ISCRIVITI AL FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
COMPLESSO CASTELLANO DI COLLOREDO DI MONTALBANO

COMPLESSO CASTELLANO DI COLLOREDO DI MONTALBANO

COLLOREDO DI MONTE ALBANO, UDINE

22,790°

POSTO

3

VOTI 2018
Condividi
COMPLESSO CASTELLANO DI COLLOREDO DI MONTALBANO
Il 4 dicembre del 1302 il patriarca d'Aquileia Ottobono de' Razzi dava facoltà al barone Guglielmo di Waldsee, visconte di Mels, cavaliere di antica stirpe sveva, di costruire un nuovo castello su di un colle di proprietà della famiglia nei pressi dell'avito maniero di Mels. Il castello, costruito "alto da terra sei passi e grosso due braccia", portato a termine dopo la morte di Guglielmo dai suoi tre figli Asquino, Bernardo e Vicardo che per primi assunsero il cognome di Colloredo Mels Waldsee, costituisce fin dal suo nascere un esempio tipico di castello "residenziale" costruito per necessità difensive al centro del feudo quale stabile e sicura dimora. Sempre più ingrandito attraverso i secoli, subì una lenta e costante sostituzione delle caratteristiche difensive con quelle più propriamente residenziali. Riccamente decorato, nei principali corpi di fabbrica, sin dal XV sec. si ricordano, in particolare, il famoso studiolo affrescato da Giovanni da Udine (allievo prediletto di Raffaello) alla metà del secolo XVI, che costituisce uno dei più significativi momenti artistico-decorativi del maniero. Ancora oggi sono visibili interessanti lacerti con stucchi e pitture con figure zoo-antropomorfe. Dopo alterne vicende della famiglia di Mels la proprietà del luogo è attualmente divisa tra privati, come gli eredi della casata e l’Associazione No Profit “Discendenti di Eleonora da Colloredo Mels”, ed enti pubblici. Il terremoto che sconvolse la Regione del 1976, ha colpito duramente anche il complesso in particolare la triplice cinta di mura, tre torri e due ali. Il borgo e la chiesa sono stati restaurati entro i primi anni successivi al sisma; parte del castello è stato restaurato entro la fine degli anni ottanta, così come la Torre Porta dell’Orologio. L’80% circa delle restanti strutture attualmente cedute al Comune sono in restauro grazie a fondi nazionali e regionali e l’intervento dovrebbe concludersi entro il 2020. la segnalazione del luogo ha come motivazione principale quella di cercare di riportare il paese di Colloredo di Monte Albano, con il suo Castello, al centro dell’attenzione del turismo culturale della Regione. Una curiosità: nell'ala ovest del complesso ha sede la Comunità Collinare del Friuli. Ippolito Nievo scrisse qui Confessioni di un italiano.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

22,790° Posto

3 Voti
Censimento 2016

50° Posto

6,458 Voti
Censimento 2014

5,102° Posto

4 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti
Censimento 2003

880° Posto

2 Voti

Scopri altri luoghi vicini

2,564°
32 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO

ATESSA, CHIETI

932°
102 voti

Convento

CONVENTO DI S. PASQUALE

ATESSA, CHIETI

3,158°
26 voti

Torre

PORTA SAN GIUSEPPE

ATESSA, CHIETI

2,344°
35 voti

Area naturale

VAL DI SANGRO

ATESSA, CHIETI

5,957°
14 voti

Chiesa

CHIESA SAN MAURO

BOMBA, CHIETI

893°
108 voti

Fiume, torrente, lago

LAGO DI BOMBA

BOMBA, CHIETI

1,276°
70 voti

Area naturale

CASCATA DEL RIO VERDE

BORRELLO, CHIETI

3,044°
27 voti

Area naturale

CALANCHI RIPE DELLO SPAGNOLO

BUCCHIANICO, CHIETI

4,333°
19 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO BUCCHIANICO

BUCCHIANICO, CHIETI

2,653°
31 voti

Museo

PALAZZO MARTUCCI – MUSEO DELLA GUERRA PER LA PACE

CANOSA SANNITA, CHIETI

5,162°
16 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DUCALE BASSI D'ALANNO

CARPINETO SINELLO, CHIETI

3,700°
22 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA

CARUNCHIO, CHIETI

3,158°
26 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA O DEL PURGATORIO

CARUNCHIO, CHIETI

3,700°
22 voti

Castello, rocca

CASTELLO E CANTINE MASCIARELLI

CASACANDITELLA, CHIETI

4,333°
19 voti

Area naturale

COLLINE TEATINE

CASACANDITELLA, CHIETI

Scopri altri luoghi simili

2,564°
32 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO

ATESSA, CHIETI

932°
102 voti

Convento

CONVENTO DI S. PASQUALE

ATESSA, CHIETI

3,158°
26 voti

Torre

PORTA SAN GIUSEPPE

ATESSA, CHIETI

2,344°
35 voti

Area naturale

VAL DI SANGRO

ATESSA, CHIETI

5,957°
14 voti

Chiesa

CHIESA SAN MAURO

BOMBA, CHIETI

893°
108 voti

Fiume, torrente, lago

LAGO DI BOMBA

BOMBA, CHIETI

1,276°
70 voti

Area naturale

CASCATA DEL RIO VERDE

BORRELLO, CHIETI

3,044°
27 voti

Area naturale

CALANCHI RIPE DELLO SPAGNOLO

BUCCHIANICO, CHIETI

4,333°
19 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO BUCCHIANICO

BUCCHIANICO, CHIETI

2,653°
31 voti

Museo

PALAZZO MARTUCCI – MUSEO DELLA GUERRA PER LA PACE

CANOSA SANNITA, CHIETI

5,162°
16 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DUCALE BASSI D'ALANNO

CARPINETO SINELLO, CHIETI

3,700°
22 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA

CARUNCHIO, CHIETI

3,158°
26 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA O DEL PURGATORIO

CARUNCHIO, CHIETI

3,700°
22 voti

Castello, rocca

CASTELLO E CANTINE MASCIARELLI

CASACANDITELLA, CHIETI

4,333°
19 voti

Area naturale

COLLINE TEATINE

CASACANDITELLA, CHIETI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

COMPLESSO CASTELLANO DI COLLOREDO DI MONTALBANO

COLLOREDO DI MONTE ALBANO, UDINE

Condividi
COMPLESSO CASTELLANO DI COLLOREDO DI MONTALBANO
Il 4 dicembre del 1302 il patriarca d'Aquileia Ottobono de' Razzi dava facoltà al barone Guglielmo di Waldsee, visconte di Mels, cavaliere di antica stirpe sveva, di costruire un nuovo castello su di un colle di proprietà della famiglia nei pressi dell'avito maniero di Mels. Il castello, costruito "alto da terra sei passi e grosso due braccia", portato a termine dopo la morte di Guglielmo dai suoi tre figli Asquino, Bernardo e Vicardo che per primi assunsero il cognome di Colloredo Mels Waldsee, costituisce fin dal suo nascere un esempio tipico di castello "residenziale" costruito per necessità difensive al centro del feudo quale stabile e sicura dimora. Sempre più ingrandito attraverso i secoli, subì una lenta e costante sostituzione delle caratteristiche difensive con quelle più propriamente residenziali. Riccamente decorato, nei principali corpi di fabbrica, sin dal XV sec. si ricordano, in particolare, il famoso studiolo affrescato da Giovanni da Udine (allievo prediletto di Raffaello) alla metà del secolo XVI, che costituisce uno dei più significativi momenti artistico-decorativi del maniero. Ancora oggi sono visibili interessanti lacerti con stucchi e pitture con figure zoo-antropomorfe. Dopo alterne vicende della famiglia di Mels la proprietà del luogo è attualmente divisa tra privati, come gli eredi della casata e l’Associazione No Profit “Discendenti di Eleonora da Colloredo Mels”, ed enti pubblici. Il terremoto che sconvolse la Regione del 1976, ha colpito duramente anche il complesso in particolare la triplice cinta di mura, tre torri e due ali. Il borgo e la chiesa sono stati restaurati entro i primi anni successivi al sisma; parte del castello è stato restaurato entro la fine degli anni ottanta, così come la Torre Porta dell’Orologio. L’80% circa delle restanti strutture attualmente cedute al Comune sono in restauro grazie a fondi nazionali e regionali e l’intervento dovrebbe concludersi entro il 2020. la segnalazione del luogo ha come motivazione principale quella di cercare di riportare il paese di Colloredo di Monte Albano, con il suo Castello, al centro dell’attenzione del turismo culturale della Regione. Una curiosità: nell'ala ovest del complesso ha sede la Comunità Collinare del Friuli. Ippolito Nievo scrisse qui Confessioni di un italiano.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2004, 2010, 2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te