Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO

L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO

PIOSSASCO, TORINO

144°

POSTO

2,930

VOTI 2020
Condividi
L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO
A Piossasco, sulla sommità del Monte San Giorgio a quota m 842, si trova un insediamento di epoca romanica fondato da monaci benedettini nel X secolo, costituito da una chiesa e un piccolo cenobio. La struttura è già citata nel 999, in una transazione di beni tra il Vescovo di Torino ed il monastero di San Solutore; nel 1064 entra nei possedimenti dell’abbazia di Santa Maria di Pinerolo e nel 1802 viene confiscata dal governo francese. Confluisce infine nel patrimonio della Parrocchia di San Vito, oggi Parrocchia Santi Apostoli. La testimonianza meglio conservata dell'antico insediamento è la Chiesa dedicata a San Giorgio: essa è in pietra lavorata a spina di pesce con l’inserimento di alcuni elementi in cotto e, sebbene di modeste dimensioni, è caratterizzata da tre navate terminanti in altrettante absidi semicircolari. Sulle pareti dell’abside e del presbiterio, sono visibili alcuni particolari pittorici (sinopie e dipinti murali), realizzati ad affresco e databili al XIV sec.. Si riconoscono la figura di San Giorgio, il bue e gli artigli dell’aquila (attributi iconografici degli Evangelisti San Luca e San Giovanni) e una teoria di Santi a figura intera. Ruderi di muri perimetrali testimoniano la presenza dell’attiguo cenobio in grado di accogliere 4 o 5 monaci e di un portico davanti alla facciata della chiesa. Due pozzi, di cui uno nei pressi della chiesa ed un secondo poco più a valle, certificano la presenza dell’insediamento e di remote attività agro-silvo-pastorali. L’antico insediamento è oggi parte integrante del Parco naturale Monte San Giorgio, area protetta della Città Metropolitana di Torino. Una bella escursione a piedi consente di raggiungere la sommità percorrendo sentieri segnalati o una comoda strada sterrata che attraversa un fitto bosco di Pino nero. La cima è un incomparabile belvedere a 360°: la vista spazia sulla pianura e su tutta la cerchia alpina dalle Marittime alle Cozie al Monte Rosa. La flora presenta specie interessanti per la loro rarità e distribuzione tra cui felci, lecci, orchidacee e la Paeonia officinalis, simbolo del Parco. La fauna è ricca soprattutto di uccelli: specie tipiche sia degli ambienti alpini che di quelli mediterranei. Da sempre “luogo del cuore” di tutti i piossaschesi, ma anche di molti escursionisti, la chiesa e gli affreschi mostrano i segni del tempo e necessitano di un intervento di consolidamento e restauro. Il nostro obiettivo è tutelare questo gioiello medievale, salvandolo dal degrado e valorizzandolo.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

144° Posto

2,930 Voti
Censimento 2018

32,550° Posto

1 Voti
Censimento 2018

27,490° Posto

2 Voti
Censimento 2016

13,852° Posto

4 Voti
Censimento 2016

9,917° Posto

6 Voti
Censimento 2014

6,140° Posto

3 Voti
Censimento 2014

3,482° Posto

7 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti
Censimento 2006

2,725° Posto

1 Voti
Censimento 2003

880° Posto

2 Voti

Scopri altri luoghi vicini

814°
53 voti

Chiesa

CHIESETTA SAN VALERIANO

PIOSSASCO, TORINO

828°
39 voti

Giardino, parco urbano

GIARDINO DI VILLA BONESCHI

PIOSSASCO, TORINO

783°
84 voti

Area protetta

PARCO MONTANO SAN GIORGIO TORRENTE SANGONETTO

PIOSSASCO, TORINO

803°
64 voti

Chiesa

PARROCCHIA SAN FRANCESCO

PIOSSASCO, TORINO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO

PIOSSASCO, TORINO

Condividi
L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO
A Piossasco, sulla sommità del Monte San Giorgio a quota m 842, si trova un insediamento di epoca romanica fondato da monaci benedettini nel X secolo, costituito da una chiesa e un piccolo cenobio. La struttura è già citata nel 999, in una transazione di beni tra il Vescovo di Torino ed il monastero di San Solutore; nel 1064 entra nei possedimenti dell’abbazia di Santa Maria di Pinerolo e nel 1802 viene confiscata dal governo francese. Confluisce infine nel patrimonio della Parrocchia di San Vito, oggi Parrocchia Santi Apostoli. La testimonianza meglio conservata dell'antico insediamento è la Chiesa dedicata a San Giorgio: essa è in pietra lavorata a spina di pesce con l’inserimento di alcuni elementi in cotto e, sebbene di modeste dimensioni, è caratterizzata da tre navate terminanti in altrettante absidi semicircolari. Sulle pareti dell’abside e del presbiterio, sono visibili alcuni particolari pittorici (sinopie e dipinti murali), realizzati ad affresco e databili al XIV sec.. Si riconoscono la figura di San Giorgio, il bue e gli artigli dell’aquila (attributi iconografici degli Evangelisti San Luca e San Giovanni) e una teoria di Santi a figura intera. Ruderi di muri perimetrali testimoniano la presenza dell’attiguo cenobio in grado di accogliere 4 o 5 monaci e di un portico davanti alla facciata della chiesa. Due pozzi, di cui uno nei pressi della chiesa ed un secondo poco più a valle, certificano la presenza dell’insediamento e di remote attività agro-silvo-pastorali. L’antico insediamento è oggi parte integrante del Parco naturale Monte San Giorgio, area protetta della Città Metropolitana di Torino. Una bella escursione a piedi consente di raggiungere la sommità percorrendo sentieri segnalati o una comoda strada sterrata che attraversa un fitto bosco di Pino nero. La cima è un incomparabile belvedere a 360°: la vista spazia sulla pianura e su tutta la cerchia alpina dalle Marittime alle Cozie al Monte Rosa. La flora presenta specie interessanti per la loro rarità e distribuzione tra cui felci, lecci, orchidacee e la Paeonia officinalis, simbolo del Parco. La fauna è ricca soprattutto di uccelli: specie tipiche sia degli ambienti alpini che di quelli mediterranei. Da sempre “luogo del cuore” di tutti i piossaschesi, ma anche di molti escursionisti, la chiesa e gli affreschi mostrano i segni del tempo e necessitano di un intervento di consolidamento e restauro. Il nostro obiettivo è tutelare questo gioiello medievale, salvandolo dal degrado e valorizzandolo.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2006, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te