Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
sant'agostino

CHIESA DI SANT'AGOSTINO

CARMAGNOLA, TORINO

2,030°

POSTO

50

VOTI 2020
CHIESA DI SANT'AGOSTINO
L’edificio storico della Chiesa di S.Agostino si affaccia sull’omonima piazza e insieme al convento è il complesso monumentale più rappresentativo della Città, fulcro della vita sociale della comunità sotto ogni aspetto, religioso, artistico e storico, luogo in cui vennero emessi i voti alla Vergine dell'Immacolata Concezione in seguito alle epidemie di peste del 1522 e del 1630. La sua fondazione ci viene descritta dal frate agostiniano G. Bucci, nato a Carmagnola verso il 1430. Nel suo Memoriale Quadriparlitum narra che nel 1397 Papa Benedetto X diede incarico all'abate cistercense Giacomo di Casanova di introdurre gli Agostiniani a Carmagnola, ma, causa una pestilenza, l’inizio della costruzione della Chiesa avvenne solo nel 1406; i lavori terminarono con l’apertura al culto nel 1437. Fu l’ artista fiorentino, Mastro Amedeo da Settignano (Meo del Caprino) che nel 1496 realizzò il nuovo portale in marmo, in stile rinascimentale, che ancor oggi è il più bel ornamento della facciata. Formato da due stipiti e da un architrave con trabeazione baccellata, sormontati da un aree con epigrafe, nella lunetta esso lasciava intravedere un affresco con l’Apostolo Tommaso che tocca la piaga del costato di Gesù Cristo. In armonia col portale, nel XVI secolo, una finestra trifora sostituì la rosa lucifera della semplice facciata, che si arricchì di una immagine dipinta di S. Agostino con lo stemma della Città. Avendo bisogno di restauri, nel 1835 gli Agostiniani ricorsero all’opera dell’Avv. P.L. Menocchio, che ridusse la facciata, originariamente in mattoni a vista, a stile composito, trasformando i quattro contrafforti esistenti in lesene con alette che individuano tre campiture sotto tre arcate a tutto sesto". La struttura che attualmente vediamo e quella ridisegnata nel l835. S. Agostino restò sempre la più potente istituzione religiosa cittadina. Già nel 1438 vennero collocati sul campanile l’orologio regolatore della Città che batteva le 24 ore e la grande campana del Comune che segnalava il coprifuoco e le convocazioni consiliari, in quanto nei secoli XV e XVl il Comune teneva le sue congreghe generali nell’adiacente Convento. Anche numerose Corporazioni religiose trovavano ospitalità nella Chiesa, con la maggior parte delle Università dei Mestieri. S. Agostino costituiva il fulcro della Città: vi si celebravano messe votive e, in caso di calamità, solenni funzioni nell"antistante spazio. Qui, durante le terribili pestilenze del 1522 e 1630, i capifamiglia carmagnolesi pronunciarono il loro voto all’lmmacolata, tuttora onorato l'8 Dicembre. Nei secoli il vasto Convento dovette subire molteplici ristrutturazioni, le più rilevanti delle quali furono l’aggiunta, alla Chiesa, di una quarta navata ed i rifacimenti barocchi, sul lato sud, negli anni 1767-80. Scacciati nel l802 dall’editto napoleonico, gli Agostiniani tornarono nel loro Convento nel l820, per abbandonarlo definitivamente nel l856, quando si secolarizzarono in seguito alla soppressione degli ordini religiosi. il Municipio, proprietario del complesso dal l858, nel l869 demolendo una parte di esso, realizzò l’attuale piazza D. Berti. La Chiesa, nella parte esterna si caratterizza per una connotazione gotica, all’interno, invece, è più che evidente l’influenza barocca. La chiesa, a pianta longitudinale, a quattro navate senza transetto, misura 45 m di lunghezza, 22 di larghezza e 16 di altezza. La navata centrale, le due laterali e il presbiterio sono coperti da volte a crociera con costoloni decorati a foglie e rami. La quarta navata, con archi a sesto acuto, capitelli cubici su colonne semicircolari, coperta da volte a crociera e da una volta ellittica con cupolino a decorazione neoclassica, termina nella sacrestia. Di grande pregio l’armonico altare maggiore opera del 1612 che si distingue per la ricchezza di marmi policromi. Alle sue spalle è visibile il monumentale coro ligneo, splendida opera quattrocentesca, restaurato nel 1999. L’organo risale al 1955.

Gallery

sant'agostino
sant'agostino
sant'agostino

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

10,422° Posto

8 Voti

Vota altri luoghi vicini

9,749°
9 voti

Edificio civile

LICEO BALDESSANO

CARMAGNOLA, TORINO

Vota altri luoghi simili

17,049 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

12,613 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,232 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DI SANT'AGOSTINO

CARMAGNOLA, TORINO

CHIESA DI SANT'AGOSTINO
L’edificio storico della Chiesa di S.Agostino si affaccia sull’omonima piazza e insieme al convento è il complesso monumentale più rappresentativo della Città, fulcro della vita sociale della comunità sotto ogni aspetto, religioso, artistico e storico, luogo in cui vennero emessi i voti alla Vergine dell'Immacolata Concezione in seguito alle epidemie di peste del 1522 e del 1630. La sua fondazione ci viene descritta dal frate agostiniano G. Bucci, nato a Carmagnola verso il 1430. Nel suo Memoriale Quadriparlitum narra che nel 1397 Papa Benedetto X diede incarico all'abate cistercense Giacomo di Casanova di introdurre gli Agostiniani a Carmagnola, ma, causa una pestilenza, l’inizio della costruzione della Chiesa avvenne solo nel 1406; i lavori terminarono con l’apertura al culto nel 1437. Fu l’ artista fiorentino, Mastro Amedeo da Settignano (Meo del Caprino) che nel 1496 realizzò il nuovo portale in marmo, in stile rinascimentale, che ancor oggi è il più bel ornamento della facciata. Formato da due stipiti e da un architrave con trabeazione baccellata, sormontati da un aree con epigrafe, nella lunetta esso lasciava intravedere un affresco con l’Apostolo Tommaso che tocca la piaga del costato di Gesù Cristo. In armonia col portale, nel XVI secolo, una finestra trifora sostituì la rosa lucifera della semplice facciata, che si arricchì di una immagine dipinta di S. Agostino con lo stemma della Città. Avendo bisogno di restauri, nel 1835 gli Agostiniani ricorsero all’opera dell’Avv. P.L. Menocchio, che ridusse la facciata, originariamente in mattoni a vista, a stile composito, trasformando i quattro contrafforti esistenti in lesene con alette che individuano tre campiture sotto tre arcate a tutto sesto". La struttura che attualmente vediamo e quella ridisegnata nel l835. S. Agostino restò sempre la più potente istituzione religiosa cittadina. Già nel 1438 vennero collocati sul campanile l’orologio regolatore della Città che batteva le 24 ore e la grande campana del Comune che segnalava il coprifuoco e le convocazioni consiliari, in quanto nei secoli XV e XVl il Comune teneva le sue congreghe generali nell’adiacente Convento. Anche numerose Corporazioni religiose trovavano ospitalità nella Chiesa, con la maggior parte delle Università dei Mestieri. S. Agostino costituiva il fulcro della Città: vi si celebravano messe votive e, in caso di calamità, solenni funzioni nell"antistante spazio. Qui, durante le terribili pestilenze del 1522 e 1630, i capifamiglia carmagnolesi pronunciarono il loro voto all’lmmacolata, tuttora onorato l'8 Dicembre. Nei secoli il vasto Convento dovette subire molteplici ristrutturazioni, le più rilevanti delle quali furono l’aggiunta, alla Chiesa, di una quarta navata ed i rifacimenti barocchi, sul lato sud, negli anni 1767-80. Scacciati nel l802 dall’editto napoleonico, gli Agostiniani tornarono nel loro Convento nel l820, per abbandonarlo definitivamente nel l856, quando si secolarizzarono in seguito alla soppressione degli ordini religiosi. il Municipio, proprietario del complesso dal l858, nel l869 demolendo una parte di esso, realizzò l’attuale piazza D. Berti. La Chiesa, nella parte esterna si caratterizza per una connotazione gotica, all’interno, invece, è più che evidente l’influenza barocca. La chiesa, a pianta longitudinale, a quattro navate senza transetto, misura 45 m di lunghezza, 22 di larghezza e 16 di altezza. La navata centrale, le due laterali e il presbiterio sono coperti da volte a crociera con costoloni decorati a foglie e rami. La quarta navata, con archi a sesto acuto, capitelli cubici su colonne semicircolari, coperta da volte a crociera e da una volta ellittica con cupolino a decorazione neoclassica, termina nella sacrestia. Di grande pregio l’armonico altare maggiore opera del 1612 che si distingue per la ricchezza di marmi policromi. Alle sue spalle è visibile il monumentale coro ligneo, splendida opera quattrocentesca, restaurato nel 1999. L’organo risale al 1955.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te