Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DEL CONVENTO S.FRANCESCO

CHIESA DEL CONVENTO S.FRANCESCO

CASTELLANETA, TARANTO

74°

POSTO

892

VOTI 2020
Condividi
CHIESA DEL CONVENTO S.FRANCESCO
Il Convento di S.Francesco fu costruito ad iniziare del 1471, nei pressi di una chiesa già documentata nel 1463. Agli inizi del '600, dopo la riforma francescana, il complesso edilizio venne ristrutturato ed ampliato. Infatti la data del 1609 compare incisa tra i due archi a destra della chiesa ed introducono verso l'interno del convento. La chiesa, nella seconda metà del XVII sec. subì ulteriori modifiche. L'interno, a tre navate, presenta l'altare maggiore in legno dorato, attribuito a fra Francesco Maria da Gallipoli, che intagliò intorno al 1697 anche il tabernacolo, oggi conservato all'interno del convento. Contemporanea è la tela centrale, opera di fra Giacomo Diso da Galatina. Interessanti sono anche lungo la navata sinistra gli altari lignei, della metà del Seicento, dedicato a S. Antonio da Padova ed attribuiti a fra Giuseppe da Soleto. Sul primo di essi è da notare una tela firmata da fra Francesco da Martina, opera della prima metà del '600. Coeva è la tela sul primo altare della navata destra, attribuita a fra Giacomo da S.Vito. Gli affreschi che rivestono la navata centrale, datai 1708, sono opera di fra Ludovico da Gioia, autore anche delle pitture di refettorio. Il chiostro, invece, fu affrescato nel 1726 da fra Giovanni Battista Conversi. Il convento possiede anche un meraviglioso giardino ed un orto. Campi di calcio, tennis e pallavolo ed un grande parco comunale, posto alle spalle del convento, completano il quartiere che prende il nome dall'omonima chiesa. Poco prima del convento vi sono "i pozzi" (utilizzati dalla gente durante la II guerra mondiale per attingere acqua) ed una cappella "del Calvario", al cui interno è situato un altare ed un crocifisso adornato di fiori ed ex-voto ed è proprio qui che il 13 giugno, come vuole la tradizione, i frati distribuiscono il pane di S.Antonio.

Gallery

Scheda completa al 95%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

97° Posto

4,341 Voti
Censimento 2016

230° Posto

867 Voti
Censimento 2014

890° Posto

41 Voti
Censimento 2003

880° Posto

2 Voti

Vota altri luoghi vicini

5,160°
13 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA DEL RIFUGIO

CASTELLANETA, TARANTO

4,095°
17 voti

Bosco

BOSCO PINETO DI CASTELLANETA MARINA

CASTELLANETA, TARANTO

1,991°
38 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO

CASTELLANETA, TARANTO

7,455°
9 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN DOMENICO

CASTELLANETA, TARANTO

Vota altri luoghi simili

12,982 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

9,701 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

6,387 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DEL CONVENTO S.FRANCESCO

CASTELLANETA, TARANTO

Condividi
CHIESA DEL CONVENTO S.FRANCESCO
Il Convento di S.Francesco fu costruito ad iniziare del 1471, nei pressi di una chiesa già documentata nel 1463. Agli inizi del '600, dopo la riforma francescana, il complesso edilizio venne ristrutturato ed ampliato. Infatti la data del 1609 compare incisa tra i due archi a destra della chiesa ed introducono verso l'interno del convento. La chiesa, nella seconda metà del XVII sec. subì ulteriori modifiche. L'interno, a tre navate, presenta l'altare maggiore in legno dorato, attribuito a fra Francesco Maria da Gallipoli, che intagliò intorno al 1697 anche il tabernacolo, oggi conservato all'interno del convento. Contemporanea è la tela centrale, opera di fra Giacomo Diso da Galatina. Interessanti sono anche lungo la navata sinistra gli altari lignei, della metà del Seicento, dedicato a S. Antonio da Padova ed attribuiti a fra Giuseppe da Soleto. Sul primo di essi è da notare una tela firmata da fra Francesco da Martina, opera della prima metà del '600. Coeva è la tela sul primo altare della navata destra, attribuita a fra Giacomo da S.Vito. Gli affreschi che rivestono la navata centrale, datai 1708, sono opera di fra Ludovico da Gioia, autore anche delle pitture di refettorio. Il chiostro, invece, fu affrescato nel 1726 da fra Giovanni Battista Conversi. Il convento possiede anche un meraviglioso giardino ed un orto. Campi di calcio, tennis e pallavolo ed un grande parco comunale, posto alle spalle del convento, completano il quartiere che prende il nome dall'omonima chiesa. Poco prima del convento vi sono "i pozzi" (utilizzati dalla gente durante la II guerra mondiale per attingere acqua) ed una cappella "del Calvario", al cui interno è situato un altare ed un crocifisso adornato di fiori ed ex-voto ed è proprio qui che il 13 giugno, come vuole la tradizione, i frati distribuiscono il pane di S.Antonio.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te