Iscriviti al FAI
Giornate FAI d'Autunno
16 - 17 ottobre
CHIESA DI S. MARIA DI CASTELNUOVO

CHIESA DI S. MARIA DI CASTELNUOVO

RECANATI, MACERATA

Condividi
CHIESA DI S. MARIA DI CASTELNUOVO

Apertura a cura di

Gruppo Fai Recanati

Orario

Sabato: 14:30 - 17:30

Domenica: 09:30 - 10:30 / 14:30 - 17:30

Note per la visita

sabato turni di visita alle ore: 14,30   15,00   15,30   16,00  16,30  17,30

domenica turni di visita alle ore: 9,30  10,00   10,30   14,30   15,00   15,30   16,00  16,30  17,30

A CURA DI Gruppo Fai Recanati

Situata nel quartiere di Castelnuovo conosciuto per aver dato i natali al grande tenore Beniamino Gigli, la chiesa di Santa Maria 'de Racanato' è la più antica della città. Il suo nome compare in alcuni documenti 'farfensi a partire dall'anno 817. Fino agli anni Trenta del Novecento, la chiesa era il punto più estremo del centro storico di Recanati nel lato nord/ovest, dove la strada proseguiva in direzione Roma. La realizzazione della circonvallazione stradale di Recanati negli anni Trenta hanno tagliato il quartiere di Castelnuovo dal centro storico, relegandolo a quartiere 'periferico'. Santa Maria 'de Recanati' oggi Castelnuovo si colloca fra le molte chiese romaniche giunte fino a noi, sostituendo e inglobando la prima chiesa. Era solitaria sul colle boscoso, con l'annesso monastero benedettino e le celle, vive presenze dei monaci, rinvenute alla fine del Novecento durante lavori di restauro. Di antico la chiesa conserva ancora oggi gran parte del suo esterno; con la facciata di forma a capanna e le tre finestre circolari. Il bellissimo portale in pietra d'istria (realizzato da maestro anconitano) è opera dal rifacimento del 1253. L'interno a tre navate presenta in vari punti frammenti di affreschi del XIV/XV secolo.

E' la chiesa più antica di Recanati; in piena dominazione longobarda il nome di Racanita compare nei documenti ‘farfensi', nel 817, ancora nelle ‘Cronache Farfensi' la chiesa viene citata ‘In Racanita ecclesiam sancti laurentii'. Molte altre le citazioni dell'antica chiesa (oggi santa Maria in Castelnuovo) appartenuta ai monaci benedettini di Fonte Avellana fino agli inizi del 1500, nel 1118 nel diploma imperiale di Enrico V la chiesa viene denominata e conosciuta con il nome di ‘Santa Maria de Racanato a Castelnuovo'. Dalla sua antica origine Medievale (secondo il Vogel) nel 1253 la chiesa subì non un restauro radicale ma una vera riedificazione che cancellò le purissime forme Gotiche trasformandola nell'attuali forme Romaniche. Dell'antica chiesa sono rimasti i rosoni laterali e il bassorilievo sopra la porta principale, realizzato nel 1253 dal maestro Nicola anconitano su commissione del priore don Caro, in quanto la chiesa aveva subito importanti lesioni.

Chiesa di fondazione romanica appartenuta all'ordine dei Benedettini di Fonte Avellana, è la più antica di Recanati e risale alla prima metà del XII secolo. La facciata, dalla tipica struttura a capanna, è caratterizzata dalla presenza di tre rosoni (quello centrale spostato in alto e occluso per metà per collocare l'organo) e da un pregevole portale in pietra, la cui lunetta fu scolpita da Mastro Nicola Anconetano con un bassorilievo rappresentante la Madonna in trono con gli Arcangeli Michele e Gabriele, firmato e datato 11 aprile 1253. La torre campanaria, nella sua primitiva forma romanica, è la più antica della città (XII secolo). Sorge sull'asse della chiesa, in corrispondenza dell'abside. L'interno originario è andato completamente cancellato dai lavori del 1840, anche se recenti restauri hanno riportato alla luce frammenti di antichi affreschi di Pietro da Recanati, risalenti all'inizio del XV secolo. La croce cerchiata in pietra, attualmente sopra il fonte battesimale, era nel rosone centrale. L'affresco raffigurante la Madonna con Bambino è attribuito a Pietro di Domenico da Montepulciano. Fra i dipinti che l'abbellivano erano anche La Trasfigurazione di Lorenzo Lotto, ora nella Pinacoteca di Villa Colloredo Mels, e il Polittico di Guglielmo Veneziano, ora al Museo Diocesano. L'edificio religioso, di proprietà della Diocesi, chiuso dal 2016 a causa del sisma, è stato sottoposto di recante a lavori di miglioramento sismico e messa in sicurezza degli apparati decorativi. È stato riaperto da pochi giorni.

COSA SCOPRIRETE DURANTE LE GIORNATE FAI?

La chiesa di Santa Maria in Castelnuovo, di grande interesse storico e artistico, dalla fine del 2016 è stata chiusa al pubblico e al culto a causa del terremoto che ha segnato tristemente la Regione Marche. L'apertura di questo bene nelle giornate FAI, si inserisce nel completamento dei lavori di restauro e la 'riconsegna del bene alla cittò'. Il percorso, con partenza all'esterno dove di potra ammirare la facciata a capanna con i tre rosoni e il bellissimo portare del 1253 con la lunetta in pietra d'Istria realizzata su tre scomparti, dove al centro si incontra la Madonna in trono con il Bambino benedicente, sulla destra l'Arcangelo Gabriele nel momento di agitare l'incensiere, snella parte di sinistra l'Arcangelo Michele con la bilancia. A fianco alla Madonna in trono incontriamo la scritta: ‘Nel cominciar dell'anno del Signore 1253, 2 di aprile, indizione XI. Il Signor Caro ordinò quest'opera, il maestro Nicola anconetano eseguì questo lavoro'. La visita si sposta successivamente all'interno della chiesa sulla navata destra dove si incontra (a lato dell'entrata) la lapide sepolcrale dei fratelli Flaviano e Matteo Venier fatta realizzare dal fratello Giacomo Arcivescovo di Ragusa. L'interno originario è andato completamente cancellato dai lavori del 1840, anche se recenti restauri hanno riportato alla luce frammenti di antichi affreschi di Pietro da Recanati, risalenti all'inizio del XV secolo. La croce cerchiata in pietra, attualmente sopra il fonte battesimale, era nel rosone centrale. L'affresco raffigurante la Madonna con Bambino è attribuito a Pietro di Domenico da Montepulciano. Fra i dipinti che l'abbellivano erano anche La Trasfigurazione di Lorenzo Lotto, ora nella Pinacoteca di Villa Colloredo Mels, e il Polittico di Guglielmo Veneziano, ora al Museo Diocesano.

LUOGO SOLITAMENTE CHIUSO

Luogo chiuso al pubblico perché in corso di restauro

Visite a cura di

Liceo Classico 'Giacomo Leopardi' di Recanati

Gallery

Chiesa S.Maria di Castelnuovo, CHIESA DI S. MARIA DI CASTELNUOVO, RECANATI (MC )
Chiesa S.Maria di Castelnuovo, CHIESA DI S. MARIA DI CASTELNUOVO, RECANATI (MC )
Chiesa S.Maria di Castelnuovo, CHIESA DI S. MARIA DI CASTELNUOVO, RECANATI (MC )

Aperture vicine

ORTO SUL COLLE DELL'INFINITO

RECANATI, MACERATA

VILLA BONCI. COMPLESSO AERONAUTICA MILITARE

LORETO, ANCONA

MONUMENTO NAZIONALE DELLE MARCHE AI VITTORIOSI DI CASTELFIDARDO

CASTELFIDARDO, ANCONA

ROCCA MEDIEVALE DI OFFAGNA E MUSEO DI STORIA NATURALE PAOLUCCI

OFFAGNA, ANCONA

CHIESA SS. FILIPPO E GIACOMO

MONTEGRANARO, FERMO

CRIPTA DI S. UGO

MONTEGRANARO, FERMO

CHIESA DEL GESÙ

ANCONA

PALAZZO BERNETTI EVANGELISTA

FERMO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DI S. MARIA DI CASTELNUOVO

RECANATI, MACERATA

CHIESA DI S. MARIA DI CASTELNUOVO
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te