Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASTELLO DI RANCO

CASTELLO DI RANCO

AREZZO

1,281°

POSTO

85

VOTI 2020
CASTELLO DI RANCO
Oggi si presenta con imponenti rovine emergenti dal bosco, con ancora leggibili i particolari murari, le arcate delle finestrature, i conci di arenaria locale ingrigita dal tempo; si evidenziano i due edifici principali e il circuito delle mura esterne. Il Castello di Ranco, è uno dei castelli toscani più interessanti dal punto di vista architettonico. L’origine della fortificazione potrebbe risalire al VI – VII secolo, quando Bizantini e Longobardi si contendevano il dominio di queste terre. Il castello fu posseduto dai Tarlati di Pietramala dal XII secolo fino al 1439, quando fu ceduto a Baldaccio d’Anghiari, famoso capitano di ventura, in occasione del suo matrimonio con Anna Elena Malatesta. La sua morte violenta in palazzo Vecchio, su istigazione di Cosimo de’ Medici, ha fatto nascere la leggenda di un fantasma che il 6 settembre di ogni anno sin dal 1441 si aggira senza pace nei luoghi che gli furono cari, anche Ranco. Dopo la tragica fine di Baldaccio fu venduto ai Brandaglia, nobili aretini. Mutò i proprietari ma costituì il rifugio inespugnabile dove i signori che si sono susseguiti nei secoli progettavano le loro imprese.: Bizantini e Longobardi, nobili Franchi che lo ebbero in dono da Carlo Magno, e ancora il grande Guido Tarlati, Vescovo ,Conte, Signore di Arezzo, fiero ghibellino in lotta perenne contro Firenze, di stirpe più guerriera che santa ( si narra che il vescovo dicesse Messa con la cotta di maglia sotto la stola e lo spadone sull’altare) ; e il grande e focoso condottiero e capitano di ventura Baldaccio d’Anghiari. A perenne testimonianza della sua antica potenza, il castello, resta segnato nella mappa della Val di Chiana disegnata da Leonardo Da Vinci nel 1502 e nell’affresco raffigurante la carta della Toscana che si trova nella Galleria delle carte geografiche dei Musei Vaticani. E’ posto sotto vincolo dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali che così si esprime: ” Si ritiene necessario tutelare esternamente ed internamente il complesso dei ruderi del Castello di Ranco che per le sue caratteristiche architettoniche, la sua storia e la sua posizione geografica, costituisce una particolare testimonianza dal punto di vista storico e artistico degli insediamenti fortificati del XII e XIII secolo.”

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

NC
0 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO MARZOCCHI. ESEMPIO DI PALAZZO SECENTESCO CON LABORATORIO FARMACEUTICO

MONTERCHI, AREZZO

14,847°
5 voti

Affresco, dipinto

MADONNA DEL PARTO, CAPOLAVORO DI PIERO DELLA FRANCESCA

MONTERCHI, AREZZO

19,990°
3 voti

Chiesa

PIEVE DI SAN MICHELE ARCANGELO DI PADONCHIA

MONTERCHI, AREZZO

19,989°
3 voti

Chiesa

PIEVE DI SAN MICHELE ARCANGELO DI PIANEZZE

MONTERCHI, AREZZO

Vota altri luoghi simili

17,003 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

12,539 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,214 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASTELLO DI RANCO

AREZZO

CASTELLO DI RANCO
Oggi si presenta con imponenti rovine emergenti dal bosco, con ancora leggibili i particolari murari, le arcate delle finestrature, i conci di arenaria locale ingrigita dal tempo; si evidenziano i due edifici principali e il circuito delle mura esterne. Il Castello di Ranco, è uno dei castelli toscani più interessanti dal punto di vista architettonico. L’origine della fortificazione potrebbe risalire al VI – VII secolo, quando Bizantini e Longobardi si contendevano il dominio di queste terre. Il castello fu posseduto dai Tarlati di Pietramala dal XII secolo fino al 1439, quando fu ceduto a Baldaccio d’Anghiari, famoso capitano di ventura, in occasione del suo matrimonio con Anna Elena Malatesta. La sua morte violenta in palazzo Vecchio, su istigazione di Cosimo de’ Medici, ha fatto nascere la leggenda di un fantasma che il 6 settembre di ogni anno sin dal 1441 si aggira senza pace nei luoghi che gli furono cari, anche Ranco. Dopo la tragica fine di Baldaccio fu venduto ai Brandaglia, nobili aretini. Mutò i proprietari ma costituì il rifugio inespugnabile dove i signori che si sono susseguiti nei secoli progettavano le loro imprese.: Bizantini e Longobardi, nobili Franchi che lo ebbero in dono da Carlo Magno, e ancora il grande Guido Tarlati, Vescovo ,Conte, Signore di Arezzo, fiero ghibellino in lotta perenne contro Firenze, di stirpe più guerriera che santa ( si narra che il vescovo dicesse Messa con la cotta di maglia sotto la stola e lo spadone sull’altare) ; e il grande e focoso condottiero e capitano di ventura Baldaccio d’Anghiari. A perenne testimonianza della sua antica potenza, il castello, resta segnato nella mappa della Val di Chiana disegnata da Leonardo Da Vinci nel 1502 e nell’affresco raffigurante la carta della Toscana che si trova nella Galleria delle carte geografiche dei Musei Vaticani. E’ posto sotto vincolo dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali che così si esprime: ” Si ritiene necessario tutelare esternamente ed internamente il complesso dei ruderi del Castello di Ranco che per le sue caratteristiche architettoniche, la sua storia e la sua posizione geografica, costituisce una particolare testimonianza dal punto di vista storico e artistico degli insediamenti fortificati del XII e XIII secolo.”
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te