Iscriviti al FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
MACCHIA

MACCHIA

Casali del Manco

277°

POSTO

148

VOTI 2018
MACCHIA
La frazione Macchia di Spezzano Piccolo risale al X sec., intorno al 985 e 986, quando l'Emiro Abulcasimo si accinse ad invadere per la seconda volta la valle del Crati (la prima invasione avvenne nel 975) e di conseguenza la città di Cosenza. A causa dell’invasione, i cosentini furono costretti ad abbandonare la città cercando rifugio sui monti presilani. Questa, che contava circa 120000 abitanti, venne ridotta ad un cumulo di macerie e molti cosentini si trasferirono definitivamente sulle colline che circondano Cosenza. Nacquero così i casali che, come una corona, circondano la città: Macchia fu,appunto,un casale Cosentino. Già Casale di Cosenza, venne poi compresa nella Bagliva di Spezzano Piccolo. L’ordinamento amministrativo francese disposto per legge 19 gennaio 1807 ne faceva un Luogo, ossia un’Università, nel cosi detto Governo di Spezzano Grande. Col riordino per decreto 4 maggio 1811, istitutivo di Comuni e Circondari, veniva retrocesso a Villaggio, cioè a frazione di Spezzano Piccolo I Palazzi Tricarico, Benvenuto, Gullo, e alcune case palazziate, ancora oggi, nella loro austerità, testimoniamo il dominio delle Famiglie che hanno scritto la storia del borgo. L’avvocato Fausto Gullo (Catanzaro,16 Giugno 1887 – Macchia di Spezzano Piccolo, 3 settembre 1974) deputato, Padre Costituente, Ministro di “Grazie e di Giustizia” (14 luglio 1946 - 1º giugno 1947) e dell’ “Agricoltura” (22 aprile 1944 - 13 luglio 1946), varò la riforma agraria meritando l’appellativo di “Ministro dei Contadini”. Nel Palazzo Gullo è possibile visitare la “Biblioteca Gullo” aperta al pubblico, costituita da circa 15.000 volumi. Il borgo ospitava anche la scuola elementare,ora non più attiva. Gli edifici di culto presenti nella frazione sono: - La Chiesa di Sant’Andrea Apostolo, risalente al XIV sec. -La Chiesetta della Madonna delle Grazie, detta la Conicella per la sua posizione geografica,si trova circa di fronte la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo. -Il Convento di San Giovanni Battista Macchia conta ora pochi abitanti, per lo più persone anziane legate alle proprie case e tradizioni. Nel dopo guerra gli abitanti erano circa 300. Dagli anni '60 in poi si è verificato un flusso migratorio che ha spinto alcune famiglie a trasferirsi nella vicina Cosenza o in Germania, Svizzera, Francia e Nord Italia in cerca di lavoro. Le abitazioni abbandonate hanno conservato il fascino di un tempo poiché non vi sono stati interventi di recupero. La strada, che da Spezzano Piccolo porta a Macchia, è fra le più suggestive della zona, da u girune, dove l'occhio si perde sui tetti delle case e sui campi intorno, si attraversa una galleria naturale formata da querce e acacie e, superata la strada ferrata, si giunge all'abitato. Una ripida discesa porta fino in piazza al maestoso palazzo Gullo.

Gallery

Scheda completa al 55%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2016

582° Posto

111 Voti
Censimento 2014

6,168° Posto

3 Voti

Vota altri luoghi vicini

Vota altri luoghi simili

3,889 voti

Borgo

RASIGLIA: SITO ARCHEOLOGICO INDUSTRIALE DEL TESSILE

RASIGLIA, PERUGIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

MACCHIA

Casali del Manco

Condividi
MACCHIA
La frazione Macchia di Spezzano Piccolo risale al X sec., intorno al 985 e 986, quando l'Emiro Abulcasimo si accinse ad invadere per la seconda volta la valle del Crati (la prima invasione avvenne nel 975) e di conseguenza la città di Cosenza. A causa dell’invasione, i cosentini furono costretti ad abbandonare la città cercando rifugio sui monti presilani. Questa, che contava circa 120000 abitanti, venne ridotta ad un cumulo di macerie e molti cosentini si trasferirono definitivamente sulle colline che circondano Cosenza. Nacquero così i casali che, come una corona, circondano la città: Macchia fu,appunto,un casale Cosentino. Già Casale di Cosenza, venne poi compresa nella Bagliva di Spezzano Piccolo. L’ordinamento amministrativo francese disposto per legge 19 gennaio 1807 ne faceva un Luogo, ossia un’Università, nel cosi detto Governo di Spezzano Grande. Col riordino per decreto 4 maggio 1811, istitutivo di Comuni e Circondari, veniva retrocesso a Villaggio, cioè a frazione di Spezzano Piccolo I Palazzi Tricarico, Benvenuto, Gullo, e alcune case palazziate, ancora oggi, nella loro austerità, testimoniamo il dominio delle Famiglie che hanno scritto la storia del borgo. L’avvocato Fausto Gullo (Catanzaro,16 Giugno 1887 – Macchia di Spezzano Piccolo, 3 settembre 1974) deputato, Padre Costituente, Ministro di “Grazie e di Giustizia” (14 luglio 1946 - 1º giugno 1947) e dell’ “Agricoltura” (22 aprile 1944 - 13 luglio 1946), varò la riforma agraria meritando l’appellativo di “Ministro dei Contadini”. Nel Palazzo Gullo è possibile visitare la “Biblioteca Gullo” aperta al pubblico, costituita da circa 15.000 volumi. Il borgo ospitava anche la scuola elementare,ora non più attiva. Gli edifici di culto presenti nella frazione sono: - La Chiesa di Sant’Andrea Apostolo, risalente al XIV sec. -La Chiesetta della Madonna delle Grazie, detta la Conicella per la sua posizione geografica,si trova circa di fronte la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo. -Il Convento di San Giovanni Battista Macchia conta ora pochi abitanti, per lo più persone anziane legate alle proprie case e tradizioni. Nel dopo guerra gli abitanti erano circa 300. Dagli anni '60 in poi si è verificato un flusso migratorio che ha spinto alcune famiglie a trasferirsi nella vicina Cosenza o in Germania, Svizzera, Francia e Nord Italia in cerca di lavoro. Le abitazioni abbandonate hanno conservato il fascino di un tempo poiché non vi sono stati interventi di recupero. La strada, che da Spezzano Piccolo porta a Macchia, è fra le più suggestive della zona, da u girune, dove l'occhio si perde sui tetti delle case e sui campi intorno, si attraversa una galleria naturale formata da querce e acacie e, superata la strada ferrata, si giunge all'abitato. Una ripida discesa porta fino in piazza al maestoso palazzo Gullo.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te