Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
LANGER HEINRICH, GRU GALLEGGIANTE

LANGER HEINRICH, GRU GALLEGGIANTE

GENOVA

646°

POSTO

138

VOTI 2020
LANGER HEINRICH, GRU GALLEGGIANTE
La Langer Heinrich, gru galleggiante, è ormeggiata a calata Boccardo, porto di Genova. E' stata realizzata dalla ditta Demag di Duisburg per la Marina Imperiale Tedesca nel 1915. Era un mezzo di servizio alle costruzioni navali dell’Arsenale e, in quel momento, era “La gru galleggiante più grande del mondo”, con 250 tonnellate di portata e un braccio mobile di ottantacinque metri di altezza. Alla fine della I Guerra Mondiale rischiò la fine della marina tedesca, autoaffondata a Scapa Flow, dopo essere stata requisita dai vincitori inglesi. Con uno stratagemma i tedeschi riuscirono a evitare il trasferimento e negli anni '30, con il Terzo Reich, vide il riscatto dalle umiliazioni imposte dal trattato di Versailles. Partecipò alla costruzione di navi da battaglia che diventarono simboli della potenza germanica, come la Admiral Graf Spee e la Tirpitz. I pesantissimi bombardamenti alleati della II Guerra Mondiale non la danneggiarono e alla fine divenne proprietà della Marina Militare Americana, nella base di Bremerhaven. Vari passaggi di proprietà, fra governo tedesco, marina americana e privati segnarono gli anni '50 e '60, fino a che, giudicato troppo oneroso il suo mantenimento, fu venduta a un’azienda italiana per la movimentazione del carbone in Sardegna. Dopo alcuni anni, fu acquistata da un armatore genovese che la trasferì a Genova. Poteva essere valutata come ferro da fondere, capace di fare solo qualche sollevamento importante, prima della demolizione, ma l’armatore genovese aveva la capacità e la sensibilità di intuire come quella gru avesse un vissuto alle spalle e una tecnologia che meritavano di essere conservati. Nel 2002 l’armatore incontra, a bordo, un funzionario della Soprintendenza, MiBACT, che sta cominciando ricerche sul patrimonio portuale genovese e, da quel momento, la Langer Heinrich rinasce, ancora una volta, a nuova vita. Nello stesso anno la gru viene dichiarata dal MiBACT d’interesse particolarmente importante, il cosiddetto vincolo. Era la prima volta che un mezzo di questo tipo diventava oggetto di un atto del genere, in coerenza, peraltro, con il Codice dei Beni Culturali che enumera, con ben precise prescrizioni, come beni da tutelare anche i galleggianti, i mezzi di trasporto e ogni testimonianza dell’ingegneria e del lavoro. La Langer Heinrich è una vera e propria nave, con propulsione elettrica prodotta da dinamo azionati in origine da una macchina a vapore. Le dinamo forniscono energia a tutti gli apparati della nave, dagli argani di sollevamento – ben quattro - e di tonneggio, alle pompe e a tutti i servizi di bordo. L’equipaggio era composto da ventuno uomini, tutti alloggiati in cabine poste sottocoperta. La plancia di comando navigazione era collocata all’interno del castello, al centro della corona di rotazione della gru. E’ uno splendido esempio conservato della tecnologia costruttiva delle strutture metalliche novecentesche e degli apparati elettro-meccanici. MOTIVI PER VOTARLA _Originalità: uno dei primi esempi di costruzione navale per sollevare carichi. Rappresenta una preziosa e rara testimonianza dell’ingegneria e del lavoro portuale del '900 ed è oggetto di Dichiarazione di interesse particolarmente importante da parte del MiBACT _Unicità Conservativa: del centinaio di gru costruite negli anni '20 E '30 del Novecento è l’unica conservata come in origine ed è l’unica ancora potenzialmente operativa e funzionante, capace di sollevare, ora come allora, 250 tonnellate. E’ giunta fino a noi con le sue componenti costruttive originali conservate; _Unicità Storica: è testimonianza materiale della storia del '900 e memoria storica del lavoro portuale; _Unicità turistica: in nessun porto Europeo esiste una simile attrazione e un simile mezzo di storia industriale portuale.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

5,868°
11 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO AGOSTINO DE FRANCHI

GENOVA

4,525°
15 voti

Museo

MUSEI DI STRADA NUOVA: PALAZZO TURSI

GENOVA

7,205°
9 voti

Museo

MUSEI DI STRADA NUOVA: PALAZZO ROSSO

GENOVA

Vota altri luoghi simili

12,982 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

9,701 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

6,387 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

LANGER HEINRICH, GRU GALLEGGIANTE

GENOVA

LANGER HEINRICH, GRU GALLEGGIANTE
La Langer Heinrich, gru galleggiante, è ormeggiata a calata Boccardo, porto di Genova. E' stata realizzata dalla ditta Demag di Duisburg per la Marina Imperiale Tedesca nel 1915. Era un mezzo di servizio alle costruzioni navali dell’Arsenale e, in quel momento, era “La gru galleggiante più grande del mondo”, con 250 tonnellate di portata e un braccio mobile di ottantacinque metri di altezza. Alla fine della I Guerra Mondiale rischiò la fine della marina tedesca, autoaffondata a Scapa Flow, dopo essere stata requisita dai vincitori inglesi. Con uno stratagemma i tedeschi riuscirono a evitare il trasferimento e negli anni '30, con il Terzo Reich, vide il riscatto dalle umiliazioni imposte dal trattato di Versailles. Partecipò alla costruzione di navi da battaglia che diventarono simboli della potenza germanica, come la Admiral Graf Spee e la Tirpitz. I pesantissimi bombardamenti alleati della II Guerra Mondiale non la danneggiarono e alla fine divenne proprietà della Marina Militare Americana, nella base di Bremerhaven. Vari passaggi di proprietà, fra governo tedesco, marina americana e privati segnarono gli anni '50 e '60, fino a che, giudicato troppo oneroso il suo mantenimento, fu venduta a un’azienda italiana per la movimentazione del carbone in Sardegna. Dopo alcuni anni, fu acquistata da un armatore genovese che la trasferì a Genova. Poteva essere valutata come ferro da fondere, capace di fare solo qualche sollevamento importante, prima della demolizione, ma l’armatore genovese aveva la capacità e la sensibilità di intuire come quella gru avesse un vissuto alle spalle e una tecnologia che meritavano di essere conservati. Nel 2002 l’armatore incontra, a bordo, un funzionario della Soprintendenza, MiBACT, che sta cominciando ricerche sul patrimonio portuale genovese e, da quel momento, la Langer Heinrich rinasce, ancora una volta, a nuova vita. Nello stesso anno la gru viene dichiarata dal MiBACT d’interesse particolarmente importante, il cosiddetto vincolo. Era la prima volta che un mezzo di questo tipo diventava oggetto di un atto del genere, in coerenza, peraltro, con il Codice dei Beni Culturali che enumera, con ben precise prescrizioni, come beni da tutelare anche i galleggianti, i mezzi di trasporto e ogni testimonianza dell’ingegneria e del lavoro. La Langer Heinrich è una vera e propria nave, con propulsione elettrica prodotta da dinamo azionati in origine da una macchina a vapore. Le dinamo forniscono energia a tutti gli apparati della nave, dagli argani di sollevamento – ben quattro - e di tonneggio, alle pompe e a tutti i servizi di bordo. L’equipaggio era composto da ventuno uomini, tutti alloggiati in cabine poste sottocoperta. La plancia di comando navigazione era collocata all’interno del castello, al centro della corona di rotazione della gru. E’ uno splendido esempio conservato della tecnologia costruttiva delle strutture metalliche novecentesche e degli apparati elettro-meccanici. MOTIVI PER VOTARLA _Originalità: uno dei primi esempi di costruzione navale per sollevare carichi. Rappresenta una preziosa e rara testimonianza dell’ingegneria e del lavoro portuale del '900 ed è oggetto di Dichiarazione di interesse particolarmente importante da parte del MiBACT _Unicità Conservativa: del centinaio di gru costruite negli anni '20 E '30 del Novecento è l’unica conservata come in origine ed è l’unica ancora potenzialmente operativa e funzionante, capace di sollevare, ora come allora, 250 tonnellate. E’ giunta fino a noi con le sue componenti costruttive originali conservate; _Unicità Storica: è testimonianza materiale della storia del '900 e memoria storica del lavoro portuale; _Unicità turistica: in nessun porto Europeo esiste una simile attrazione e un simile mezzo di storia industriale portuale.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te