Iscriviti al FAI a -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA SS. ANNUNZIATA

CHIESA SS. ANNUNZIATA

RUTIGLIANO, BARI

76°

POSTO

3,286

VOTI 2020
Condividi
CHIESA SS. ANNUNZIATA
\r\n

La nascita della chiesa di S.Maria dell'Annunziata è legata alla storia del monastero di S.Tommaso, sorto a Rutigliano nel XII secolo, con la finalità di dare ospizio ai pellegrini. Tale monastero fece costruire, probabilmente tra il XIII e il XIV secolo, la chiesa di S.Maria del Castello, solo in seguito denominata dell'Annunziata. Dopo secoli di alterne fortune, la chiesa fu riedificata, nello stesso luogo della prima, sul finire del XVI secolo. Ulteriori importanti interventi sono ascrivibili alla prima metà del XVIII secolo ad opera del prelato Innico Martino Caracciolo. Successivamente al 1864 la chiesa divenne proprietà privata. Nel 1961 fu venduta alla chiesa del Carmine, che ancora oggi risulta proprietaria della chiesa e dell'area annessa esterna. Il complesso è composto da due corpi di fabbrica. Il primo, quello della chiesa (14 metri x 10.55, con un'altezza di 13), ha un impianto rettangolare a navata unica, diviso in tre campate; la prima e l'ultima coperte a botte con lunette, in cui si aprono finestre strombate, mentre quella centrale è coperta a vela con lanterna centrale. Il secondo, aggiunto successivamente al 1727, si compone di due livelli, il primo utilizzato parte a stalla e parte come sagrestia, il secondo come fienile. L'interno della chiesa è ripartito lateralmente da arcate a tutto sesto, arricchite da paraste aggettanti modanate, che in passato incorniciavano altari in pietra ormai trafugati. Anche l'altare maggiore è stato asportato (rimane solo un timpano spezzato curvilineo, poggiato su mensole). La facciata cuspidata della chiesa, rivolta a ovest, presenta per metà un bugnato in pietra a filari regolari, mentre la parte superiore è intonacata. Il portale sul fronte principale, sormontato da un timpano spezzato, fino a marzo 1986 era arricchito dallo stemma prelatizio in pietra di Innico Martino Caracciolo, autore nella prima metà del '700 di interventi di ristrutturazione e abbellimento. Ai furti susseguitisi nel tempo si sono progressivamente sommati consistenti fenomeni di degrado, che interessano sia le coperture che i muri perimetrali, con la comparsa di preoccupanti segnali di dissesto statico. 
Il culto dell'Annunziata ha origini antiche ed è da sempre caratterizzato da particolare fervore, se già nel 1727 il vescovo di Conversano mostrava stupore per l'ingente spesa impiegata per la ristrutturazione della chiesa, posta così lontano dal centro abitato. In passato la festa dell'Annunziata si svolgeva due volte l'anno, il 25 marzo (coincidente con la ricorrenza liturgica dell'Annunciazione) e la seconda domenica di maggio. Mentre la prima data coincideva con una festa religiosa, la seconda era legata ad una festa decisamente profana, dai contenuti strettamente connessi alla superstizione popolare. 

\r\n
Nel suo "Sviluppo urbano di Rutigliano" (2006) di Pietro Larizza, l'autore scrive: "...il promontorio dell'Annunziata come è stato già accennato è anche ben conosciuto per l'importanza di ritrovamenti archeologici che vanno dal neolitico all'età arcaica (o pre classica) e che rivelano la presenza di un'insediamento naturalmente difeso dalla confluenza di due lame, il Lamone e la Lama rossa. Oggi, tale sito, oltre a comprendere la chiesa, è iscritto da mura che raggiungono in alcuni punti un'altezza di circa tre metri."

Scheda completa al 88%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

47° Posto

8,180 Voti
Censimento 2016

4,133° Posto

15 Voti
Censimento 2014

793° Posto

48 Voti
Censimento 2012

3,488° Posto

4 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti
Censimento 2003

1,863° Posto

1 Voti

Vota altri luoghi vicini

410°
474 voti

Chiesa

CHIESA MEDIEVALE DI SANT'APOLLINARE

RUTIGLIANO, BARI

452°
416 voti

Chiesa

CHIESA BAROCCA DI SAN LORENZO FUORI LE MURA

RUTIGLIANO, BARI

462°
406 voti

Chiesa

CHIESA DELLA SANTISSIMA MARIA DELLA COLONNA E DI SAN NICOLA

RUTIGLIANO, BARI

Vota altri luoghi simili

31,856 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

31,432 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

19,654 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA SS. ANNUNZIATA

RUTIGLIANO, BARI

Condividi
CHIESA SS. ANNUNZIATA
\r\n

La nascita della chiesa di S.Maria dell'Annunziata è legata alla storia del monastero di S.Tommaso, sorto a Rutigliano nel XII secolo, con la finalità di dare ospizio ai pellegrini. Tale monastero fece costruire, probabilmente tra il XIII e il XIV secolo, la chiesa di S.Maria del Castello, solo in seguito denominata dell'Annunziata. Dopo secoli di alterne fortune, la chiesa fu riedificata, nello stesso luogo della prima, sul finire del XVI secolo. Ulteriori importanti interventi sono ascrivibili alla prima metà del XVIII secolo ad opera del prelato Innico Martino Caracciolo. Successivamente al 1864 la chiesa divenne proprietà privata. Nel 1961 fu venduta alla chiesa del Carmine, che ancora oggi risulta proprietaria della chiesa e dell'area annessa esterna. Il complesso è composto da due corpi di fabbrica. Il primo, quello della chiesa (14 metri x 10.55, con un'altezza di 13), ha un impianto rettangolare a navata unica, diviso in tre campate; la prima e l'ultima coperte a botte con lunette, in cui si aprono finestre strombate, mentre quella centrale è coperta a vela con lanterna centrale. Il secondo, aggiunto successivamente al 1727, si compone di due livelli, il primo utilizzato parte a stalla e parte come sagrestia, il secondo come fienile. L'interno della chiesa è ripartito lateralmente da arcate a tutto sesto, arricchite da paraste aggettanti modanate, che in passato incorniciavano altari in pietra ormai trafugati. Anche l'altare maggiore è stato asportato (rimane solo un timpano spezzato curvilineo, poggiato su mensole). La facciata cuspidata della chiesa, rivolta a ovest, presenta per metà un bugnato in pietra a filari regolari, mentre la parte superiore è intonacata. Il portale sul fronte principale, sormontato da un timpano spezzato, fino a marzo 1986 era arricchito dallo stemma prelatizio in pietra di Innico Martino Caracciolo, autore nella prima metà del '700 di interventi di ristrutturazione e abbellimento. Ai furti susseguitisi nel tempo si sono progressivamente sommati consistenti fenomeni di degrado, che interessano sia le coperture che i muri perimetrali, con la comparsa di preoccupanti segnali di dissesto statico. 
Il culto dell'Annunziata ha origini antiche ed è da sempre caratterizzato da particolare fervore, se già nel 1727 il vescovo di Conversano mostrava stupore per l'ingente spesa impiegata per la ristrutturazione della chiesa, posta così lontano dal centro abitato. In passato la festa dell'Annunziata si svolgeva due volte l'anno, il 25 marzo (coincidente con la ricorrenza liturgica dell'Annunciazione) e la seconda domenica di maggio. Mentre la prima data coincideva con una festa religiosa, la seconda era legata ad una festa decisamente profana, dai contenuti strettamente connessi alla superstizione popolare. 

\r\n
Nel suo "Sviluppo urbano di Rutigliano" (2006) di Pietro Larizza, l'autore scrive: "...il promontorio dell'Annunziata come è stato già accennato è anche ben conosciuto per l'importanza di ritrovamenti archeologici che vanno dal neolitico all'età arcaica (o pre classica) e che rivelano la presenza di un'insediamento naturalmente difeso dalla confluenza di due lame, il Lamone e la Lama rossa. Oggi, tale sito, oltre a comprendere la chiesa, è iscritto da mura che raggiungono in alcuni punti un'altezza di circa tre metri."
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2004, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te