Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
MONTE TIFATA

MONTE TIFATA

SAN PRISCO, CASERTA

POSTO

7

VOTI 2020
Condividi
MONTE TIFATA
Il monte Tifata è un rilievo montuoso alto 602 m appartenente all'Appennino campano, situato sul confine nord della pianura campana in provincia di Caserta. Il nome deriva dai lecci presenti, infatti Tifata nell'antica lingua del luogo (quella degli Osci) significa "leccio". Intorno al 216 a.C secondo quanto fu riportato da Silio Italico, “Annibale si accampa sul Tifata dove il colle sovrasta le mura più da vicino e di là osserva la città.” E nella “Storia civile della fedelissima città di Capua ….” di Francesco Granata 1752 … In questo stesso Monte, là dove la pianura si estende, che dicesi di Montanino, fu lungamente accampato Annibale col suo poderosissimo esercito , la prima volta tornato dalla vittoria di Canne, e la seconda volta dalla conquista di Taranto , per soccorso de' Capuani assediati da' Romani; essendovi fin oggi alla costa di Montanino un certo spazio, che fin da allora ritiene il nome di Padiglione , come oggi al Padiglione vi si dice , per l’ antica tradizione d'essere stata in quel luogo situata la tenda , e 'l padiglione d'Annibale. Lo scrive Livio … Da qui, camminando Lungo tutto il percorso, praticamente sul crinale della montagna, si può vedere, da un lato, la pianura che arriva al mare, mentre dall'altro la piana di Monte Verna e la città di Caiazzo. In effetti il Tifata fa un da spartiacque tra la pianura urbanizzata ed industrializzata della provincia di Napoli e Caserta ed un territorio che resiste nella sua vocazione agricola e che fa ancora parte della provincia di Caserta. Sulla piccola vetta posta a sud est della cima più alta troviamo il Tempio di Giove Tifatino. Il tempio ne occupava la sommità a 526 m s.l.m.. Il rinvenimento fortuito nel 1996 di tre lastrine di bronzo, con fori per chiodi di fissaggio alla parete del tempio, e con dediche votive a Giove Tifatino (“ex-voto”), hanno consentito di localizzare con precisione il punto in cui il tempio si trovava sepolto. Sul sito sono evidenti alcune strutture del tempio come le fondazioni calcaree, i riempimenti artificiali di pietrame e malta la cella ad ambiente unico con una breve gradinata. Tempio ormai diruto e non grandissimo (misurava all’incirca 10mt x 7mt ) la cui fronte principale si trovava ad ovest verso l’antica città di Capua tale da poter essere visto agevolmente. Pochi anni orsono fu riposta la Croce in sostituzione della vecchia, logorata dai temporali, collocata dal gruppo Scout di Capua negli anni '80. Ciò fu possibile grazie al progetto dell’Area SIC (Siti di Importanza Comunitaria) Campania specifico per il Monte Tifata. La nuova Croce portava in sé innovazioni tecnologiche oltre ad essere più grande della precedente. Era fornita di pannelli fotovoltaici che assicuravano così energia all’ impianto di illuminazione notturna. Non passò molto tempo che tutto l’impianto fu trafugato. Proprio sulla sommità si possono scorgere antiche mura dei tempi passati. Lo storico M. Monaco riferisce che il monte venne chiamato monte S.Agata; la presenza poi, in un a grotta, nei pressi della Cappella prossima alla vetta, di una santa eremita, S. Offa, vissuta verso il 1070, contribuì certamente a rendere il monte, luogo di pellegrinaggio e devozione, facendolo pure chiamare a lungo col nome di Monte S. Agata. Non si può escludere che la cappella sia sorta sul luogo o nei pressi di altro tempio pagano. Dal medesimo storico viene riferito pure che S. Nicola, passando per Capua, si recò al Tifata e distrusse il tempio di Diana, dopo di che i capuani costruirono la cappella dì S. Nicola sulla vetta del monte S. Agata cui mutarono così il nome in quello di S. Nicola. Altre importanti testimonianze si trovano lungo le pendici del monte Tifata; il suo versante sud occidentale, che gravita verso il sito dell'antica città di Capua, conserva molti evidenti resti della presenza romana che ne occupò le pendici e la sommità con impianti di ville agricole, di acquedotti, di postazioni di difesa e di monumenti funerari.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

860° Posto

7 Voti
Censimento 2018

19,027° Posto

4 Voti
Censimento 2016

326° Posto

322 Voti
Censimento 2014

876° Posto

42 Voti
Censimento 2006

1,146° Posto

3 Voti
Censimento 2003

1,863° Posto

1 Voti

Scopri altri luoghi vicini

12 voti

Edificio civile

CARCERI

SAN PRISCO, CASERTA

8 voti

Chiesa

CHIESA SANTA MATRONA

SAN PRISCO, CASERTA

4 voti

Area urbana, piazza

PAESE DI SAN PRISCO

SAN PRISCO, CASERTA

11 voti

Area naturale

CENTRO REGIONALE DI INCREMENTO IPPICO

SANTA MARIA CAPUA VETERE, CASERTA

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

MONTE TIFATA

SAN PRISCO, CASERTA

Condividi
MONTE TIFATA
Il monte Tifata è un rilievo montuoso alto 602 m appartenente all'Appennino campano, situato sul confine nord della pianura campana in provincia di Caserta. Il nome deriva dai lecci presenti, infatti Tifata nell'antica lingua del luogo (quella degli Osci) significa "leccio". Intorno al 216 a.C secondo quanto fu riportato da Silio Italico, “Annibale si accampa sul Tifata dove il colle sovrasta le mura più da vicino e di là osserva la città.” E nella “Storia civile della fedelissima città di Capua ….” di Francesco Granata 1752 … In questo stesso Monte, là dove la pianura si estende, che dicesi di Montanino, fu lungamente accampato Annibale col suo poderosissimo esercito , la prima volta tornato dalla vittoria di Canne, e la seconda volta dalla conquista di Taranto , per soccorso de' Capuani assediati da' Romani; essendovi fin oggi alla costa di Montanino un certo spazio, che fin da allora ritiene il nome di Padiglione , come oggi al Padiglione vi si dice , per l’ antica tradizione d'essere stata in quel luogo situata la tenda , e 'l padiglione d'Annibale. Lo scrive Livio … Da qui, camminando Lungo tutto il percorso, praticamente sul crinale della montagna, si può vedere, da un lato, la pianura che arriva al mare, mentre dall'altro la piana di Monte Verna e la città di Caiazzo. In effetti il Tifata fa un da spartiacque tra la pianura urbanizzata ed industrializzata della provincia di Napoli e Caserta ed un territorio che resiste nella sua vocazione agricola e che fa ancora parte della provincia di Caserta. Sulla piccola vetta posta a sud est della cima più alta troviamo il Tempio di Giove Tifatino. Il tempio ne occupava la sommità a 526 m s.l.m.. Il rinvenimento fortuito nel 1996 di tre lastrine di bronzo, con fori per chiodi di fissaggio alla parete del tempio, e con dediche votive a Giove Tifatino (“ex-voto”), hanno consentito di localizzare con precisione il punto in cui il tempio si trovava sepolto. Sul sito sono evidenti alcune strutture del tempio come le fondazioni calcaree, i riempimenti artificiali di pietrame e malta la cella ad ambiente unico con una breve gradinata. Tempio ormai diruto e non grandissimo (misurava all’incirca 10mt x 7mt ) la cui fronte principale si trovava ad ovest verso l’antica città di Capua tale da poter essere visto agevolmente. Pochi anni orsono fu riposta la Croce in sostituzione della vecchia, logorata dai temporali, collocata dal gruppo Scout di Capua negli anni '80. Ciò fu possibile grazie al progetto dell’Area SIC (Siti di Importanza Comunitaria) Campania specifico per il Monte Tifata. La nuova Croce portava in sé innovazioni tecnologiche oltre ad essere più grande della precedente. Era fornita di pannelli fotovoltaici che assicuravano così energia all’ impianto di illuminazione notturna. Non passò molto tempo che tutto l’impianto fu trafugato. Proprio sulla sommità si possono scorgere antiche mura dei tempi passati. Lo storico M. Monaco riferisce che il monte venne chiamato monte S.Agata; la presenza poi, in un a grotta, nei pressi della Cappella prossima alla vetta, di una santa eremita, S. Offa, vissuta verso il 1070, contribuì certamente a rendere il monte, luogo di pellegrinaggio e devozione, facendolo pure chiamare a lungo col nome di Monte S. Agata. Non si può escludere che la cappella sia sorta sul luogo o nei pressi di altro tempio pagano. Dal medesimo storico viene riferito pure che S. Nicola, passando per Capua, si recò al Tifata e distrusse il tempio di Diana, dopo di che i capuani costruirono la cappella dì S. Nicola sulla vetta del monte S. Agata cui mutarono così il nome in quello di S. Nicola. Altre importanti testimonianze si trovano lungo le pendici del monte Tifata; il suo versante sud occidentale, che gravita verso il sito dell'antica città di Capua, conserva molti evidenti resti della presenza romana che ne occupò le pendici e la sommità con impianti di ville agricole, di acquedotti, di postazioni di difesa e di monumenti funerari.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2006, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te