLOGNA

Aperture vicine

Complesso di San Martino

BOLOGNA

Palazzo Fava da San Domenico

BOLOGNA

Palazzo Marescotti Brazzetti

BOLOGNA

Villa Aldrovandi Mazzacorati e Teatro Settecentesco

BOLOGNA

Santuario del SS.Crocifisso:55 campane per un carillon unico

CASTEL SAN PIETRO TERME, BOLOGNA

Complesso Sante Zennaro

IMOLA, BOLOGNA

“Archivio Carducci” – Archivio storico scolastico IC2

IMOLA, BOLOGNA

Rocca sforzesca

IMOLA, BOLOGNA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

CASSERO DI CASTEL SAN PIETRO TERME

CASTEL SAN PIETRO TERME, BOLOGNA

Condividi
CASSERO DI CASTEL SAN PIETRO TERME
Il Cassero con la sua torre è il monumento simbolo della città. Costruito come baluardo di difesa del territorio di Bologna, segna la nascita ufficiale di Castel San Pietro nel 1199, come riportato nella targa ancora oggi visibile. La cinta muraria che circondava tutto il paese si diramava dal Cassero, inizialmente realizzato in legno, ma trasformato nei secoli successivi in base alle esigenze militari. Nei primi anni del Cinquecento, quando Bologna e Imola passarono sotto lo Stato Pontificio perse definitivamente la funzione militare, divenendo poi nella seconda metà del ‘700 un locale per “pubblici trattenimenti”. Nel 1784 la torre venne dotata di un orologio e nel 1842 di una nuova e più grande cella campanaria. Usato temporaneamente come alloggio militare durante la Prima Guerra Mondiale, nel 1964 fu riaperto il passaggio ad arco gotico prospiciente l’antico ponte levatoio. Dal 2008 ospita nuovamente un teatro, nel quale venerdì 22 marzo si esibisce Matteo Belli, attore sinfonico.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te