ISCRIVITI AL FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI SAN PEYRE A STROPPO

CHIESA DI SAN PEYRE A STROPPO

STROPPO, CUNEO

1,568°

POSTO

44

VOTI 2018
CHIESA DI SAN PEYRE A STROPPO
Posta a 1.233 m di altitudine, la chiesa di San Peyre è isolata lungo la strada che conduce a Elva e ha condiviso la funzione di Parrocchia con la chiesa di San Giovanni Battista al Paschero fino al 1.825, data della soppressione del titolo e della sconsacrazione dell'attiguo cimitero. Costruita nel XII secolo, la sua parte esterna è molto semplice, con facciata a capanna e portale a tutto sesto. Singolare è la presenza di due campanili, uno romanico a vela e uno gotico a quattro piani, aggiunto nel XIV secolo, dall'alta cuspide ottagonale attorniata da quattro pilastrini. Il portale pseudo-megalitico è sormontato da un arco a tutto sesto romanico dove è scolpita una data, variamente letta come 1.092, 1.292, 1.492. La struttura interna è assai articolata: la navata centrale è più ampia e ha copertura a capriate lignee, mentre le navatelle laterali, aggiunte successivamente, hanno volte a crociera costolonate. Altro elemento originale è la presenza di due absidi a volta a sesto acuto e di un dislivello di una decina di centimetri fra la navata centrale e quella di destra. Le colonne in pietra che separano le navate posseggono capitelli cubici, privi di decorazione. Una balaustra lignea, di fattura probabilmente secentesca, separa l'abside maggiore dalla navata e si caratterizza per gli intagli originalissimi che hanno per soggetto la Crocifissione, l'Inferno e il Peccato: lo stile spigoloso ricorda sia l'arte africana che l'ultimo Picasso. Davanti al mur de chevet è collocato un trave squadrato e dipinto, residuo di una tradizione ancestrale che si riallaccia all'iconostasi, su cui è fissato un Crocifisso di grandi proporzioni degli inizi del Seicento, e che reca la scritta "Vide homo quae pro te patior, video homo quia pro te in cruce pendens, amore languens, morior". Una grande figura di Cristo in trono, affiancata dal dedicatorio della chiesa Pietro e da Paolo con le chiavi del regno, la spada e i libri delle epistole, spicca nell'abside maggiore, le cui pareti della volta ospitano gli Apostoli - originale la scelta di raffigurare Giuda Iscariota con un alberello - : sulla volta sono rappresentati i simboli apocalittici degli Evangelisti. Il Cristo regge un libro sul quale spicca la scritta Ego sum lux fortis, solvo vincula mortis: il volto largo e piatto ricorda per certi versi i tratti della pittura bizantina. Allo stesso maestro anonimo attivo nel XIV secolo sono da attribuire l'Annunciazione nell'arco e la figura di San Cristoforo che traghetta il bambino sopra la cappelletta del campanile. In quest'ultima operò successivamente un secondo frescante, che realizzò la Madonna in trono fra San Pietro e Sant'Antonio Abate. Nell'intradosso dell'arco sono dipinti San Bernardo da Mentone che incatena un diavolo, e le sante Barbara e Caterina d'Alessandria con i simboli del martirio. Dello stesso artista parrebbe il san Giacomo accanto alla porta che immetteva all'antico cimitero, sempre nella navata sinistra. E' però l'abside minore a riservare maggiori sorprese, con un terzo maestro anonimo, forse lombardo, autore nei primi decenni del XV secolo di Natività, Annuncio ai pastori, Adorazione dei Magi e Dormitio Virginis, in cui Pietro è chiamato a vedere l'Assunzione al cielo della Madonna. Ispirate ai Vangeli Apocrifi, rappresentano con delicatezza la nascita di Cristo arricchendola di particolari inediti e intimi. Assai rara la figura del pastore suonatore di cornamusa. Forse alla medesima mano è da ricondurre la Maria Maddalena dipinta sul pilastro tra l'abside e l'absidiola. Un quarto pittore, più modesto, è autore nei primi anni del Cinquecento del San Pietro e del riquadro con i Santi Sebastiano, Rocco e Fabiano Papa nella navatella destra.

Scheda completa al 88%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2016

909° Posto

66 Voti
Censimento 2014

7,864° Posto

2 Voti
Censimento 2012

5,309° Posto

3 Voti

Vota altri luoghi vicini

23,151°
3 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA DI MORINESIO

STROPPO, CUNEO

35,141°
1 voto

Sentiero

ITINERARIO DEI PERCORSI OCCITANI

STROPPO, CUNEO

2,540°
26 voti

Edificio civile

LAZZARETTO DI CAUDANO DI STROPPO

BASSURA, CUNEO

Vota altri luoghi simili

11°
12,354 voti

Chiesa

BASILICA DI SANTA GIULIA

BONATE SOTTO, BERGAMO

12°
11,961 voti

Chiesa

CHIESA E CONVENTO DI SAN BONAVENTURA

CALTAGIRONE, CATANIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

CHIESA DI SAN PEYRE A STROPPO

STROPPO, CUNEO

Condividi
CHIESA DI SAN PEYRE A STROPPO
Posta a 1.233 m di altitudine, la chiesa di San Peyre è isolata lungo la strada che conduce a Elva e ha condiviso la funzione di Parrocchia con la chiesa di San Giovanni Battista al Paschero fino al 1.825, data della soppressione del titolo e della sconsacrazione dell'attiguo cimitero. Costruita nel XII secolo, la sua parte esterna è molto semplice, con facciata a capanna e portale a tutto sesto. Singolare è la presenza di due campanili, uno romanico a vela e uno gotico a quattro piani, aggiunto nel XIV secolo, dall'alta cuspide ottagonale attorniata da quattro pilastrini. Il portale pseudo-megalitico è sormontato da un arco a tutto sesto romanico dove è scolpita una data, variamente letta come 1.092, 1.292, 1.492. La struttura interna è assai articolata: la navata centrale è più ampia e ha copertura a capriate lignee, mentre le navatelle laterali, aggiunte successivamente, hanno volte a crociera costolonate. Altro elemento originale è la presenza di due absidi a volta a sesto acuto e di un dislivello di una decina di centimetri fra la navata centrale e quella di destra. Le colonne in pietra che separano le navate posseggono capitelli cubici, privi di decorazione. Una balaustra lignea, di fattura probabilmente secentesca, separa l'abside maggiore dalla navata e si caratterizza per gli intagli originalissimi che hanno per soggetto la Crocifissione, l'Inferno e il Peccato: lo stile spigoloso ricorda sia l'arte africana che l'ultimo Picasso. Davanti al mur de chevet è collocato un trave squadrato e dipinto, residuo di una tradizione ancestrale che si riallaccia all'iconostasi, su cui è fissato un Crocifisso di grandi proporzioni degli inizi del Seicento, e che reca la scritta "Vide homo quae pro te patior, video homo quia pro te in cruce pendens, amore languens, morior". Una grande figura di Cristo in trono, affiancata dal dedicatorio della chiesa Pietro e da Paolo con le chiavi del regno, la spada e i libri delle epistole, spicca nell'abside maggiore, le cui pareti della volta ospitano gli Apostoli - originale la scelta di raffigurare Giuda Iscariota con un alberello - : sulla volta sono rappresentati i simboli apocalittici degli Evangelisti. Il Cristo regge un libro sul quale spicca la scritta Ego sum lux fortis, solvo vincula mortis: il volto largo e piatto ricorda per certi versi i tratti della pittura bizantina. Allo stesso maestro anonimo attivo nel XIV secolo sono da attribuire l'Annunciazione nell'arco e la figura di San Cristoforo che traghetta il bambino sopra la cappelletta del campanile. In quest'ultima operò successivamente un secondo frescante, che realizzò la Madonna in trono fra San Pietro e Sant'Antonio Abate. Nell'intradosso dell'arco sono dipinti San Bernardo da Mentone che incatena un diavolo, e le sante Barbara e Caterina d'Alessandria con i simboli del martirio. Dello stesso artista parrebbe il san Giacomo accanto alla porta che immetteva all'antico cimitero, sempre nella navata sinistra. E' però l'abside minore a riservare maggiori sorprese, con un terzo maestro anonimo, forse lombardo, autore nei primi decenni del XV secolo di Natività, Annuncio ai pastori, Adorazione dei Magi e Dormitio Virginis, in cui Pietro è chiamato a vedere l'Assunzione al cielo della Madonna. Ispirate ai Vangeli Apocrifi, rappresentano con delicatezza la nascita di Cristo arricchendola di particolari inediti e intimi. Assai rara la figura del pastore suonatore di cornamusa. Forse alla medesima mano è da ricondurre la Maria Maddalena dipinta sul pilastro tra l'abside e l'absidiola. Un quarto pittore, più modesto, è autore nei primi anni del Cinquecento del San Pietro e del riquadro con i Santi Sebastiano, Rocco e Fabiano Papa nella navatella destra.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2018
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te