Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ORATORIO DELLA SANTISSIMA TRINITA'

ORATORIO DELLA SANTISSIMA TRINITA'

CRESPELLANO, BOLOGNA

222°

POSTO

743

VOTI 2020
ORATORIO DELLA SANTISSIMA TRINITA'
L’Oratorio della Santissima Trinità, elegante costruzione della prima metà dell’Ottocento, sorge, dimenticato dai più, in bellissima posizione sulle prime propaggini appenniniche di fronte alla chiesa parrocchiale di Santa Maria Nascente in Pragatto (Valsamoggia). Nata dalla volontà di Don Luigi Lenzi (1808-1841), la costruzione rappresenta la risposta del parroco alla necessità di dare adeguata sistemazione alla nuova area cimiteriale parrocchiale, creata per far fronte all'aumento dei decessi causati dalle epidemie di tifo e di colera del 1817. Del progetto viene incaricato il perito Pietro Clò il quale, il 6 marzo 1818, presenta una “stima della spesa occorrente per la nuova costruzione del Cimitero di Pragatto con una Capella unita”. La costruzione del cimitero, in economia, con il riutilizzo della pietre prese dal vecchio, sarebbe venuta a costare 210 scudi e 53 baiocchi mentre per la costruzione della cappella sarebbero occorsi 113 scudi e 91 baiocchi. Pur essendo difficile comparare economie assai lontane tra loro nel tempo possiamo stimare che l’opera sarebbe venuta a costare nel complesso circa 20.00 euro attuali. Il perito fu celere nel portare a termine la sua opera ma non altrettanto lo furono i lavori di costruzione, rallentati nel loro avvio soprattutto dalla diversità di vedute tra il parroco e l’allora Consiglio comunale che riteneva molto più vantaggioso, per l’intera comunità, l’ampliamento della vecchia area. Occorrerà attendere quindi ben 13 anni dalla stima del Clò per vedere iniziati i lavori e altri 8 per vederli conclusi. Finalmente, nel 1839, il Cardinale Carlo Oppizzoni, nella sua visita pastorale, ci farà sapere del completamento dell’opera della quale loda la pregevole fattura. L’oratorio si presentava ad aula unica, preceduto da due ali di portico a colonne doriche; al suo interno un altare ed un confessionale “conforme alle prescrizioni della Suprema Congregazione del Sant’Uffizio”. La Compagnia del Santissimo Sacramento, eretta canonicamente presso la parrocchia nel 1812, ne aveva nel frattempo acquisito la proprietà, impegnandosi alla manutenzione ordinaria e straordinaria, e vi conservava le proprie suppellettili, tra le quali lo stendardo processionale in legno dorato ed una coppia di lampioni in ferro e latta dorati, giunti fino ai nostri giorni. L’oratorio proseguirà nella sua duplice funzione di cappella cimiteriale e di sede della Compagnia del Santissimo Sacramento fino al 1920, quando il cimitero verrà trasferito a valle, nella nuova sede comunale. Poco tempo dopo verrà a cessare anche l’attività della Compagnia e per l’oratorio sarà l’inizio di un lungo cammino di inarrestabile declino. Muri in mattone chiudono gli occhi del porticato e la costruzione viene utilizzata come magazzino e come pagliaio. Un tentativo di risollevarne le sorti porta alla liberazione del portico ed alla messa in sicurezza del tetto pericolante ma poi sopravviene l’oblio e la totale inagibilità.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

8,332°
11 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO STAGNI DI MATILDE DI CANOSSA

CRESPELLANO, BOLOGNA

9,785°
9 voti

Castello, rocca

ROCCA DEI BENTIVOGLIO

BAZZANO, BOLOGNA

16,018°
5 voti

Santuario

SANTUARIO DELLA BEATA VERGINE DEL CARMINE DETTA DELLA SABBIONARA

BAZZANO, BOLOGNA

Vota altri luoghi simili

17,049 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

12,613 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,232 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ORATORIO DELLA SANTISSIMA TRINITA'

CRESPELLANO, BOLOGNA

ORATORIO DELLA SANTISSIMA TRINITA'
L’Oratorio della Santissima Trinità, elegante costruzione della prima metà dell’Ottocento, sorge, dimenticato dai più, in bellissima posizione sulle prime propaggini appenniniche di fronte alla chiesa parrocchiale di Santa Maria Nascente in Pragatto (Valsamoggia). Nata dalla volontà di Don Luigi Lenzi (1808-1841), la costruzione rappresenta la risposta del parroco alla necessità di dare adeguata sistemazione alla nuova area cimiteriale parrocchiale, creata per far fronte all'aumento dei decessi causati dalle epidemie di tifo e di colera del 1817. Del progetto viene incaricato il perito Pietro Clò il quale, il 6 marzo 1818, presenta una “stima della spesa occorrente per la nuova costruzione del Cimitero di Pragatto con una Capella unita”. La costruzione del cimitero, in economia, con il riutilizzo della pietre prese dal vecchio, sarebbe venuta a costare 210 scudi e 53 baiocchi mentre per la costruzione della cappella sarebbero occorsi 113 scudi e 91 baiocchi. Pur essendo difficile comparare economie assai lontane tra loro nel tempo possiamo stimare che l’opera sarebbe venuta a costare nel complesso circa 20.00 euro attuali. Il perito fu celere nel portare a termine la sua opera ma non altrettanto lo furono i lavori di costruzione, rallentati nel loro avvio soprattutto dalla diversità di vedute tra il parroco e l’allora Consiglio comunale che riteneva molto più vantaggioso, per l’intera comunità, l’ampliamento della vecchia area. Occorrerà attendere quindi ben 13 anni dalla stima del Clò per vedere iniziati i lavori e altri 8 per vederli conclusi. Finalmente, nel 1839, il Cardinale Carlo Oppizzoni, nella sua visita pastorale, ci farà sapere del completamento dell’opera della quale loda la pregevole fattura. L’oratorio si presentava ad aula unica, preceduto da due ali di portico a colonne doriche; al suo interno un altare ed un confessionale “conforme alle prescrizioni della Suprema Congregazione del Sant’Uffizio”. La Compagnia del Santissimo Sacramento, eretta canonicamente presso la parrocchia nel 1812, ne aveva nel frattempo acquisito la proprietà, impegnandosi alla manutenzione ordinaria e straordinaria, e vi conservava le proprie suppellettili, tra le quali lo stendardo processionale in legno dorato ed una coppia di lampioni in ferro e latta dorati, giunti fino ai nostri giorni. L’oratorio proseguirà nella sua duplice funzione di cappella cimiteriale e di sede della Compagnia del Santissimo Sacramento fino al 1920, quando il cimitero verrà trasferito a valle, nella nuova sede comunale. Poco tempo dopo verrà a cessare anche l’attività della Compagnia e per l’oratorio sarà l’inizio di un lungo cammino di inarrestabile declino. Muri in mattone chiudono gli occhi del porticato e la costruzione viene utilizzata come magazzino e come pagliaio. Un tentativo di risollevarne le sorti porta alla liberazione del portico ed alla messa in sicurezza del tetto pericolante ma poi sopravviene l’oblio e la totale inagibilità.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te