Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
NECROPOLI FENICIO-PUNICA DI MONTE LUNA

NECROPOLI FENICIO-PUNICA DI MONTE LUNA

SENORBI, CAGLIARI

32,332°

POSTO

1

VOTI 2020
Condividi
NECROPOLI FENICIO-PUNICA DI MONTE LUNA

Distante alcune decine di metri dall'acropoli di Santu Teru, separata da una piccola valle, si trova la necropoli monumentale di Monte Luna. Questa non è l'unica area cimiteriale utilizzata dagli abitanti del centro punico, poichè altre ne sono state individuate non molto distante. Le varie campagne di scavo, succedutesi dal 1977 fino ad oggi, hanno consentito l'individuazione di oltre 120 tombe e la raccolta di una vasta serie di dati e reperti. Varie sono state le tipologie tombali individuate: il tipo a pozzo con camera ipogeica, aperta su un lato breve, che poteva contenere uno o due defunti. Accanto a questo tipo, è stata individuata una variante, costituita da un pozzo semplice, mancante della camera ipogeica. Questi, rappresentano la tipologia più antica, sono ascrivibili infatti al V e al IV sec. a.C. I secoli successivi sono stati caratterizzati dallo sviluppo delle tombe a cella ipogeica e di quelle a fossa terragna, queste ultime sono costituite da una semplice trincea aperta nel morbido terreno superficiale. Di particolare interesse la sepoltura dei bambini dentro anfore (enkytrismos) giacenti in posizione non profonda e le fosse contenenti vasi con i resti di incinerazione, ricoperte da un tumulo tronco piramidale. Durante il III sec. a.C. è documentato un aumento delle cremazioni legato, più che ad una motivazione etnico-religiosa, a contingenze economiche. I corredi funerari sono costituiti da anfore e brocche di medie dimensioni e di varie forme: brocchette piriformi, cilindriche e a corpo arrotondato, vasetti a beccuccio, coppe, piatti da pesce, unguentari, lucerne, bruciaprofumi. Di eccezionale importanza il vasellame proveniente da fabbriche attiche o da botteghe operanti nel IV e III sec. a.C. nell' Italia peninsulare. Di grossa rilevanza i gioielli in oro e argento: collane , bracciali, anelli, diademi, orecchini. Di particolare pregio artistico il gioiello recuperato in una tomba principesca, composto da una spessa maglia in oro, chiusa da due cilindri e con al centro un pendente a forma di ghirlanda decorata a granulazione. Notevole è il numero di amuleti realizzati nei materiali più vari. L'artigianato in bronzo si segnala per la presenza di alcuni rasoi votivi, strigili, campanelli specchi e altri piccoli oggetti decorativi. I corredi funerari della necropoli sono oggi conservati ed esposti nel museo comunale Sa Domu Nosta.

Gallery

Scheda completa al 95%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

22,790° Posto

3 Voti
Censimento 2016

21,264° Posto

2 Voti
Censimento 2014

7,826° Posto

2 Voti
Censimento 2012

5,264° Posto

3 Voti

Vota altri luoghi vicini

NC
0 voti

Edificio civile

RUDERE MEDIOEVALE

SAN BASILIO, CAGLIARI

Vota altri luoghi simili

17,278 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

12,855 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,285 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

NECROPOLI FENICIO-PUNICA DI MONTE LUNA

SENORBI, CAGLIARI

Condividi
NECROPOLI FENICIO-PUNICA DI MONTE LUNA

Distante alcune decine di metri dall'acropoli di Santu Teru, separata da una piccola valle, si trova la necropoli monumentale di Monte Luna. Questa non è l'unica area cimiteriale utilizzata dagli abitanti del centro punico, poichè altre ne sono state individuate non molto distante. Le varie campagne di scavo, succedutesi dal 1977 fino ad oggi, hanno consentito l'individuazione di oltre 120 tombe e la raccolta di una vasta serie di dati e reperti. Varie sono state le tipologie tombali individuate: il tipo a pozzo con camera ipogeica, aperta su un lato breve, che poteva contenere uno o due defunti. Accanto a questo tipo, è stata individuata una variante, costituita da un pozzo semplice, mancante della camera ipogeica. Questi, rappresentano la tipologia più antica, sono ascrivibili infatti al V e al IV sec. a.C. I secoli successivi sono stati caratterizzati dallo sviluppo delle tombe a cella ipogeica e di quelle a fossa terragna, queste ultime sono costituite da una semplice trincea aperta nel morbido terreno superficiale. Di particolare interesse la sepoltura dei bambini dentro anfore (enkytrismos) giacenti in posizione non profonda e le fosse contenenti vasi con i resti di incinerazione, ricoperte da un tumulo tronco piramidale. Durante il III sec. a.C. è documentato un aumento delle cremazioni legato, più che ad una motivazione etnico-religiosa, a contingenze economiche. I corredi funerari sono costituiti da anfore e brocche di medie dimensioni e di varie forme: brocchette piriformi, cilindriche e a corpo arrotondato, vasetti a beccuccio, coppe, piatti da pesce, unguentari, lucerne, bruciaprofumi. Di eccezionale importanza il vasellame proveniente da fabbriche attiche o da botteghe operanti nel IV e III sec. a.C. nell' Italia peninsulare. Di grossa rilevanza i gioielli in oro e argento: collane , bracciali, anelli, diademi, orecchini. Di particolare pregio artistico il gioiello recuperato in una tomba principesca, composto da una spessa maglia in oro, chiusa da due cilindri e con al centro un pendente a forma di ghirlanda decorata a granulazione. Notevole è il numero di amuleti realizzati nei materiali più vari. L'artigianato in bronzo si segnala per la presenza di alcuni rasoi votivi, strigili, campanelli specchi e altri piccoli oggetti decorativi. I corredi funerari della necropoli sono oggi conservati ed esposti nel museo comunale Sa Domu Nosta.

Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te