ISCRIVITI AL FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA

CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA

SUPERSANO, LECCE

80°

POSTO

2,853

VOTI 2018
CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA
Questa è la cripta della Coelimanna che prende il nome dall’adiacente santuario della Coelimanna. L’invaso è databile intorno all’anno 1000/1200, è scavato nella roccia e si presenta a forma irregolare divisa da due pilastri. Il pavimento è in terra battuta. E’ situata ai piedi della serra di Supersano, sulla strada provinciale Supersano Casarano. Si accede dalla scalinata centrale che porta all’omonimo santuario. E’ posta lungo l'asse nord-sud della serra di Supersano che fiancheggia la “via misteriosa “ di cui parlava lo storico Scigliuzzo. Via che permetteva ai pellegrini alto-medievali di giungere da Brindisi fino a Leuca lungo la dorsale della Serra di Supersano disseminata di antichi luoghi di culto: la Madonna di Sombrino, Il santuario della Coelimanna, la cripta, la madonna della serra di Ruffano e così via fino a Leuca. Chi, quando, come e perché fu realizzata? Quando i monaci basiliani scapparono dal regno di Costantinopoli,per sfuggire alle persecuzioni contro l’iconoclastia di Leone III Isaurico nel 786, essi trovarono rifugio nelle grotte naturali del salento, della Puglia e dell’Italia meridionale. Questi monaci vivevano secondo la regola di S Basilio che prevedeva uno stile di vita lontano dalla società, in isolamento, dedicandosi alla preghiera al lavoro e all’ascesi. Vivevano in grotte scavate nella roccia,( eremi) situate sulle pendici di colline o in luoghi impervi, dove si rifugiarono per professare la loro fede. Le pareti di queste celle furono affrescate con figure di santi con iscrizioni in latino e greco. I monaci Basiliani si stabilirono a Supersano e scavarono la cripta di Coelimanna che oggi custodisce un patrimonio di inestimabile valore. Prof. Bruno Contini

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Scopri altri luoghi vicini

57°
3,783 voti

Cappella

CHIESA DI SAN GIACOMO

SUPERSANO, LECCE

16,261°
5 voti

Cimitero

CIMITERO DEGLI INGLESI

FIRENZE

2,244°
37 voti

Area naturale

SERRA

SUPERSANO, LECCE

8,596°
10 voti

Chiesa

CHIESA NATIVITÀ B.M.V. - DIPINTI DI SAVERIO LILLO

RUFFANO, LECCE

Scopri altri luoghi simili

266°
552 voti

Eremo

EREMO DI SAN MICHELE ALLE GROTTELLE

PADULA, SALERNO

276°
488 voti

Eremo

EREMO DI RONZANO

BOLOGNA

290°
449 voti

Eremo

EREMO DI SAN GIORGIO

ASCOLI PICENO

409°
277 voti

Eremo

EREMO DEI ROMITI

DOMEGGE DI CADORE, BELLUNO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA

SUPERSANO, LECCE

CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA
Questa è la cripta della Coelimanna che prende il nome dall’adiacente santuario della Coelimanna. L’invaso è databile intorno all’anno 1000/1200, è scavato nella roccia e si presenta a forma irregolare divisa da due pilastri. Il pavimento è in terra battuta. E’ situata ai piedi della serra di Supersano, sulla strada provinciale Supersano Casarano. Si accede dalla scalinata centrale che porta all’omonimo santuario. E’ posta lungo l'asse nord-sud della serra di Supersano che fiancheggia la “via misteriosa “ di cui parlava lo storico Scigliuzzo. Via che permetteva ai pellegrini alto-medievali di giungere da Brindisi fino a Leuca lungo la dorsale della Serra di Supersano disseminata di antichi luoghi di culto: la Madonna di Sombrino, Il santuario della Coelimanna, la cripta, la madonna della serra di Ruffano e così via fino a Leuca. Chi, quando, come e perché fu realizzata? Quando i monaci basiliani scapparono dal regno di Costantinopoli,per sfuggire alle persecuzioni contro l’iconoclastia di Leone III Isaurico nel 786, essi trovarono rifugio nelle grotte naturali del salento, della Puglia e dell’Italia meridionale. Questi monaci vivevano secondo la regola di S Basilio che prevedeva uno stile di vita lontano dalla società, in isolamento, dedicandosi alla preghiera al lavoro e all’ascesi. Vivevano in grotte scavate nella roccia,( eremi) situate sulle pendici di colline o in luoghi impervi, dove si rifugiarono per professare la loro fede. Le pareti di queste celle furono affrescate con figure di santi con iscrizioni in latino e greco. I monaci Basiliani si stabilirono a Supersano e scavarono la cripta di Coelimanna che oggi custodisce un patrimonio di inestimabile valore. Prof. Bruno Contini
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2012, 2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te