Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESETTA SANT'AGNESE DI RORAI PICCOLO

CHIESETTA SANT'AGNESE DI RORAI PICCOLO

PORCIA, PORDENONE

317°

POSTO

546

VOTI 2020
CHIESETTA SANT'AGNESE DI RORAI PICCOLO
La chiesa di Sant’Agnese a Rorai Piccolo di Porcia ha origini antiche che si perdono nel tempo: non si conosce quando sia stata edificata ma sappiamo che risale almeno al XII secolo, sono infatti datati a quel periodo gli affreschi, che ricoprono una cospicua parte delle sue superfici murarie interne. L’edificio che fino all’inizio dell’800 era isolato ed in piena campagna, non è certo grande ma ben proporzionato: è formato da un’unica aula rettangolare di circa 11 per 8 metri, sormontata da un tetto con capriate in legno a vista, completato da una piccola abside di forma poligonale coperta da una volta a botte. La parete nord conserva un palinsesto di immagini molto deteriorato, databile tra la fine del sec. XIII e gli inizi di quello successivo: vi si possono scorgere episodi della Passione (Flagellazione e Crocifissione) una Madonna in trono, una teoria di santi e la rara immagine dei Tre Patriarchi. A maestranze trecentesche vanno ricondotti gli affreschi del catino absidale e dell’arcone presbiterale con il Cristo in Maestà e figure di santi e sante, tra le quali compare l’eponima Sant’Agnese: sull’altare maggiore campeggia la pala ad affresco un tempo attribuita al Pordenone, raffigurante una Madonna col Bambino in trono tra Santa Caterina e Sant’Agnese e l’Eterno Padre. La facciata, semplice, è ornata a destra dal campanile e da un pronao ricostruito in tempi recenti. La struttura della Chiesa è testimone della sua travagliata storia tanto da ipotizzare che il lato nord (dove sono presenti gli affreschi) possa risalire a poco dopo l’anno Mille e l’altro opposto possa essere invece relativamente più recente: nulla vieta di pensare ad una ricostruzione del ‘500, successiva alle numerose incursioni ottomane che tra la fine del ‘400 e l’inizio del ‘500 interessarono l’attuale territorio del Friuli Venezia Giulia e che comportarono gravissime distruzioni. Negli ultimi decenni si sono susseguiti diversi interventi di restauro che hanno interessato le strutture e le decorazioni pittoriche, interventi utili ma spesso indotti dalla risoluzione di un emergenza contingente, come quelli successivi ai danni del terremoto del 1976, che se da una parte ne hanno permesso la conservazione dall’altra ne hanno parzialmente alterato l’antica aurea. La chiesa è un piccolo ma prezioso gioiello purtroppo poco conosciuto ed è necessario che la chiesa riacquisti il giusto ruolo nel territorio e venga restaurata con un programma organico e completo in tutte le sua parti. Aiuta con il tuo voto la riscoperta e valorizzazione di un preziosa testimonianza storica del paese.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

19,180°
4 voti

Archeologia industriale

EX TESSITURA MECCANICA DI COTONE DI RORAI GRANDE

PORDENONE

8,630°
11 voti

Edificio civile

CASA NATALE DEL PITTORE MICHELANGELO GRIGOLETTI

PORDENONE

9,077°
11 voti

Chiesa

CHIESETTA MEDIEVALE DI PIEVE DI PALSE

PORCIA, PORDENONE

Vota altri luoghi simili

18,206 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

16,623 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

LIMONE PIEMONTE, CUNEO

12,604 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESETTA SANT'AGNESE DI RORAI PICCOLO

PORCIA, PORDENONE

CHIESETTA SANT'AGNESE DI RORAI PICCOLO
La chiesa di Sant’Agnese a Rorai Piccolo di Porcia ha origini che si perdono nel tempo. Non è nota l’epoca della primitiva fondazione ma ciò che ancora oggi possiamo ammirare risale, almeno parzialmente, al secolo tredicesimo; sono infatti databili a quel periodo gli affreschi che ricoprono una parte delle superfici murarie interne. La chiesetta, che fino agli inizi dell’800 era isolata ed in piena campagna, è piccola ma ben proporzionata: è formata da un’unica aula rettangolare di circa 11 per 8 metri sormontata da un tetto con capriate in legno a vista e completata da un presbiterio voltato a botte. La parete nord conserva un palinsesto di immagini molto deteriorato, databile tra la fine del sec. XIII e gli inizi di quello successivo: vi si possono scorgere episodi della Passione (Flagellazione e Crocifissione) una Madonna in trono, una teoria di santi e la rara immagine dei Tre Patriarchi. A maestranze trecentesche vanno ricondotti gli affreschi del presbiterio con il Cristo in Maestà e figure di santi e sante, tra le quali compare l’eponima Sant’Agnese: sull’altare maggiore campeggia la pala ad affresco un tempo attribuita al Pordenone – ora ricondotta all’Amalteo – raffigurante una Madonna col Bambino in trono tra Santa Caterina, Sant’Agnese e l’Eterno Padre. La semplice facciata è ornata a destra dal campanile e da un pronao ricostruito in tempi recenti. La struttura architettonica della Chiesa è testimone della sua lunga e travagliata storia, tanto da poter ipotizzare che il lato nord (dove sono presenti gli affreschi più antichi) possa risalire a poco dopo l’anno Mille e l’altro opposto invece ad un’epoca di molto posteriore; nulla vieta di pensare ad una ricostruzione del ‘500, magari successiva al catastrofico terremoto del 1511 o alle numerose incursioni ottomane che tra la fine del ‘400 e l’inizio del ‘500 interessarono l’attuale territorio del Friuli Venezia Giulia e che comportarono gravissime distruzioni. Nella seconda metà del ‘900 si sono susseguiti interventi di restauro delle strutture murarie e degli affreschi, lavori imposti da emergenze contingenti, come il sisma del 1976, necessari per la loro salvaguardia, ma che hanno tuttavia pesantemente impattato sulla facies antica dell’edificio e alterato l’aura complessiva del sito. La chiesa è un piccolo ma prezioso gioiello purtroppo poco conosciuto: è necessario che riacquisti il giusto ruolo nel territorio con un programma complessivo ed organico di restauro e valorizzazione. Aiuta con il tuo voto la riscoperta di una preziosa testimonianza della storia più antica del territorio di Porcia.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te