Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA ONLUS

FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA ONLUS

VENEZIA

544°

POSTO

279

VOTI 2020
FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA ONLUS
La Fondazione Querini Stampalia nasce nel 1869 ed è tra le più antiche fondazioni culturali in Italia. Giovanni Querini Stampalia (1799 - 1869), ultimo discendente della sua casata, dispone per testamento che i suoi beni divengano “d’uso pubblico”: palazzo, terreni e case, libri, quadri, mobili, oggetti d’arte, monete, stampe. Si tratta di un esempio raro di conservazione, in un unico luogo, di tutti i beni di una famiglia patrizia: un ampio patrimonio immobiliare, artistico, documentario e bibliografico che oggi, a distanza di 150 anni, la Fondazione conserva, rende accessibile e promuove secondo la volontà dal fondatore di favorire “il culto dei buoni studj, e delle utili discipline”. La sua Biblioteca è di carattere generale e mette a disposizione del pubblico circa 400.000 volumi, di cui 36.000 direttamente accessibili nelle sale, aperte secondo la volontà del Fondatore fino a tarda notte e nei giorni festivi. Una convenzione con il Comune di Venezia la definisce Biblioteca civica del centro storico, riconoscendole il ruolo svolto per la città e ampiamente riconosciuto dai veneziani e dagli studenti universitari che quotidianamente la frequentano. Tra le raccolte il nucleo più antico è costituito da manoscritti, incunaboli e cinquecentine, atlanti e carte geografiche, che insieme all’archivio privato della famiglia Querini Stampalia forniscono agli studiosi preziose testimonianze storiche sulla città e il territorio. La Fondazione Querini Stampalia è da sempre un luogo di confronto, aperto alle arti e alle scienze, alla lettura, alla formazione, attento a cogliere i cambiamenti: un luogo contemporaneo. E’ così che Giovanni Querini Stampalia l’ha immaginata oltre un secolo e mezzo fa, dando vita a un progetto di sviluppo del sapere e di conoscenza che mette al centro la persona e la collettività, la dimensione individuale e quella civica. I molteplici echi della storia reinterpretati alla luce del presente si possono leggere oltre che nella ricca biblioteca, nella casa museo del Settecento, negli spazi ridisegnati da Carlo Scarpa e Mario Botta, negli ambienti ripensati da Michele De Lucchi per la Collezione Intesa Sanpaolo, come nel ricco programma di attività annuali.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

246°
726 voti

Palazzo storico, dimora storica

OSPEDALE CIVILE SS.GIOVANNI E PAOLO

VENEZIA

10,350°
9 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA DEI DERELITTI E SALA DELLA MUSICA

VENEZIA

4,010°
26 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO MOROSINI

VENEZIA

Vota altri luoghi simili

18,608 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

17,366 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

LIMONE PIEMONTE, CUNEO

12,668 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA ONLUS

VENEZIA

FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA ONLUS
La Fondazione Querini Stampalia nasce nel 1869 ed è tra le più antiche fondazioni culturali in Italia. Giovanni Querini Stampalia (1799 - 1869), ultimo discendente della sua casata, dispone per testamento che i suoi beni divengano “d’uso pubblico”: palazzo, terreni e case, libri, quadri, mobili, oggetti d’arte, monete, stampe. Si tratta di un esempio raro di conservazione, in un unico luogo, di tutti i beni di una famiglia patrizia: un ampio patrimonio immobiliare, artistico, documentario e bibliografico che oggi, a distanza di 150 anni, la Fondazione conserva, rende accessibile e promuove secondo la volontà dal fondatore di favorire “il culto dei buoni studj, e delle utili discipline”. La sua Biblioteca è di carattere generale e mette a disposizione del pubblico circa 400.000 volumi, di cui 36.000 direttamente accessibili nelle sale, aperte secondo la volontà del Fondatore fino a tarda notte e nei giorni festivi. Una convenzione con il Comune di Venezia la definisce Biblioteca civica del centro storico, riconoscendole il ruolo svolto per la città e ampiamente riconosciuto dai veneziani e dagli studenti universitari che quotidianamente la frequentano. Tra le raccolte il nucleo più antico è costituito da manoscritti, incunaboli e cinquecentine, atlanti e carte geografiche, che insieme all’archivio privato della famiglia Querini Stampalia forniscono agli studiosi preziose testimonianze storiche sulla città e il territorio. La Fondazione Querini Stampalia è da sempre un luogo di confronto, aperto alle arti e alle scienze, alla lettura, alla formazione, attento a cogliere i cambiamenti: un luogo contemporaneo. E’ così che Giovanni Querini Stampalia l’ha immaginata oltre un secolo e mezzo fa, dando vita a un progetto di sviluppo del sapere e di conoscenza che mette al centro la persona e la collettività, la dimensione individuale e quella civica. I molteplici echi della storia reinterpretati alla luce del presente si possono leggere oltre che nella ricca biblioteca, nella casa museo del Settecento, negli spazi ridisegnati da Carlo Scarpa e Mario Botta, negli ambienti ripensati da Michele De Lucchi per la Collezione Intesa Sanpaolo, come nel ricco programma di attività annuali.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te