ISCRIVITI AL FAI
Accedi
Giornate FAI di Primavera
23 e 24 marzo 2019
Le Palazziate e il Forno di vicinato della Fondazione Sassi

Le Palazziate e il Forno di vicinato della Fondazione Sassi

MATERA

Condividi
Le Palazziate e il Forno di vicinato della Fondazione Sassi

Apertura a cura di

Delegazione FAI di Matera

Orario

Sabato: 09:30 - 13:30 / 15:00 - 18:30 (ultimo ingresso 18:00)

Domenica: 09:30 - 13:30 / 15:00 - 18:30 (ultimo ingresso 18:00)

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Il pane e il grano sono elementi fortemente identitari per Matera. La Fondazione Sassi, che opera dal 1990 nel campo della promozione della cultura e la conservazione del patrimonio naturale, storico, artistico, architettonico dei Sassi di Matera, ha restaurato e custodisce uno dei più antichi forni di comunità nel Sasso Barisano. Simbolo della città, il pane di Matera, con la classica forma a cornetto, anticamente preparato nei Sassi e portato a cuocere al forno pubblico, racchiude in sé le eccellenze del territorio lucano. Per le sue qualità organolettiche e le vicende storiche che lo vedono protagonista, è diventato prodotto IGP. La visita propone un percorso guidato all’interno della Fondazione, accompagnato da un racconto della tradizione del pane di Matera che è diventato un vero e proprio brand per la Capitale Europea della Cultura 2019.

Itinerario

19 APERTURE STRAORDINARIE PER MATERA ECOC 2019

Visite a cura di

Visite a cura di:I.I.S."E.Duni-C.Levi" (Liceo Classico) e Istituto Comprensivo "G. Minozzi - N. Festa"

Visite in lingua straniera

Inglese

Inziative speciali

Domenica 24 marzo - Ore 11.00 e Ore 16.30 - Laboratorio "I giochi del pane" (durata 1 ora/1 ora e 30') Contatti e orari Info Point Fondazione Sassi per la prenotazione dei laboratori: tel 0835 333348 10-13/16-19 chiuso il lunedì.

Note generiche

Laboratorio «I GIOCHI DEL PANE» - 24 marzo 2019 in occasione di Giornate FAI di Primavera Operatore-personaggio:¿ fornaio del Rione san Biagio, Sasso Barisano Partecipanti: minimo 6 Durata:¿ 1 ora/ 1 ora e 30’ PROGRAMMA PARTE 1. IL RACCONTO. Il panettiere si fa trovare mentre cerca il garzone che non trova, per poi condurre i partecipanti presso il luogo dell’attività in cui: ¿ Introduce al processo di produzione del pane nei Sassi, spiegando che la gente lo impastava in casa una volta a settimana e che poi passava un garzone del fornaio a ritirarlo. ¿ Racconta della “Vecitatura”, della necessità della timbratura come riconoscimento, dell’esistenza dei forni di rione, come quello che si vedrà negli spazi della Fondazione Sassi. ¿ Spiega la ricetta del pane e i tre ingredienti fondamentali, come si realizza il lievito madre e dove si conserva. PARTE 2. IL GIOCO ¿ La canzone del Pane:¿ tutti i ragazzi imparano una tipica canzone che le donne cantavano mentre impastavano il pane di Matera ¿ Produzione del Pane: ¿il fornaio mostra gli impasti già lievitati e fornisce poi ad ogni gruppo una massa da mezzo kilo già lievitata dopo aver mostrato loro come si ottiene la tipica forma del pane di Matera. Ogni partecipante prova a farlo mentre intona la classica canzone materana; ¿ Racconto di aneddoti sulla cd. “trombatura” del pane; ¿ Timbratura e trasporto, si divide il gruppo assegnando tre ruoli: ¿ Massaia: timbra il pane (ogni gruppetto ha tre timbri con tre lettere differenti) ¿ Garzone: trasporta il pane timbrato dalla casa al forno a spalla sulla tipica tavola ¿ Fornaio: bendato che deve riconoscere la lettera timbrata ¿ Cottura:¿ racconto da parte del fornaio di come avveniva la cottura, dei trucchi del mestiere, di aneddoti e storie sulla cottura, di usanze e superstizioni. Racconto di aneddoti sulla tradizione del timbro. ¿ Racconto di aneddoti sulla tradizione del timbro assaggio: ¿si mostra una forma di pane già cotta e timbrata, notando come si evolve dalla forma cruda e si taglia a tocchetti per l’assaggio. Fondazione Sassi a carattere nazionale per la tutela e la salvaguardia del patrimonio architettonico dei "Sassi" di Matera Premio della cultura Presidenza del Consiglio dei Ministri - anno 1990 Ente morale riconosciuto con D. M. 6.7.1991 (G. Uff. 20.9.1991 n.211) Registrato al Tribunale di Matera il 17.9.91 al n.118 Reg. pers. Giur.

Altri luoghi presenti in questo itinerario

Casino Padula e Open Design School

MATERA

Castello Tramontano

MATERA

Centro di Geodesia Spaziale - ASI

MATERA

Convento delle Sante Lucia e Agata alla Civita

MATERA

Il Campus dell'Università degli Studi della Basilicata

MATERA

Il Community Center di Matera2019

MATERA

Il Frantoio storico de Miccolis e la Cantina Malvezzi

MATERA

Il Mulino Alvino

MATERA

Il progetto di A. Olivetti e L. Quaroni per La Martella

MATERA

Ipogei di Piazza San Francesco

MATERA

L' "Ipogeo Materasum" e la città scavata

MATERA

La Collina del Castello

MATERA

La Fabbrica del Carro Trionfale della Festa della Bruna

MATERA

Grancia fortificata di Parco dei Monaci

MATERA

Laboratorio di Restauro del MiBAC

MATERA

Aperture vicine

Castello di Bernalda

BERNALDA, MATERA

Chiesa di San Bernardino da Siena

BERNALDA, MATERA

Lago Salinella - Riserva naturale Stornara - Metaponto

BERNALDA, MATERA

Masseria Sansone della Famiglia Lacava

BERNALDA, MATERA

Parco Archeologico di area urbana Metaponto

BERNALDA, MATERA

Cappella scavata

CIRIGLIANO, MATERA

Chiesa Madre di Santa Maria della Croce

FERRANDINA, MATERA

Piazza del Plebiscito

FERRANDINA, MATERA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

L'ANTICO FORNO DI COMUNITÀ NEL SASSO BARISANO

MATERA

Condividi
L'ANTICO FORNO DI COMUNITÀ NEL SASSO BARISANO
La Fondazione Sassi e` ubicata in uno degli scenari più suggestivi della citta` antica, il Sasso Barisano.Tra le vie San Giovanni Vecchio e San Pietro Barisano e il rione San Biagio, addossate a pareti rocciose e innestate su habitat rupestri, si ergono le “palazziate” che ospitano gli uffici, la sala convegni, le sale espositive della Fondazione Sassi e il “forno di vicinato”. Costruzioni che hanno preso la forma attuale in età rinascimentale. Le “palazziate” sono cosi` definite per l’aggiunta di più vani, disposti su tre livelli: il piano inferiore, ipogeo, aveva funzione di magazzino e di stalla; quelli superiori, invece, avevano finalità abitative. Appartenute a un ceto medio benestante, le palazziate sono costituite da più vani collegati con soluzioni assai elaborate, dislocati su tre livelli con quelli superiori che originariamente erano raggiungibili da rampe esterne e ballatoio in parte visibili ancora oggi.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te