Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA E CONVENTO DI SAN FRANCESCO

CHIESA E CONVENTO DI SAN FRANCESCO

TORTORICI, MESSINA

344°

POSTO

837

VOTI 2020
Condividi
CHIESA E CONVENTO DI SAN FRANCESCO
Chiesa di San Francesco o del Convento dei Frati Minori, Monumento Nazionale, ricostruita nel 1602 nell’attuale sito, vennero recuperati i materiali dalla chiesa già esistente di Santa Maria extra moenia, come rende chiaro il sopraporta (che rappresenta il simbolo delle mani giunte dei francescani) nel quale si legge la data del 1432 e il nome dell’artista che lo scolpì. (Gaspar de Ismiriglia). Il bel portale del ‘400 venne completato in epoca successiva e si nota la differenza di stile, Le porte laterali sono del 1686. Pregevole il portale laterale prospiciente il giardino di stile normanno-gotico, recuperato dalla precedente chiesa. Attaccati alla chiesa: il campanile costruito nella stessa epoca e l’orologio meccanico verosimilmente del 1700. In prosieguo si notano i resti dell’ex convento, attivo fino al 1866, e l’ex chiostro di cui residua una sola colonna posta sul muro laterale, frontistante la chiesa. All’interno della chiesa, a tre navate, si notano otto colonne monolitiche lisce con archi a sesto acuto. Al centro l’altare maggiore costruito nel 1689 con un bel disegno nel capolino dell’Eterno Padre. Il pavimento dell’altare conserva ancora i mattoni di Valenzia (1600) mentre il resto della chiesa ha il pavimento in rosso di S. Marco e pietra locale. Nell’altare laterale a destra, si trova la statua in legno di S. Paolo del 1658, scolpita dall’artista locale Sebastiano Leone ed indorata da Giuseppe di Giovanni. Nell’altare laterale a sinistra si trova il gruppo marmoreo di San Francesco e Frate Leone commissionato nel 1535 ad Antonello Gagini ed eseguito dai figli nel 1559. Sulla parete laterale sinistra è affisso il seicentesco crocifisso; opera di Frate Umile di Petralia (al secolo: Giovan Francesco Pintorno). Nella navata destra attualmente è riposto il fercolo (vara) del Santo patrono San Sebastiano, restaurato nel 2004. Dietro è visibile la statua di S. Cataldo antico patrono della città prima di S. Sebastiano. Parte del pavimento è stato realizzato con marmi di S. Marco ed il soffitto in legno, nel quale risaltano le figure di S. Antonino, S. Francesco e dell’Immacolata, è stato decorato dal celebre Giuseppe Tomasi nel 1600.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

344° Posto

837 Voti
Censimento 2018

19,027° Posto

4 Voti
Censimento 2016

13,852° Posto

4 Voti
Censimento 2014

7,826° Posto

2 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

839°
28 voti

Area urbana, piazza

CONTRADE DI TORTORICI

TORTORICI, MESSINA

854°
13 voti

Area naturale

PIANO DI RODORICO

TORTORICI, MESSINA

863°
4 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN LUCA

GALATI MAMERTINO, MESSINA

863°
4 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DE SPUCHES

GALATI MAMERTINO, MESSINA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA E CONVENTO DI SAN FRANCESCO

TORTORICI, MESSINA

Condividi
CHIESA E CONVENTO DI SAN FRANCESCO
Chiesa di San Francesco o del Convento dei Frati Minori, Monumento Nazionale, ricostruita nel 1602 nell’attuale sito, vennero recuperati i materiali dalla chiesa già esistente di Santa Maria extra moenia, come rende chiaro il sopraporta (che rappresenta il simbolo delle mani giunte dei francescani) nel quale si legge la data del 1432 e il nome dell’artista che lo scolpì. (Gaspar de Ismiriglia). Il bel portale del ‘400 venne completato in epoca successiva e si nota la differenza di stile, Le porte laterali sono del 1686. Pregevole il portale laterale prospiciente il giardino di stile normanno-gotico, recuperato dalla precedente chiesa. Attaccati alla chiesa: il campanile costruito nella stessa epoca e l’orologio meccanico verosimilmente del 1700. In prosieguo si notano i resti dell’ex convento, attivo fino al 1866, e l’ex chiostro di cui residua una sola colonna posta sul muro laterale, frontistante la chiesa. All’interno della chiesa, a tre navate, si notano otto colonne monolitiche lisce con archi a sesto acuto. Al centro l’altare maggiore costruito nel 1689 con un bel disegno nel capolino dell’Eterno Padre. Il pavimento dell’altare conserva ancora i mattoni di Valenzia (1600) mentre il resto della chiesa ha il pavimento in rosso di S. Marco e pietra locale. Nell’altare laterale a destra, si trova la statua in legno di S. Paolo del 1658, scolpita dall’artista locale Sebastiano Leone ed indorata da Giuseppe di Giovanni. Nell’altare laterale a sinistra si trova il gruppo marmoreo di San Francesco e Frate Leone commissionato nel 1535 ad Antonello Gagini ed eseguito dai figli nel 1559. Sulla parete laterale sinistra è affisso il seicentesco crocifisso; opera di Frate Umile di Petralia (al secolo: Giovan Francesco Pintorno). Nella navata destra attualmente è riposto il fercolo (vara) del Santo patrono San Sebastiano, restaurato nel 2004. Dietro è visibile la statua di S. Cataldo antico patrono della città prima di S. Sebastiano. Parte del pavimento è stato realizzato con marmi di S. Marco ed il soffitto in legno, nel quale risaltano le figure di S. Antonino, S. Francesco e dell’Immacolata, è stato decorato dal celebre Giuseppe Tomasi nel 1600.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te