Iscriviti al FAI a -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO

L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO

PIOSSASCO, TORINO

118°

POSTO

2,298

VOTI 2020
Condividi
L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO
A Piossasco, sulla sommità del Monte San Giorgio a quota m 842, si trova un insediamento di epoca romanica fondato da monaci benedettini nel X secolo, costituito da una chiesa e un piccolo cenobio. La struttura è già citata nel 999, in una transazione di beni tra il Vescovo di Torino ed il monastero di San Solutore; nel 1064 entra nei possedimenti dell’abbazia di Santa Maria di Pinerolo e nel 1802 viene confiscata dal governo francese. Confluisce infine nel patrimonio della Parrocchia di San Vito, oggi Parrocchia Santi Apostoli. La testimonianza meglio conservata dell'antico insediamento è la Chiesa dedicata a San Giorgio: essa è in pietra lavorata a spina di pesce con l’inserimento di alcuni elementi in cotto e, sebbene di modeste dimensioni, è caratterizzata da tre navate terminanti in altrettante absidi semicircolari. Sulle pareti dell’abside e del presbiterio, sono visibili alcuni particolari pittorici (sinopie e dipinti murali), realizzati ad affresco e databili al XIV sec.. Si riconoscono la figura di San Giorgio, il bue e gli artigli dell’aquila (attributi iconografici degli Evangelisti San Luca e San Giovanni) e una teoria di Santi a figura intera. Ruderi di muri perimetrali testimoniano la presenza dell’attiguo cenobio in grado di accogliere 4 o 5 monaci e di un portico davanti alla facciata della chiesa. Due pozzi, di cui uno nei pressi della chiesa ed un secondo poco più a valle, certificano la presenza dell’insediamento e di remote attività agro-silvo-pastorali. L’antico insediamento è oggi parte integrante del Parco naturale Monte San Giorgio, area protetta della Città Metropolitana di Torino. Una bella escursione a piedi consente di raggiungere la sommità percorrendo sentieri segnalati o una comoda strada sterrata che attraversa un fitto bosco di Pino nero. La cima è un incomparabile belvedere a 360°: la vista spazia sulla pianura e su tutta la cerchia alpina dalle Marittime alle Cozie al Monte Rosa. La flora presenta specie interessanti per la loro rarità e distribuzione tra cui felci, lecci, orchidacee e la Paeonia officinalis, simbolo del Parco. La fauna è ricca soprattutto di uccelli: specie tipiche sia degli ambienti alpini che di quelli mediterranei. Da sempre “luogo del cuore” di tutti i piossaschesi, ma anche di molti escursionisti, la chiesa e gli affreschi mostrano i segni del tempo e necessitano di un intervento di consolidamento e restauro. Il nostro obiettivo è tutelare questo gioiello medievale, salvandolo dal degrado e valorizzandolo.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

32,550° Posto

1 Voti
Censimento 2018

27,490° Posto

2 Voti
Censimento 2016

13,852° Posto

4 Voti
Censimento 2016

9,917° Posto

6 Voti
Censimento 2014

6,140° Posto

3 Voti
Censimento 2014

3,482° Posto

7 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti
Censimento 2006

2,725° Posto

1 Voti
Censimento 2003

880° Posto

2 Voti

Vota altri luoghi vicini

2,744°
48 voti

Chiesa

CHIESETTA SAN VALERIANO

PIOSSASCO, TORINO

3,588°
36 voti

Giardino, parco urbano

GIARDINO DI VILLA BONESCHI

PIOSSASCO, TORINO

1,746°
79 voti

Area protetta

PARCO MONTANO SAN GIORGIO TORRENTE SANGONETTO

PIOSSASCO, TORINO

2,153°
62 voti

Chiesa

PARROCCHIA SAN FRANCESCO

PIOSSASCO, TORINO

Vota altri luoghi simili

32,849 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

32,347 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

19,708 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO

PIOSSASCO, TORINO

Condividi
L'INSEDIAMENTO ROMANICO DEL MONTE SAN GIORGIO
A Piossasco, sulla sommità del Monte San Giorgio a quota m 842, si trova un insediamento di epoca romanica fondato da monaci benedettini nel X secolo, costituito da una chiesa e un piccolo cenobio. La struttura è già citata nel 999, in una transazione di beni tra il Vescovo di Torino ed il monastero di San Solutore; nel 1064 entra nei possedimenti dell’abbazia di Santa Maria di Pinerolo e nel 1802 viene confiscata dal governo francese. Confluisce infine nel patrimonio della Parrocchia di San Vito, oggi Parrocchia Santi Apostoli. La testimonianza meglio conservata dell'antico insediamento è la Chiesa dedicata a San Giorgio: essa è in pietra lavorata a spina di pesce con l’inserimento di alcuni elementi in cotto e, sebbene di modeste dimensioni, è caratterizzata da tre navate terminanti in altrettante absidi semicircolari. Sulle pareti dell’abside e del presbiterio, sono visibili alcuni particolari pittorici (sinopie e dipinti murali), realizzati ad affresco e databili al XIV sec.. Si riconoscono la figura di San Giorgio, il bue e gli artigli dell’aquila (attributi iconografici degli Evangelisti San Luca e San Giovanni) e una teoria di Santi a figura intera. Ruderi di muri perimetrali testimoniano la presenza dell’attiguo cenobio in grado di accogliere 4 o 5 monaci e di un portico davanti alla facciata della chiesa. Due pozzi, di cui uno nei pressi della chiesa ed un secondo poco più a valle, certificano la presenza dell’insediamento e di remote attività agro-silvo-pastorali. L’antico insediamento è oggi parte integrante del Parco naturale Monte San Giorgio, area protetta della Città Metropolitana di Torino. Una bella escursione a piedi consente di raggiungere la sommità percorrendo sentieri segnalati o una comoda strada sterrata che attraversa un fitto bosco di Pino nero. La cima è un incomparabile belvedere a 360°: la vista spazia sulla pianura e su tutta la cerchia alpina dalle Marittime alle Cozie al Monte Rosa. La flora presenta specie interessanti per la loro rarità e distribuzione tra cui felci, lecci, orchidacee e la Paeonia officinalis, simbolo del Parco. La fauna è ricca soprattutto di uccelli: specie tipiche sia degli ambienti alpini che di quelli mediterranei. Da sempre “luogo del cuore” di tutti i piossaschesi, ma anche di molti escursionisti, la chiesa e gli affreschi mostrano i segni del tempo e necessitano di un intervento di consolidamento e restauro. Il nostro obiettivo è tutelare questo gioiello medievale, salvandolo dal degrado e valorizzandolo.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2006, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te