Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
EX COMPRENSORIO CRI

EX COMPRENSORIO CRI

FARA IN SABINA, RIETI

6,139°

POSTO

11

VOTI 2020
Condividi
EX COMPRENSORIO CRI
Su di una collina prospicente il paese di Fara in Sabina sorgeva, e sorge tutt’ ora, un pregevole manufatto denominato “Villa Rosset” risalente al secolo XIX , residenza, sino al conflitto mondiale del 1915/’18, del Vescovo Ausiliare di Sabina. Guardando da Fara, più in basso e sulla destra di chi osserva sorge l’antico complesso di San Fiano residenza estiva, dai primi giorni di maggio a gli ultimi di settembre, dei frati Benedettini di Farfa. Lo spostamento era dovuto all’imperversare, al sopraggiungere dei calori estivi, della malaria che vi resistette sino alla fine del secolo XIX. Dopo la fine del primo conflitto mondiale la “Villa Rosset” fu rilevata mediante acquisto dalla famiglia reatina Maraini che la destinò a convalescenziario per militari feriti durante la guerra del 1915-1918. Ciò in memoria di un membro della famiglia Maraini medesima caduto durante il suddetto conflitto. Ben presto il “Convalescenziario Villa Maraini” si svuotò per esito degli ultimi “reduci” ormai guariti e di conseguenza, svuotandosi, perse la sua funzionalità. Si era ormai alla metà degli anni ’20 del secolo XX° e il manufatto fu acquistato dalla casa regnante (Savoia) su interessamento della Regina Elena. Contestualmente fu anche acquistata, dai frati benedettini di Farfa, la loro residenza estiva di San Fiano che aveva, analogamente al convalescenziario, perso per i benedettini la sua funzionalità a causa della ormai avvenuta bonifica dell’intera zona dalla “malaria”. Ambedue le costruzioni furono destinate a “Preventori”, ovvero stabilimenti clinici attrezzati, atti ad accogliere i figli di famiglie disagiate nel cui seno fosse ospitato almeno un membro colpito, o precedentemente colpito e poi guarito, da tubercolosi. I due stabilimenti erano stati donati, una volta attrezzati, alla Croce Rossa Italiana. I piccoli ospiti venivano ospitati, dal momento in cui erano stati prelevati dal seno della famiglia natale, sino al conseguimento della licenza elementare. Alla fine del 1943, con l’occupazione tedesca, i due “Preventori” furono sgombrati dalle truppe occupanti e destinati di nuovo a convalescenziarii per feriti tedeschi. Nel 1946 ripresero la loro funzione di “Preventori” e con gli anni ’60 del secolo scorso si aggiunse alla licenza elementare quella di terza media per i piccoli ospiti. Con la metà degli anni ’70 con la scomparsa della tubercolosi e con la renitenza delle famiglie, anche se disagiate, ad inviare i loro figli, i “Preventori” di Fara in Sabina cessarono completamente ogni attività. Per la storia occorre dire che l’ultimo meritevolissimo direttore fu il Dottor Carlo Guelfo che a questa istituzione ed alla Croce Rossa Italiana dedicò la sua intera vita di medico. ________________________________________________________________________ Questa struttura veniva utilizzata come preventorio per malattie respiratorie (tubercolosi). Una volta debellata questa malattia divenne colonia che ospitava ragazzi, molti con problemi familiari. Dal 1967, dopo la sua definitiva chiusura venne riconvertito a Colonia estiva che ospitava fino a 300 bambini alla volta; una ricchezza per il paese e per il comune di Fara. Una volta terminata questa attività l'edificio diventò deposito di materiali per il Corpo Militare di Croce Rossa fino a fine secolo.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

818° Posto

132 Voti
Censimento 2016

165° Posto

1,801 Voti
Censimento 2014

10,956° Posto

1 Voti
Censimento 2012

215° Posto

219 Voti

Vota altri luoghi vicini

10,512°
6 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN BIAGIO

FARA IN SABINA, RIETI

14,715°
4 voti

Chiesa

CHIESA SANTA MARIA DI CANNETO E MADONNA DELLA NEVE

FARA IN SABINA, RIETI

17,874°
3 voti

Albero monumentale

L'ULIVONE DI CANNETO SABINO

FARA IN SABINA, RIETI

14,716°
4 voti

Monastero

MONASTERO CLARISSE EREMITE S. MARIA DELLA PROVVIDENZA

FARA IN SABINA, RIETI

Vota altri luoghi simili

12,982 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

9,701 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

6,387 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

EX COMPRENSORIO CRI

FARA IN SABINA, RIETI

Condividi
EX COMPRENSORIO CRI
Su di una collina prospicente il paese di Fara in Sabina sorgeva, e sorge tutt’ ora, un pregevole manufatto denominato “Villa Rosset” risalente al secolo XIX , residenza, sino al conflitto mondiale del 1915/’18, del Vescovo Ausiliare di Sabina. Guardando da Fara, più in basso e sulla destra di chi osserva sorge l’antico complesso di San Fiano residenza estiva, dai primi giorni di maggio a gli ultimi di settembre, dei frati Benedettini di Farfa. Lo spostamento era dovuto all’imperversare, al sopraggiungere dei calori estivi, della malaria che vi resistette sino alla fine del secolo XIX. Dopo la fine del primo conflitto mondiale la “Villa Rosset” fu rilevata mediante acquisto dalla famiglia reatina Maraini che la destinò a convalescenziario per militari feriti durante la guerra del 1915-1918. Ciò in memoria di un membro della famiglia Maraini medesima caduto durante il suddetto conflitto. Ben presto il “Convalescenziario Villa Maraini” si svuotò per esito degli ultimi “reduci” ormai guariti e di conseguenza, svuotandosi, perse la sua funzionalità. Si era ormai alla metà degli anni ’20 del secolo XX° e il manufatto fu acquistato dalla casa regnante (Savoia) su interessamento della Regina Elena. Contestualmente fu anche acquistata, dai frati benedettini di Farfa, la loro residenza estiva di San Fiano che aveva, analogamente al convalescenziario, perso per i benedettini la sua funzionalità a causa della ormai avvenuta bonifica dell’intera zona dalla “malaria”. Ambedue le costruzioni furono destinate a “Preventori”, ovvero stabilimenti clinici attrezzati, atti ad accogliere i figli di famiglie disagiate nel cui seno fosse ospitato almeno un membro colpito, o precedentemente colpito e poi guarito, da tubercolosi. I due stabilimenti erano stati donati, una volta attrezzati, alla Croce Rossa Italiana. I piccoli ospiti venivano ospitati, dal momento in cui erano stati prelevati dal seno della famiglia natale, sino al conseguimento della licenza elementare. Alla fine del 1943, con l’occupazione tedesca, i due “Preventori” furono sgombrati dalle truppe occupanti e destinati di nuovo a convalescenziarii per feriti tedeschi. Nel 1946 ripresero la loro funzione di “Preventori” e con gli anni ’60 del secolo scorso si aggiunse alla licenza elementare quella di terza media per i piccoli ospiti. Con la metà degli anni ’70 con la scomparsa della tubercolosi e con la renitenza delle famiglie, anche se disagiate, ad inviare i loro figli, i “Preventori” di Fara in Sabina cessarono completamente ogni attività. Per la storia occorre dire che l’ultimo meritevolissimo direttore fu il Dottor Carlo Guelfo che a questa istituzione ed alla Croce Rossa Italiana dedicò la sua intera vita di medico. ________________________________________________________________________ Questa struttura veniva utilizzata come preventorio per malattie respiratorie (tubercolosi). Una volta debellata questa malattia divenne colonia che ospitava ragazzi, molti con problemi familiari. Dal 1967, dopo la sua definitiva chiusura venne riconvertito a Colonia estiva che ospitava fino a 300 bambini alla volta; una ricchezza per il paese e per il comune di Fara. Una volta terminata questa attività l'edificio diventò deposito di materiali per il Corpo Militare di Croce Rossa fino a fine secolo.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te