Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA

CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA

SUPERSANO, LECCE

134°

POSTO

3,493

VOTI 2018
CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA
Questa è la cripta della Coelimanna che prende il nome dall’adiacente santuario della Coelimanna. L’invaso è databile intorno all’anno 1000/1200, è scavato nella roccia e si presenta a forma irregolare divisa da due pilastri. Il pavimento è in terra battuta. E’ situata ai piedi della serra di Supersano, sulla strada provinciale Supersano Casarano. Si accede dalla scalinata centrale che porta all’omonimo santuario. E’ posta lungo l'asse nord-sud della serra di Supersano che fiancheggia la “via misteriosa “ di cui parlava lo storico Scigliuzzo. Via che permetteva ai pellegrini alto-medievali di giungere da Brindisi fino a Leuca lungo la dorsale della Serra di Supersano disseminata di antichi luoghi di culto: la Madonna di Sombrino, Il santuario della Coelimanna, la cripta, la madonna della serra di Ruffano e così via fino a Leuca. Chi, quando, come e perché fu realizzata? Quando i monaci basiliani scapparono dal regno di Costantinopoli,per sfuggire alle persecuzioni contro l’iconoclastia di Leone III Isaurico nel 786, essi trovarono rifugio nelle grotte naturali del salento, della Puglia e dell’Italia meridionale. Questi monaci vivevano secondo la regola di S Basilio che prevedeva uno stile di vita lontano dalla società, in isolamento, dedicandosi alla preghiera al lavoro e all’ascesi. Vivevano in grotte scavate nella roccia,( eremi) situate sulle pendici di colline o in luoghi impervi, dove si rifugiarono per professare la loro fede. Le pareti di queste celle furono affrescate con figure di santi con iscrizioni in latino e greco. I monaci Basiliani si stabilirono a Supersano e scavarono la cripta di Coelimanna che oggi custodisce un patrimonio di inestimabile valore. Prof. Bruno Contini

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

134° Posto

3,493 Voti
Censimento 2016

8,671° Posto

7 Voti
Censimento 2014

10,956° Posto

1 Voti
Censimento 2012

2,175° Posto

6 Voti
Censimento 2003

880° Posto

2 Voti

Scopri altri luoghi vicini

114°
3,882 voti

Cappella

CHIESA DI SAN GIACOMO

SUPERSANO, LECCE

16,048°
5 voti

Cimitero

CIMITERO DEGLI INGLESI

FIRENZE

2,222°
37 voti

Area naturale

SERRA

SUPERSANO, LECCE

8,375°
10 voti

Chiesa

CHIESA NATIVITÀ B.M.V. - DIPINTI DI SAVERIO LILLO

RUFFANO, LECCE

Scopri altri luoghi simili

353°
549 voti

Eremo

EREMO DI SAN MICHELE ALLE GROTTELLE

PADULA, SALERNO

354°
543 voti

Eremo

CONVENTILLO

SAN POLO DEI CAVALIERI, ROMA

363°
488 voti

Eremo

EREMO DI RONZANO

BOLOGNA

379°
449 voti

Eremo

EREMO DI SAN GIORGIO

ASCOLI PICENO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA

SUPERSANO, LECCE

CRIPTA DELLA B.V. DI COELIMANNA
Questa è la cripta della Coelimanna che prende il nome dall’adiacente santuario della Coelimanna. L’invaso è databile intorno all’anno 1000/1200, è scavato nella roccia e si presenta a forma irregolare divisa da due pilastri. Il pavimento è in terra battuta. E’ situata ai piedi della serra di Supersano, sulla strada provinciale Supersano Casarano. Si accede dalla scalinata centrale che porta all’omonimo santuario. E’ posta lungo l'asse nord-sud della serra di Supersano che fiancheggia la “via misteriosa “ di cui parlava lo storico Scigliuzzo. Via che permetteva ai pellegrini alto-medievali di giungere da Brindisi fino a Leuca lungo la dorsale della Serra di Supersano disseminata di antichi luoghi di culto: la Madonna di Sombrino, Il santuario della Coelimanna, la cripta, la madonna della serra di Ruffano e così via fino a Leuca. Chi, quando, come e perché fu realizzata? Quando i monaci basiliani scapparono dal regno di Costantinopoli,per sfuggire alle persecuzioni contro l’iconoclastia di Leone III Isaurico nel 786, essi trovarono rifugio nelle grotte naturali del salento, della Puglia e dell’Italia meridionale. Questi monaci vivevano secondo la regola di S Basilio che prevedeva uno stile di vita lontano dalla società, in isolamento, dedicandosi alla preghiera al lavoro e all’ascesi. Vivevano in grotte scavate nella roccia,( eremi) situate sulle pendici di colline o in luoghi impervi, dove si rifugiarono per professare la loro fede. Le pareti di queste celle furono affrescate con figure di santi con iscrizioni in latino e greco. I monaci Basiliani si stabilirono a Supersano e scavarono la cripta di Coelimanna che oggi custodisce un patrimonio di inestimabile valore. Prof. Bruno Contini
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2012, 2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te