Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI SAN FRANCESCO - CAPPELLA GONZAGA

CHIESA DI SAN FRANCESCO - CAPPELLA GONZAGA

MANTOVA

153°

POSTO

2,812

VOTI 2020
CHIESA DI SAN FRANCESCO - CAPPELLA GONZAGA
Il complesso conventuale di San Francesco in Mantova ha un legame fortissimo con la storia della città e con i Signori che governarono lo Stato mantovano per quasi quattro secoli. La decisione dei Gonzaga di collocare qui le sepolture dei capitani del popolo prima e dei marchesi poi, in un arco temporale che va dal Trecento alla fine del Quattrocento, tradizione poi seguita da numerose altre nobili famiglie cittadine, mette in evidenza la speciale predilezione dei Gonzaga per l’Ordine francescano. Tuttavia, prima ancora che con i Gonzaga, il legame con San Francesco era già iniziato con i Bonacolsi e con le famiglie gentilizie mantovane che, nella seconda metà del Duecento, assicurarono il sostegno per l’ampliamento del complesso conventuale e della chiesa. La costruzione della chiesa prese avvio, si presume, sul finire del Duecento al posto di un oratorio dedicato a Santa Maria Incoronata e fu completata nel 1304, quando venne aperta al culto. Architetto ne fu un non meglio conosciuto Germano, che le impresse caratteri sostanzialmente gotici lombardi. La collocazione si poneva in perfetta linea con le logiche insediative degli ordini mendicanti e predicatori che occupavano aree di cintura urbana, piuttosto popolose ed in espansione. Nel 1782, con la soppressione dell’Ordine francescano, la chiesa venne abbandonata e successivamente, durante l’occupazione austriaca, venne trasformata in arsenale militare con tanto di cinta muraria, fossato e ponte levatoio. Venne acquisita all’inizio del Novecento dal Comune di Mantova, il quale affidò all’arch. Aldo Andreani il compito di restaurarla e ripristinare le fattezze medievali. I lavori vennero ultimati negli anni Trenta ma nel 1944 la chiesa fu pesantemente bombardata e quindi successivamente ricostruita seguendo gli interventi dell’Andreani. Si sono fortunatamente salvati dal bombardamento la facciata con le sue guglie ed il rosone, alcune parti dei chiostri, il campanile, alcuni lacerti di affreschi delle cappelle laterali e la Cappella Gonzaga, mausoleo della famiglia, dove ancora sono presenti gli affreschi originali ispirati alla Passione di Cristo e alle Storie di san Ludovico da Tolosa. Le parti sopravvissute ci fanno immaginare quanto sontuosa fosse la decorazione completa. L’arco d’ingresso della cappella è decorato con busti di santi mentre la parete presenta le scene della Crocifissione, dell’Ascensione e della Pentecoste. Nelle lunette si trovano i resti delle scene del Battesimo di Cristo, dell’Entrata in Gerusalemme e delle Storie della Passione. Il brano pittorico più ampio e meglio conservato è quello della parete di fondo, dedicata a san Ludovico da Tolosa. La volta è decorata con al centro il Cristo in mandorla, e sulle vele gli Evangelisti e angeli. Si tratta del maggiore ciclo pittorico trecentesco mantovano.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

153° Posto

2,812 Voti

Scopri altri luoghi vicini

853°
14 voti

Chiesa

CHIESA DELLA MADONNA DELLA VITTORIA

MANTOVA

841°
26 voti

Museo

MUSEO DI PALAZZO D'ARCO

MANTOVA

785°
82 voti

Negozio storico

ANTICA EDICOLA DEI GIORNALI

MANTOVA

861°
6 voti

Teatro

TEATRO SOCIALE

MANTOVA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DI SAN FRANCESCO - CAPPELLA GONZAGA

MANTOVA

CHIESA DI SAN FRANCESCO - CAPPELLA GONZAGA
La Chiesa di San Francesco ha un forte legame con la storia della città e con i Gonzaga che la scelsero come luogo di sepoltura fino alla fine del Quattrocento. Costruita in stile gotico lombardo in un’area di cintura urbana, piuttosto popolosa ed in espansione, fu completata nel 1304, ad opera di un non meglio conosciuto architetto di nome Germano. Nel 1782, con la soppressione dell’Ordine francescano, la chiesa venne abbandonata e, durante l’occupazione austriaca, trasformata in arsenale militare. Venne acquisita nel 1942 dal Comune di Mantova che ne affidò all’arch. Aldo Andreani i restauri ma nel 1944 la chiesa fu pesantemente bombardata e quindi successivamente ricostruita. Si sono salvati dal bombardamento la facciata, alcune parti dei chiostri, il campanile, lacerti di affreschi delle cappelle laterali e la Cappella Gonzaga, mausoleo della famiglia, dove ancora sono presenti gli affreschi originali ispirati alla Passione di Cristo e alle Storie di san Ludovico da Tolosa.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te