ISCRIVITI AL FAI A -10€
Scopri e proteggi l’Italia più bella
Scopri e proteggi l’Italia più bella
PER SEMPRE E PER TUTTI

Fino al 31 ottobre Ricordati di Salvare l’Italia: sostieni la campagna di raccolta fondi del FAI.

GIARDINO PANTESCO DONNAFUGATA | ph. © Foto di Vittorio Ghelfi © FAI

Giardino Pantesco Donnafugata

Il sorprendente microclima generato da un recinto di pietra lavica a Pantelleria

Condividi
Giardino Pantesco Donnafugata

tipologia

Bene aperto al pubblico

contatti

335 6242563 - 0923 915649
visitare.pantelleria@donnafugata.it

Un semplice recinto di pietra lavica a secco protegge dai venti forti e assicura la preziosissima acqua ad un unico albero di arancio di antica varietà, che può donare così frutti gustosi in una terra eccezionalmente dura e arida.

Donato al FAI dalla famiglia Donnafugata, nel 2008

La contrada Khamma, sull’isola di Pantelleria, custodisce quella meraviglia della natura e dell’ingegno umano rappresentata dal giardino pantesco, le cui origini risalgono al 3.000 a.C., pensato sia per proteggere le piante dai forti venti che spirano in ogni stagione che per far fronte alla scarsità d’acqua che a volte può portare a 300 giorni ininterrotti di siccità.

Il Giardino, generosamente donato al FAI dall’azienda vinicola Donnafugata, è uno dei pochi ancora presenti sull’isola, in buono stato di conservazione e oggi completamente restaurato.
All’esterno, è delimitato da una struttura a pianta circolare, priva di copertura, con un diametro di 11 metri e un’altezza che in alcuni punti raggiunge i 4, con un'unica stretta apertura per accedervi e piccole aperture secondarie per consentire il passaggio di acqua piovana. All’interno, ecco apparire un piccolo miracolo: un’unica, straordinaria e secolare pianta di arancio “Portogallo” che occupa tutto lo spazio e che può vivere e dar frutti, ricchi di semi e di succo zuccherino, grazie a un antico e ingegnoso sistema agronomico autosufficiente tramandato fino a noi.

Il sistema utilizza, infatti, la condensa provocata dall’escursione termica fra giorno e notte e la porosità delle spesse mura in pietra lavica, inclinate verso l’interno per captare l’acqua direttamente dall’atmosfera; la pietra è inoltre impiegata nella costruzione di canali che raccolgono la pioggia. Il Giardino è un mirabile esempio dell’ingegno pantesco che, sulla scorta della tradizione tutta mediterranea del “giardino murato”, riesce a riprodurre condizioni microclimatiche capaci di soddisfare l’esigenza idrica anche in assenza di irrigazione.

READ THE ENGLISH VERSION

Leggi tutto
Loading

Ti potrebbero interessare

Bene aperto al pubblico

Giardino della Kolymbethra

AGRIGENTO

Un paradiso terrestre nel cuore della Valle dei Templi

Bene aperto al pubblico

Villa dei Vescovi

LUVIGLIANO DI TORREGLIA, PADOVA

Il Rinascimento sui Colli Euganei

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te