ISCRIVITI AL FAI
Accedi
Giornate FAI di Primavera
23 e 24 marzo 2019
Il progetto di A. Olivetti e L. Quaroni per La Martella

Il progetto di A. Olivetti e L. Quaroni per La Martella

MATERA

Condividi
Il progetto di A. Olivetti e L. Quaroni per La Martella

Apertura a cura di

Delegazione FAI di Matera

Orario

Domenica: 10:00 - 12:00
Note: L'apertura straordinaria si svolgerà con unica visita guidata nelle due ore indicate, a cura dell'Arch. Luigi Acito

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Note prenotazione

Telefono: 338 6316216

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Il borgo rurale La Martella (1952) realizzato a pochi chilometri da Matera su progetto di un gruppo di professionisti romani guidati da Ludovico Quaroni, condensa nell’articolata struttura urbanistica e nell’organizzazione dell’unità di vicinato l’ideale di una nuovo costruito urbano e sociale in parte simile a quello dei Sassi. Un borgo contadino dentro un impianto urbanistico di impostazione popolare, ma innovativa, che sfrutta il concetto e le teorie anglosassoni della neighborhood unit. Si tenta di applicare, secondo l’auspicio di Adriano Olivetti, un modello nordamericano desunto dalle esperienze del New Deal e in particolare della Tennessee Valley Authority. L’impianto urbanistico pone al centro, nella parte alta del colle, i servizi collettivi con la chiesa dominante, il centro civico e le case disposte lungo strade sinuose che assecondano come tentacoli l’orografia del luogo, determinando una ricca articolazione degli spazi-vicinato.

Itinerario

19 APERTURE STRAORDINARIE PER MATERA ECOC 2019

Visite a cura di

Visita guidata a cura dell'Arch. Luigi Acito

Note generiche

I partecipanti alla visita dovranno trovarsi con un quarto d'ora di anticipo presso il sagrato della Chiesa di San Vincenzo de' Paoli - Borgo La Martella (Matera)

Altri luoghi presenti in questo itinerario

Casino Padula e Open Design School

MATERA

Castello Tramontano

MATERA

Centro di Geodesia Spaziale - ASI

MATERA

Convento delle Sante Lucia e Agata alla Civita

MATERA

Il Campus dell'Università degli Studi della Basilicata

MATERA

Il Community Center di Matera2019

MATERA

Il Frantoio storico de Miccolis e la Cantina Malvezzi

MATERA

Il Mulino Alvino

MATERA

Ipogei di Piazza San Francesco

MATERA

L' "Ipogeo Materasum" e la città scavata

MATERA

Le Palazziate e il Forno di vicinato della Fondazione Sassi

MATERA

La Collina del Castello

MATERA

La Fabbrica del Carro Trionfale della Festa della Bruna

MATERA

Grancia fortificata di Parco dei Monaci

MATERA

Laboratorio di Restauro del MiBAC

MATERA

Aperture vicine

Castello di Bernalda

BERNALDA, MATERA

Chiesa di San Bernardino da Siena

BERNALDA, MATERA

Lago Salinella - Riserva naturale Stornara - Metaponto

BERNALDA, MATERA

Masseria Sansone della Famiglia Lacava

BERNALDA, MATERA

Parco Archeologico di area urbana Metaponto

BERNALDA, MATERA

Cappella scavata

CIRIGLIANO, MATERA

Chiesa Madre di Santa Maria della Croce

FERRANDINA, MATERA

Piazza del Plebiscito

FERRANDINA, MATERA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

IL PROGETTO DI L. QUARONI E A. OLIVETTI PER LA MARTELLA

MATERA

Condividi
IL PROGETTO DI L. QUARONI E A. OLIVETTI PER LA MARTELLA
Il borgo rurale La Martella (1952) realizzato a pochi chilometri da Matera su progetto di un gruppo di professionisti romani guidati da Ludovico Quaroni condensa nell’articolata struttura urbana e nell’organizzazione dell’unità di vicinato l’ideale di una nuova struttura urbana e sociale in parte simile a quella dei Sassi. Un borgo contadino dentro una struttura urbanistica di impostazione popolare, ma innovativa, che sfrutta il concetto e le teorie anglosassoni della neighborhood unit. Nel cuore di una realtà contadina del Sud dell’Italia si tenta di applicare secondo l’auspicio di Adriano Olivetti un modello nordamericano desunto dalle esperienze del New Deal e in particolare della Tennessee Valley Authority. L’impianto urbanistico pone al centro nella parte alta del colle i servizi collettivi con la chiesa dominante, il centro civico e le case disposte lungo strade sinuose che assecondano come tentacoli l’orografia del luogo determinando una ricca articolazione degli spazi-vicinato.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te