ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI SAN MICHELE ARCANGELO DI PEGAZZANO

CHIESA DI SAN MICHELE ARCANGELO DI PEGAZZANO

LA SPEZIA

253°

POSTO

1,205

VOTI 2018
Condividi
CHIESA DI SAN MICHELE ARCANGELO DI PEGAZZANO
La facciata rosacea e l'antico campanile, più alto rispetto ai vecchi tetti di Pegazzano, compaiono all'improvviso tra le case del borgo vecchio, testimoniando quanto gli abitanti della zona avessero sempre desiderato avere vicino la casa del Signore. Alla base del campanile un arco in pietra, di linea gotica, ed una targa marmorea indicano a quando risalgono le prime testimonianze storiche dell'edificio sacro. Si racconta che la Chiesa di San Michele Arcangelo è stata edificata nel 1348 e dedicata il 20 febbraio 1349, e lascia supporre che non si tratti di una costruzione ex-novo ma del ripristino o dell'ampliamento di un edificio preesistente. Nella lunetta del portale d'ingresso, di forma ogivale, si trovano ancora tracce di un affresco raffigurante San Michele. Nel XV secolo la zona fu abbandonata per una grave epidemia e tornò ad essere abitata solo nella seconda metà del XVI secolo; da allora, precisamente dal 1570, si sono succeduti venti parroci. Nel corso del '600 un definitivo rimaneggiamento della struttura (innalzamento dell'aula e costruzione del presbiterio) la porta all'aspetto architettonico attuale, anche se la sua storia decorativa non è ancora completata. Molti abitanti di Pegazzano ricordano don Giovanni Battista Calcagno, parroco dal 1915 al 1946, che volle rendere nuovamente bello il luogo della fede dei parrocchiani. L'archivio parrocchiale riporta, nel susseguirsi di date e di lavori intrapresi, di progetti e di acquisti, il cammino per il quale don Calcagno guidò tutta la Comunità Parrocchiale a restituire bellezza e dignità al luogo della Celebrazione Eucaristica. Nel 1929 fu eseguita l'ultima decorazione pittorica di cui oggi si può ancora vedere la bellezza anche se, purtroppo, in stato di pesante rovina. Il progetto decorativo mirava a condurre in alto i nostri cuori rivolgendoli al Signore presente in mezzo al Suo popolo (la Chiesa, ossia noi), che guida e nutre attraverso la fede, massimamente col Mistero Eucaristico celebrato nella S. Messa. Si possono quindi, in questo progetto, individuare sopra l'altare il Santo Arcangelo Michele, raffigurato nella volta dell'abside nell'atto di vincere il diavolo, e tutte le schiere angeliche, rappresentate con i loro nomi e simboli tra le finestre superiori; sulle pareti del presbiterio i quattro Evangelisti ed i santi Pietro e Paolo ricordano la solidità della nostra fede, basata sul Vangelo di Cristo e tramandata dalla Chiesa con la guida del Papa. Tutt'intorno al presbiterio, luogo ove si realizza il Mistero Eucaristico, è scritto, il canto degli angeli Sanctus, sanctus, sanctus Dominus Deus Sabaoth. Intorno all'unica navata, si legge l'inizio della nota preghiera all'Arcangelo Michele: Sancte Michael Archangele, defende nos in proelio (Arcangelo san Michele, difendici nelle lotte della vita). Nella navata si notano anche due altarilaterali del XVII secolo e saltano all'attenzione alcune monofore di epoca Trecentesca, rarissima testimonianza storica nella città, come pure nella controfacciata un'apertura a forma di croce ed i resti di un campanile a vela, che l'ampliamento Seicentesco ha inglobato nella struttura attuale. Interessante anche la porta di accesso al campanile. Non è comune trovare alla Spezia un edificio con testimonianze architettoniche ed artistiche in tal numero così rilevanti e risalenti ad epoche tanto diverse.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

chiesa di san michele arcangelo di pegazzano è un luogo salvato

8° censimento nazionale del FAI
Anno
2016
Voti
18,558
Intervento
Restauro
Stato
In corso

IL BENE
La chiesa venne costruita nel 1348 come ampliamento di un edificio preesistente, fu più volte rimaneggiata nel corso dei secoli. Subì danni durante la Seconda Guerra Mondiale e fu usata come magazzino nel dopoguerra; ulteriori utilizzi impropri hanno provocato un progressivo degrado del bene. Già votata al censimento nel 2012 e nel 2014, la chiesa ha recentemente beneficiato di un contributo che ha permesso i restauri degli affreschi del presbiterio. Ulteriori lavori, tra cui uno scavo archeologico, sono in corso, ma lo stato di conservazione dell’edificio resta precario.

INTERVENTO
L’intervento che verrà realizzato grazie al contributo di 11.000 euro, presentato dalla Parrocchia di San Michele Arcangelo, permetterà il restauro dei due altari laterali del XVII secolo. Rientra in un progetto di recupero complessivo del bene già in corso e prevede una prima fase di consolidamento degli altari, alla quale seguirà il discialbo e la pulitura delle superfici. Infine verranno reintegrati gli stucchi ricostruendo le parti mancanti. I lavori permetteranno la riapertura della chiesa alla fruizione pubblica e la sua restituzione agli abitanti. l'intervento donerà dignità ad un luogo particolarmente significativo per l’identità della comunità spezzina. Nel mese di maggio 2018 sono iniziati i lavori di restauro dei due altari.

LE PERSONE CHE HANNO RACCOLTO I VOTI
Il Comitato Chiesa di San Michele Arcangelo è composto da un gruppo di cittadini che con impegno e dedizione ha partecipato a ben tre edizioni del censimento permettendo alla Chiesa di raggiungere, per tre anni consecutivi, risultati eccezionali: è stato il bene più votato in Liguria nel 2016, secondo classificato regionale nel 2014, nel 2012 è stato votato da oltre 5.000 persone. Il Comitato continua il suo lavoro sul territorio affiancando la Parrocchia nelle attività di valorizzazione del bene perché l’attenzione pubblica nei suoi confronti resti alta. 

CONTRIBUTO: 11.000 €

Ultime News

11 Luoghi del Cuore del Nord Italia ti dicono Grazie

2017-11-28

Dalle centenarie Grotte del Caglieron (TV) al Santuario per i cetacei del Mediterraneo, dalle sedi storiche dell’Università statale di Milan...

24 Luoghi del Cuore vi dicono "Grazie"

2017-11-21

Il FAI annuncia 24 progetti di recupero per altrettanti Luoghi del Cuore votati durante il censimento 2016...
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

253° Posto

1,205 Voti
Censimento 2016

12° Posto

18,558 Voti
Censimento 2014

24° Posto

12,715 Voti
Censimento 2012

44° Posto

5,804 Voti
Censimento 2010

988° Posto

6 Voti

Scopri altri luoghi vicini

2,564°
32 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO

ATESSA, CHIETI

932°
102 voti

Convento

CONVENTO DI S. PASQUALE

ATESSA, CHIETI

3,158°
26 voti

Torre

PORTA SAN GIUSEPPE

ATESSA, CHIETI

2,344°
35 voti

Area naturale

VAL DI SANGRO

ATESSA, CHIETI

5,957°
14 voti

Chiesa

CHIESA SAN MAURO

BOMBA, CHIETI

893°
108 voti

Fiume, torrente, lago

LAGO DI BOMBA

BOMBA, CHIETI

1,276°
70 voti

Area naturale

CASCATA DEL RIO VERDE

BORRELLO, CHIETI

3,044°
27 voti

Area naturale

CALANCHI RIPE DELLO SPAGNOLO

BUCCHIANICO, CHIETI

4,333°
19 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO BUCCHIANICO

BUCCHIANICO, CHIETI

2,653°
31 voti

Museo

PALAZZO MARTUCCI – MUSEO DELLA GUERRA PER LA PACE

CANOSA SANNITA, CHIETI

5,162°
16 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DUCALE BASSI D'ALANNO

CARPINETO SINELLO, CHIETI

3,700°
22 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA

CARUNCHIO, CHIETI

3,158°
26 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA O DEL PURGATORIO

CARUNCHIO, CHIETI

3,700°
22 voti

Castello, rocca

CASTELLO E CANTINE MASCIARELLI

CASACANDITELLA, CHIETI

4,333°
19 voti

Area naturale

COLLINE TEATINE

CASACANDITELLA, CHIETI

Scopri altri luoghi simili

2,564°
32 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO

ATESSA, CHIETI

932°
102 voti

Convento

CONVENTO DI S. PASQUALE

ATESSA, CHIETI

3,158°
26 voti

Torre

PORTA SAN GIUSEPPE

ATESSA, CHIETI

2,344°
35 voti

Area naturale

VAL DI SANGRO

ATESSA, CHIETI

5,957°
14 voti

Chiesa

CHIESA SAN MAURO

BOMBA, CHIETI

893°
108 voti

Fiume, torrente, lago

LAGO DI BOMBA

BOMBA, CHIETI

1,276°
70 voti

Area naturale

CASCATA DEL RIO VERDE

BORRELLO, CHIETI

3,044°
27 voti

Area naturale

CALANCHI RIPE DELLO SPAGNOLO

BUCCHIANICO, CHIETI

4,333°
19 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO BUCCHIANICO

BUCCHIANICO, CHIETI

2,653°
31 voti

Museo

PALAZZO MARTUCCI – MUSEO DELLA GUERRA PER LA PACE

CANOSA SANNITA, CHIETI

5,162°
16 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DUCALE BASSI D'ALANNO

CARPINETO SINELLO, CHIETI

3,700°
22 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA

CARUNCHIO, CHIETI

3,158°
26 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA O DEL PURGATORIO

CARUNCHIO, CHIETI

3,700°
22 voti

Castello, rocca

CASTELLO E CANTINE MASCIARELLI

CASACANDITELLA, CHIETI

4,333°
19 voti

Area naturale

COLLINE TEATINE

CASACANDITELLA, CHIETI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

CHIESA DI SAN MICHELE ARCANGELO DI PEGAZZANO

LA SPEZIA

Condividi
CHIESA DI SAN MICHELE ARCANGELO DI PEGAZZANO
La facciata rosacea e l'antico campanile, più alto rispetto ai vecchi tetti di Pegazzano, compaiono all'improvviso tra le case del borgo vecchio, testimoniando quanto gli abitanti della zona avessero sempre desiderato avere vicino la casa del Signore. Alla base del campanile un arco in pietra, di linea gotica, ed una targa marmorea indicano a quando risalgono le prime testimonianze storiche dell'edificio sacro. Si racconta che la Chiesa di San Michele Arcangelo è stata edificata nel 1348 e dedicata il 20 febbraio 1349, e lascia supporre che non si tratti di una costruzione ex-novo ma del ripristino o dell'ampliamento di un edificio preesistente. Nella lunetta del portale d'ingresso, di forma ogivale, si trovano ancora tracce di un affresco raffigurante San Michele. Nel XV secolo la zona fu abbandonata per una grave epidemia e tornò ad essere abitata solo nella seconda metà del XVI secolo; da allora, precisamente dal 1570, si sono succeduti venti parroci. Nel corso del '600 un definitivo rimaneggiamento della struttura (innalzamento dell'aula e costruzione del presbiterio) la porta all'aspetto architettonico attuale, anche se la sua storia decorativa non è ancora completata. Molti abitanti di Pegazzano ricordano don Giovanni Battista Calcagno, parroco dal 1915 al 1946, che volle rendere nuovamente bello il luogo della fede dei parrocchiani. L'archivio parrocchiale riporta, nel susseguirsi di date e di lavori intrapresi, di progetti e di acquisti, il cammino per il quale don Calcagno guidò tutta la Comunità Parrocchiale a restituire bellezza e dignità al luogo della Celebrazione Eucaristica. Nel 1929 fu eseguita l'ultima decorazione pittorica di cui oggi si può ancora vedere la bellezza anche se, purtroppo, in stato di pesante rovina. Il progetto decorativo mirava a condurre in alto i nostri cuori rivolgendoli al Signore presente in mezzo al Suo popolo (la Chiesa, ossia noi), che guida e nutre attraverso la fede, massimamente col Mistero Eucaristico celebrato nella S. Messa. Si possono quindi, in questo progetto, individuare sopra l'altare il Santo Arcangelo Michele, raffigurato nella volta dell'abside nell'atto di vincere il diavolo, e tutte le schiere angeliche, rappresentate con i loro nomi e simboli tra le finestre superiori; sulle pareti del presbiterio i quattro Evangelisti ed i santi Pietro e Paolo ricordano la solidità della nostra fede, basata sul Vangelo di Cristo e tramandata dalla Chiesa con la guida del Papa. Tutt'intorno al presbiterio, luogo ove si realizza il Mistero Eucaristico, è scritto, il canto degli angeli Sanctus, sanctus, sanctus Dominus Deus Sabaoth. Intorno all'unica navata, si legge l'inizio della nota preghiera all'Arcangelo Michele: Sancte Michael Archangele, defende nos in proelio (Arcangelo san Michele, difendici nelle lotte della vita). Nella navata si notano anche due altarilaterali del XVII secolo e saltano all'attenzione alcune monofore di epoca Trecentesca, rarissima testimonianza storica nella città, come pure nella controfacciata un'apertura a forma di croce ed i resti di un campanile a vela, che l'ampliamento Seicentesco ha inglobato nella struttura attuale. Interessante anche la porta di accesso al campanile. Non è comune trovare alla Spezia un edificio con testimonianze architettoniche ed artistiche in tal numero così rilevanti e risalenti ad epoche tanto diverse.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016

News

Attualità

11 Luoghi del Cuore del Nord Italia ti dicono Grazie

2017-11-28

Dalle centenarie Grotte del Caglieron (TV) al Santuario per i cetacei del Mediterraneo, dalle sedi storiche dell’Università statale di Milan...

Attualità

24 Luoghi del Cuore vi dicono "Grazie"

2017-11-21

Il FAI annuncia 24 progetti di recupero per altrettanti Luoghi del Cuore votati durante il censimento 2016...
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te