ISCRIVITI AL FAI
Accedi
Giornate FAI di Primavera
23 e 24 marzo 2019
Convento delle Sante Lucia e Agata alla Civita

Convento delle Sante Lucia e Agata alla Civita

MATERA

Condividi
Convento delle Sante Lucia e Agata alla Civita

Apertura a cura di

Delegazione FAI di Matera in collaborazione con la Commissione Europea

Orario

Sabato: 09:30 - 13:30 / 15:00 - 18:30 (ultimo ingresso 18:00)

Domenica: 09:30 - 13:30 / 15:00 - 18:30 (ultimo ingresso 18:00)

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Il Monastero delle Sante Lucia e Agata sorge su uno sperone roccioso proiettato sul canyon della Gravina, nel punto di confluenza tra il torrente omonimo e Jesce, presso la porta orientale della città medievale detta Postergola o Pistola. Ospitò per alcuni secoli le monache trasferite dal complesso alle Malve nel Sasso Caveoso. Dalla metà del XII secolo infatti nei luoghi di culto ubicati nei Sassi dedicati alle martiri Lucia e Agata, si raccolsero donne ispirate dal desiderio di condurre una vita religiosa. La comunità benedettina, consolidata nel corso del XIV secolo, utilizzò le strutture ancora esistenti sul ciglio della Gravina fino al XVIII secolo, quando le monache ottennero il trasferimento sul Piano, negli edifici che attualmente ospitano la sede dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro (MiBAC).

Itinerario

19 APERTURE STRAORDINARIE PER MATERA ECOC 2019

Visite a cura di

Apprendisti Ciceroni I.I.S. Liceo Classico "E. Duni-C. Levi"

Visite in lingua straniera

Inglese

Note generiche

Sito restaurato grazie a fondi europei - Fondo europeo di sviluppo regionale.

Gallery

Matera, Convento delle Sante Lucia e Agata alla Civita, CONVENTO DELLE SANTE LUCIA E AGATA ALLA CIVITA, MATERA (MT )
Matera, Convento delle Sante Lucia e Agata alla Civita, CONVENTO DELLE SANTE LUCIA E AGATA ALLA CIVITA, MATERA (MT )
Matera, Convento delle Sante Lucia e Agata alla Civita, CONVENTO DELLE SANTE LUCIA E AGATA ALLA CIVITA, MATERA (MT )

Altri luoghi presenti in questo itinerario

Casino Padula e Open Design School

MATERA

Castello Tramontano

MATERA

Centro di Geodesia Spaziale - ASI

MATERA

Il Campus dell'Università degli Studi della Basilicata

MATERA

Il Community Center di Matera2019

MATERA

Il Frantoio storico de Miccolis e la Cantina Malvezzi

MATERA

Il Mulino Alvino

MATERA

Il progetto di A. Olivetti e L. Quaroni per La Martella

MATERA

Ipogei di Piazza San Francesco

MATERA

L' "Ipogeo Materasum" e la città scavata

MATERA

Le Palazziate e il Forno di vicinato della Fondazione Sassi

MATERA

La Collina del Castello

MATERA

La Fabbrica del Carro Trionfale della Festa della Bruna

MATERA

Grancia fortificata di Parco dei Monaci

MATERA

Laboratorio di Restauro del MiBAC

MATERA

Aperture vicine

Castello di Bernalda

BERNALDA, MATERA

Chiesa di San Bernardino da Siena

BERNALDA, MATERA

Lago Salinella - Riserva naturale Stornara - Metaponto

BERNALDA, MATERA

Masseria Sansone della Famiglia Lacava

BERNALDA, MATERA

Parco Archeologico di area urbana Metaponto

BERNALDA, MATERA

Cappella scavata

CIRIGLIANO, MATERA

Chiesa Madre di Santa Maria della Croce

FERRANDINA, MATERA

Piazza del Plebiscito

FERRANDINA, MATERA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

CONVENTO DELLE SANTE LUCIA E AGATA ALLA CIVITA

MATERA

Condividi
CONVENTO DELLE SANTE LUCIA E AGATA ALLA CIVITA
Il Monastero delle Sante Lucia e Agata sorge su uno sperone roccioso proiettato sul canyon della Gravina, nel punto di confluenza tra il torrente omonimo e Jesce, presso la porta orientale della città medievale detta Postergola o Pistola. Ospitò per alcuni secoli le monache trasferite dal complesso alle Malve nel Sasso Caveoso. Dalla metà del XII secolo nei luoghi di culto ubicati nei Sassi, dedicati alle martiri Lucia e Agata, si raccolsero infatti donne ispirate dal desiderio di condurre vita religiosa. La comunità benedettina, consolidata nel corso del XIV secolo, utilizzò le strutture ancora esistenti sul ciglio della Gravina al termine dello sperone della Civita. Nel XVIII secolo le monache ottennero il trasferimento sul Piano, negli edifici che attualmente ospitano la sede dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro (MiBAC).
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te