Iscriviti al FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASTELLO CUPANE DI ACQUEDOLCI

CASTELLO CUPANE DI ACQUEDOLCI

ACQUEDOLCI, MESSINA

184°

POSTO

155

VOTI 2018
CASTELLO DI ACQUEDOLCI
Nel luogo dove si designò fondare il nuovo abitato di San Fratello vi era la presenza di un antico borgo o villaggio, chiamato Acquedolci, che si sviluppava intorno ad una Torre medievale, e ancora oggi chiamato localmente con il nome di Marina Vecchia. La spinta all’insediamento umano in questo territorio fu data dai Larcan de Soto, una delle principali famiglie catalane giunta in Sicilia nel 1391 al seguito di Re Martino I (1392-1409). Nel 1398 Augerot Larcan ricevette da Re Martino la baronia di San Fratello. A questi va attribuita la costruzione della torre nella marina di Acquedolci (inizio XV sec.). Nel 1405 si decide la costruzione di una Torre “in fogia flomarie que est in medio Sancti Fladelli et Caronie”. Il nipote Antonio Giacomo Larcan Barone di San Fratello ottenne, nel 1498, la licenza di riedificare e fortificare l’antica torre esistente; in seguito ebbe il permesso di costruire il baglio, potendovi applicare i merli a coronamento delle mura, e la licenza per aprire una nuova tonnara. Nel 1499 propose ed ottenne la licenza per attivare un nuovo caricatore nella marina del suo feudo che funse da volano per lo sviluppo del commercio ad Acquedolci. Nel 1555 il figlio Vincenzo Larcan decise di costruire un nuovo arbitrio o trappeto di cannamele reintroducendo, così, la coltivazione della canna da zucchero, nella marina di Acquedolci. Le condizioni necessarie per l’impianto di uno zuccherificio erano fondamentalmente due: acqua per l’irrigazione e legname per la cottura, condizioni che nel territorio di San Fratello erano garantite abbondantemente. Coeva alla costruzione del trappeto è quella del fondaco, costruito al di fuori del trappeto. Nel 1622 la baronia di queste terre passò a Giulia Larcan e alla sua morte alla casa Lucchesi dei Marchesi di Delia. Ferdinando Francesco Gravina e Cruyllas, Principe di Palagonia, Grande di Spagna di Prima Classe, Cavaliere dell’insigne Ordine del Toson d’Oro, divenuto Barone di San Fratello a seguito del matrimonio contratto nel 1698 con Anna Maria Lucchesi e Filangeri, eredita “in infinitum ed in perpetum la detta Terra, Stato e Baronia di San fratello, della Signoria e Trappeto dell’Acquedolci […]“. Al Principe di Palagonia si deve la decisione di abbandonare la coltivazione della canna da zucchero nel territorio di Acquedolci. Non essendo più in funzione il trappeto di zucchero, il complesso fu trasformato in una lussuosa dimora feudale potendo così accogliere comodamente il Barone e la propria famiglia durante le visite nel feudo di Acquedolci. Attualmente poco o nulla resta che ricordi lo sfarzo di un tempo. È possibile rintracciare una qualità architettonica nel prospetto settentrionale della palazzina e dentro la chiesetta un tempo dedicata al culto di San Giuseppe, dove i resti dell’altare manifestano motivi decorativi propri del periodo tardo barocco siciliano. Il prospetto principale è munito di torrioni cilindrici che amplificano il carattere di fortezza della residenza baronale, ponendosi al fianco della maestosa torre d’avvistamento di cui oggi restano solo pochi ruderi; nel 1966 la torre era pericolante a causa degli eventi bellici e della poca cura e invece di intervenire per risanarla e metterla in sicurezza si preferì demolirla con l'esplosivo! Anche delle numerose macchine ad acqua (mulini, trappeto e gualhiera) rimane purtroppo ben poco. La mancanza della copertura, ha fatto si che l’interno della palazzina sia andato completamente distrutto. Le proprietà della Famiglia Gravina a San Fratello furono comprate alla fine dell’Ottocento dal Barone Francesco Cupane. Oggi la proprietà dei ruderi dei fabbricati e di gran parte dell'area collegata al castello è del Comune di Acquedolci; la nuova amministrazione si sta attivando per risanare l'area, recuperarla e progettare e programmare interventi di messa in sicurezza e recupero di alcune sue parti.

Gallery

Scheda completa al 80%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Ultime News

Risultati parziali: i luoghi con più di 1.000 voti al centro Italia

2018-07-20

Risultati parziali: i luoghi con più di 1.000 voti al sud Italia

2018-07-20

Villa Necchi e Villa Panza sono accessibili alle persone sorde

2018-07-19

I Luoghi del Cuore: la classifica parziale

2018-07-19

Sono stati caricati i voti cartacei ricevuti entro metà luglio: ecco la top ten dei luoghi più votati sul territorio nazionale....

Risultati parziali: i luoghi con più di 1.000 voti al nord Italia

2018-07-19

Sono stati sommati i voti cartacei ricevuti entro metà luglio ai voti online. Ecco i luoghi del cuore che nel nord Italia che hanno ricevuto...

#salvailsuolo: se non ora quando? L'appello del Ministro Costa

2018-07-18

Al lancio del Rapporto di ISPRA 2018 “Il consumo di suolo in Italia” a Palazzo Montecitorio ieri, il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa lan...
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2016

2,888° Posto

22 Voti
Censimento 2014

151° Posto

2,077 Voti
Censimento 2012

150° Posto

685 Voti
Censimento 2010

286° Posto

3 Voti
Censimento 2004

712° Posto

2 Voti

Vota altri luoghi vicini

2221°
10 voti

Chiesa

CHIESA MADRE BEATA VERGINE ASSUNTA

ACQUEDOLCI, MESSINA

1850°
12 voti

Chiesa

CHIESA SAN GIUSEPPE AL CASTELLO

ACQUEDOLCI, MESSINA

Vota altri luoghi simili

12°
1,794 voti

Castello, rocca

CASTELLO

MERCATO SAN SEVERINO, SALERNO

76°
355 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI MASSAFRA

MASSAFRA, TARANTO

77°
345 voti

Castello, rocca

CASTELLO NORMANNO SVEVO

LAMEZIA TERME, CATANZARO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

CASTELLO DI ACQUEDOLCI

ACQUEDOLCI, MESSINA

Condividi
CASTELLO DI ACQUEDOLCI
Nel luogo dove si designò fondare il nuovo abitato di San Fratello vi era la presenza di un antico borgo o villaggio, chiamato Acquedolci, che si sviluppava intorno ad una Torre medievale, e ancora oggi chiamato localmente con il nome di Marina Vecchia. La spinta all’insediamento umano in questo territorio fu data dai Larcan de Soto, una delle principali famiglie catalane giunta in Sicilia nel 1391 al seguito di Re Martino I (1392-1409). Nel 1398 Augerot Larcan ricevette da Re Martino la baronia di San Fratello. A questi va attribuita la costruzione della torre nella marina di Acquedolci (inizio XV sec.). Nel 1405 si decide la costruzione di una Torre “in fogia flomarie que est in medio Sancti Fladelli et Caronie”. Il nipote Antonio Giacomo Larcan Barone di San Fratello ottenne, nel 1498, la licenza di riedificare e fortificare l’antica torre esistente; in seguito ebbe il permesso di costruire il baglio, potendovi applicare i merli a coronamento delle mura, e la licenza per aprire una nuova tonnara. Nel 1499 propose ed ottenne la licenza per attivare un nuovo caricatore nella marina del suo feudo che funse da volano per lo sviluppo del commercio ad Acquedolci. Nel 1555 il figlio Vincenzo Larcan decise di costruire un nuovo arbitrio o trappeto di cannamele reintroducendo, così, la coltivazione della canna da zucchero, nella marina di Acquedolci. Le condizioni necessarie per l’impianto di uno zuccherificio erano fondamentalmente due: acqua per l’irrigazione e legname per la cottura, condizioni che nel territorio di San Fratello erano garantite abbondantemente. Coeva alla costruzione del trappeto è quella del fondaco, costruito al di fuori del trappeto. Nel 1622 la baronia di queste terre passò a Giulia Larcan e alla sua morte alla casa Lucchesi dei Marchesi di Delia. Ferdinando Francesco Gravina e Cruyllas, Principe di Palagonia, Grande di Spagna di Prima Classe, Cavaliere dell’insigne Ordine del Toson d’Oro, divenuto Barone di San Fratello a seguito del matrimonio contratto nel 1698 con Anna Maria Lucchesi e Filangeri, eredita “in infinitum ed in perpetum la detta Terra, Stato e Baronia di San fratello, della Signoria e Trappeto dell’Acquedolci […]“. Al Principe di Palagonia si deve la decisione di abbandonare la coltivazione della canna da zucchero nel territorio di Acquedolci. Non essendo più in funzione il trappeto di zucchero, il complesso fu trasformato in una lussuosa dimora feudale potendo così accogliere comodamente il Barone e la propria famiglia durante le visite nel feudo di Acquedolci. Attualmente poco o nulla resta che ricordi lo sfarzo di un tempo. È possibile rintracciare una qualità architettonica nel prospetto settentrionale della palazzina e dentro la chiesetta un tempo dedicata al culto di San Giuseppe, dove i resti dell’altare manifestano motivi decorativi propri del periodo tardo barocco siciliano. Il prospetto principale è munito di torrioni cilindrici che amplificano il carattere di fortezza della residenza baronale, ponendosi al fianco della maestosa torre d’avvistamento di cui oggi restano solo pochi ruderi; nel 1966 la torre era pericolante a causa degli eventi bellici e della poca cura e invece di intervenire per risanarla e metterla in sicurezza si preferì demolirla con l'esplosivo! Anche delle numerose macchine ad acqua (mulini, trappeto e gualhiera) rimane purtroppo ben poco. La mancanza della copertura, ha fatto si che l’interno della palazzina sia andato completamente distrutto. Le proprietà della Famiglia Gravina a San Fratello furono comprate alla fine dell’Ottocento dal Barone Francesco Cupane. Oggi la proprietà dei ruderi dei fabbricati e di gran parte dell'area collegata al castello è del Comune di Acquedolci; la nuova amministrazione si sta attivando per risanare l'area, recuperarla e progettare e programmare interventi di messa in sicurezza e recupero di alcune sue parti.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2010, 2012, 2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te