ISCRIVITI AL FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI SANTA MARIA DELLA SCALA DETTA LA BADIAZZA

CHIESA DI SANTA MARIA DELLA SCALA DETTA LA BADIAZZA

MESSINA

42°

POSTO

9,006

VOTI 2018
Condividi
CHIESA DI S. MARIA DELLA SCALA - LA BADIAZZA
Poco fuori città, in una vallata ai piedi dei Peloritani, troviamo la bellissima chiesa medievale di S.Maria della Valle o della Scala (la chiesa era sorta lungo un'importante via di comunicazione che,attraverso una lunga scala che si inerpicava sui Peloritani, collegava la vallata orientale alla zone tirrenica e alla piana di Milazzo). La sua fondazione si colloca nell'XI secolo ad opera di monache benedettine che, accanto alla Badia, avevano anche un monastero di cui si hanno scarsi resti. Fin dal 1168 grazie a Guglielmo d'Altavilla, e per tutto il Medioevo, la Badiazza raccolse molti privilegi regali. La fondazione della chiesa e del monastero è legata ad un fatto leggendario a cui si ispirava un quadro, conservato in chiesa, raffigurante una Madonna con accanto una scala. Secondo la leggenda una nave di mercanti provenienti dalla Siria era approdata in città e dopo aver scaricato le merci si preparava a ripartire tenendo nascosto nella stiva il quadro della Vergine rubato in oriente. Dopo numerosi tentativi, i mercanti credettero di essere trattenuti da qualcosa di miracoloso e quindi decisero di rivelare la presenza del prezioso dipinto. Si recarono dall'arcivescovo e alla presenza del re Federico II di Svevia svelarono il furto. Si decise di sbarcare il quadro, cosa che permise alla nave di riprendere il mare, e dopo averlo caricato su un carro trainato da buoi, lo si lasciò andare finché non si fermò proprio dove oggi sorge la chiesa. Nel 1282, durante la guerra del Vespro, le truppe di Carlo d'Angiò che assediavano la città la saccheggiarono e la incendiarono. Ricostruita e ampliata da Federico II d'Aragona fu abbandonata in seguito alla grande peste del 1347 durante la quale l'immagine della Madonna fu portata in processione all'interno della città per scongiurare la pestilenza. Cessato il pericolo le monache decisero di trasferirsi in un nuovo monastero costruito in città ritornando solo durante il periodo estivo per soggiornarvi. I numerosi straripamenti dei torrenti e dei terremoti ne hanno continuato il declino. E' stata di recente completata una lunga opera di restauro. La chiesa è un bell'esempio di arte medievale che accomuna vari aspetti dell'architettura siciliana del tempo. La chiesa, a croce latina, è divisa in tre navate di cui la più grande è quella centrale. La cupola , crollata nel secolo scorso,ma visibile in alcune stampe, era emisferica probabilmente influenzata dall'architettura araba. Negli anni successivi assunse forme sempre più goticheggianti, come si può vedere dai vari elementi ogivali che le caratterizzano tra cui le edicole delle absidi, le volte a crociera (con materiale misto di calcare e lava) e i portali. Le navate sono delimitate da poderosi pilastri sormontati da bei capitelli a motivi vegetali con foglie uncinate e croci. Le absidi erano ricoperte da ricchi mosaici in stile bizantino eseguiti in età sveva di cui ci resta un piccolo frammento,oggi al museo, raffigurante la testa di S.Pietro. Il dipinto della Madonna della Scala, trasferito nel nuovo monastero in città è andato perduto con il terremoto del 1908. L'esterno della Badia, per l'intero perimetro, è caratterizzato da una merlatura restaurata di recente. Appena superata la chiesa medievale si imbocca una stradina che introduce in un vallone, raggiunta un'alta briga di contenimento, inizia il sentiero che a tornanti risale il vallone fino a raggiungere una antica mulattiera che attraversa in salita, ripida in alcuni punti, una bella pineta, un ricco sottobosco di erica e corbezzolo. Qui si possono notare muretti a secco di protezione dell'antico percorso che formando dei tornanti scorre dentro un piccolo canyon naturale con tratti che a volte sembrano scavati nella roccia. Man mano che si sale il panorama si va aprendo sulla vallata. Il sentiero nel periodo piovoso forma una bella cascatella.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

42° Posto

9,006 Voti
Censimento 2016

3,210° Posto

20 Voti
Censimento 2014

1,151° Posto

30 Voti
Censimento 2003

270° Posto

5 Voti

Scopri altri luoghi vicini

639°
48 voti

Chiesa

CHIESA DI S. MARIA DELLA VALLE

MESSINA

661°
26 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DEL GOVERNO

MESSINA

671°
16 voti

Edificio militare

FRAZIONE DI CAMPO INGLESE

MESSINA

664°
23 voti

Edificio civile

EX CHIESA “BUON PASTORE” - SOPRINTENDENZA BENI CULTURALI AMBIENTALI

MESSINA

Scopri altri luoghi simili

24,997 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN FRANCESCO

PISA

12°
21,605 voti

Chiesa

CHIESA SANTA MARIA DELLE GRAZIE

CALVIZZANO, NAPOLI

13°
21,191 voti

Chiesa

BASILICA DI SANTA GIULIA

BONATE SOTTO, BERGAMO

16°
18,262 voti

Chiesa

EX CHIESA DEL GESÙ

ASTI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

CHIESA DI S. MARIA DELLA SCALA - LA BADIAZZA

MESSINA

Condividi
CHIESA DI S. MARIA DELLA SCALA - LA BADIAZZA
Poco fuori città, in una vallata ai piedi dei Peloritani, troviamo la bellissima chiesa medievale di S.Maria della Valle o della Scala (la chiesa era sorta lungo un'importante via di comunicazione che,attraverso una lunga scala che si inerpicava sui Peloritani, collegava la vallata orientale alla zone tirrenica e alla piana di Milazzo). La sua fondazione si colloca nell'XI secolo ad opera di monache benedettine che, accanto alla Badia, avevano anche un monastero di cui si hanno scarsi resti. Fin dal 1168 grazie a Guglielmo d'Altavilla, e per tutto il Medioevo, la Badiazza raccolse molti privilegi regali. La fondazione della chiesa e del monastero è legata ad un fatto leggendario a cui si ispirava un quadro, conservato in chiesa, raffigurante una Madonna con accanto una scala. Secondo la leggenda una nave di mercanti provenienti dalla Siria era approdata in città e dopo aver scaricato le merci si preparava a ripartire tenendo nascosto nella stiva il quadro della Vergine rubato in oriente. Dopo numerosi tentativi, i mercanti credettero di essere trattenuti da qualcosa di miracoloso e quindi decisero di rivelare la presenza del prezioso dipinto. Si recarono dall'arcivescovo e alla presenza del re Federico II di Svevia svelarono il furto. Si decise di sbarcare il quadro, cosa che permise alla nave di riprendere il mare, e dopo averlo caricato su un carro trainato da buoi, lo si lasciò andare finché non si fermò proprio dove oggi sorge la chiesa. Nel 1282, durante la guerra del Vespro, le truppe di Carlo d'Angiò che assediavano la città la saccheggiarono e la incendiarono. Ricostruita e ampliata da Federico II d'Aragona fu abbandonata in seguito alla grande peste del 1347 durante la quale l'immagine della Madonna fu portata in processione all'interno della città per scongiurare la pestilenza. Cessato il pericolo le monache decisero di trasferirsi in un nuovo monastero costruito in città ritornando solo durante il periodo estivo per soggiornarvi. I numerosi straripamenti dei torrenti e dei terremoti ne hanno continuato il declino. E' stata di recente completata una lunga opera di restauro. La chiesa è un bell'esempio di arte medievale che accomuna vari aspetti dell'architettura siciliana del tempo. La chiesa, a croce latina, è divisa in tre navate di cui la più grande è quella centrale. La cupola , crollata nel secolo scorso,ma visibile in alcune stampe, era emisferica probabilmente influenzata dall'architettura araba. Negli anni successivi assunse forme sempre più goticheggianti, come si può vedere dai vari elementi ogivali che le caratterizzano tra cui le edicole delle absidi, le volte a crociera (con materiale misto di calcare e lava) e i portali. Le navate sono delimitate da poderosi pilastri sormontati da bei capitelli a motivi vegetali con foglie uncinate e croci. Le absidi erano ricoperte da ricchi mosaici in stile bizantino eseguiti in età sveva di cui ci resta un piccolo frammento,oggi al museo, raffigurante la testa di S.Pietro. Il dipinto della Madonna della Scala, trasferito nel nuovo monastero in città è andato perduto con il terremoto del 1908. L'esterno della Badia, per l'intero perimetro, è caratterizzato da una merlatura restaurata di recente. Appena superata la chiesa medievale si imbocca una stradina che introduce in un vallone, raggiunta un'alta briga di contenimento, inizia il sentiero che a tornanti risale il vallone fino a raggiungere una antica mulattiera che attraversa in salita, ripida in alcuni punti, una bella pineta, un ricco sottobosco di erica e corbezzolo. Qui si possono notare muretti a secco di protezione dell'antico percorso che formando dei tornanti scorre dentro un piccolo canyon naturale con tratti che a volte sembrano scavati nella roccia. Man mano che si sale il panorama si va aprendo sulla vallata. Il sentiero nel periodo piovoso forma una bella cascatella.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te