Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
venezia

OSPEDALE CIVILE SS.GIOVANNI E PAOLO

VENEZIA

260°

POSTO

899

VOTI 2020
Condividi
OSPEDALE CIVILE SS.GIOVANNI E PAOLO

L’Ospedale Civile Ss.Giovanni e Paolo di Venezia è uno dei maggiori complessi monumentali della città; è anche un compendio architettonico-artistico che abbraccia quasi nove secoli; è una realtà morale e medico-scientifica indispensabile per conoscere e vivere la straordinaria civiltà veneziana. Al suo interno è presente, infatti, il mondo ospedaliero della cura contemporanea ma anche il mondo della cultura, della storia, dell’arte, della spiritualità.

Sul Rio dei Mendicanti si affaccia l’Ospedale cinquecentesco di San Lazzaro con l’originale chiesa a doppia facciata; sul Campo Ss.Giovanni e Paolo invece si specchia la più bella facciata rinascimentale di un edificio laico veneziano, è questo uno degli spazi urbani più importanti con la grande Basilica domenicana del XIII secolo e lo stupefacente monumento equestre di Andrea Del Verrocchio, maestro di Leonardo.

Attraverso un fastoso protiro (già ingresso trionfale della medievale Scuola Grande di San Marco) si accede da duecento anni all’Ospedale Civile di Venezia. È un complesso di cura e assistenza alla persona che ha segnato la storia della medicina italiana ed europea, dall’epoca dei lazzaretti e dalle prime dissezioni anatomiche in poi.

Da alcuni anni all’interno del perimetro ospedaliero, si coltiva in modo articolato la cultura storica e museale avvalendosi dell’ex-Convento domenicano Ss.Giovanni e Paolo, dell’antico Ospedale dei Mendicanti, della Scuola Grande di San Marco vero “santuario identitario” della Serenissima. È particolarmente importante il Museo di storia della medicina, ricchissimo di strumenti medico-chirurgici, con la sua Biblioteca monumentale dotata di migliaia di opere di tutti gli autori della medicina occidentale, da Ippocrate in poi.

Nelle sale imponenti della Scuola marciana, sotto un impressionante soffitto dorato, è collocato un ciclo pittorico sulla vita del santo, a cui Venezia è devota, oltre a opere di Domenico Tintoretto, Palma il Giovane, Paris Bordone, Donato Veneziano e l’intera riproduzione del ciclo alessandrino di Gentile e Giovanni Bellini, Giovanni Mansueti, Vittore Belliniano e un grande Crocifisso di Francesco Terrilli.

Accessibile dall’esterno attraverso un portale minore si scopre un’antica Farmacia con i suoi arredi ottocenteschi, risalente al periodo in cui Napoleone prese possesso di questi spazi per farne un ospedale militare, e il Museo Vesalio con incredibili reperti anatomopatologici che documentano numerosi temi di paleopatologia.

Di grande interesse è anche sul rio dei Mendicanti la chiesa di S. Lazzaro di impronta palladiana, un mausoleo della carità, con il famoso memoriale bilaterale di Alvise Mocenigo, che nel Settecento fu anche un famoso tempio della musica. Contiene pale di altare di Guercino, Salviati, Veronese, Jacopo Tintoretto oltreché opere di Le Court “il Bernini dell’Adriatico”.

La complessità storica dell’Ospedale è fortemente delineata dai grandiosi ambienti dell’ex-Convento domenicano, uno dei primi d’Europa. È in questo ambito, che mantiene ancora la presenza di attività sanitarie, che viene esaltata la feconda relazione cura-cultura, proposta ogni giorno dalla memoria della biblioteca bizantina contenuta nella sala della Libreria tuttora visitabile.

Un Ospedale di valore per una città di valore.

Gallery

venezia
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale ss. giovanni e paolo
ospedale civile ss. giovanni e paolo
ospedale civile ss. giovanni e paolo
ospedale civile
ospedale civile
ospedale civile
ospedale civile
madonnina
ospedale civile
ospedale civile
ospedale civile
ospedale civile

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

19,027° Posto

4 Voti
Censimento 2016

13,852° Posto

4 Voti

Vota altri luoghi vicini

11,990°
10 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA DEI DERELITTI E SALA DELLA MUSICA

VENEZIA

4,500°
29 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO MOROSINI

VENEZIA

477°
403 voti

Palazzo storico, dimora storica

FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA ONLUS

VENEZIA

Vota altri luoghi simili

34,626 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

34,608 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

20,261 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

OSPEDALE CIVILE SS.GIOVANNI E PAOLO

VENEZIA

Condividi
OSPEDALE CIVILE SS.GIOVANNI E PAOLO
L’Ospedale Civile Ss. Giovanni e Paolo è uno dei maggiori complessi monumentali della città; è anche un compendio architettonico-artistico che abbraccia quasi nove secoli; è una realtà morale e medico-scientifica indispensabile per conoscere e vivere la straordinaria civiltà veneziana. Al suo interno è presente, infatti, il mondo ospedaliero della cura contemporanea ma anche il mondo della cultura, della storia, dell’arte, della spiritualità. Dalla laguna settentrionale si approda direttamente agli edifici sanitari più recenti; mentre sul Rio dei Mendicanti si affaccia uno dei tre istituti accorpati, quello cinquecentesco di San Lazzaro con l’originale chiesa a doppia facciata; sul Campo Ss. Giovanni e Paolo invece si specchia la più bella facciata rinascimentale di un edificio laico veneziano, è questo uno degli spazi urbani più importanti della storia e civiltà veneziane, con la grande Basilica domenicana del XIII secolo e lo stupefacente monumento equestre di Andrea Del Verrocchio, maestro di Leonardo. Attraverso un fastoso protiro (già ingresso trionfale della medievale Scuola Grande di San Marco) si accede da duecento anni all’Ospedale Civile di Venezia. È un complesso di cura e assistenza alla persona che ha segnato la storia della medicina italiana ed europea: dall’epoca dei lazzaretti alla prima radiologia italiana, dalle prime dissezioni anatomiche all’implantologia ossea orale, dalla preparazione della teriaca al primo reparto di ortopedia in Italia, dai medici della peste ad una coorte di valore di medici ebrei, armeni, orientali. Da alcuni anni all’interno del perimetro ospedaliero, si coltiva in modo articolato la cultura storica e museale avvalendosi dei sontuosi ambienti dell’ex-Convento domenicano Ss.Giovanni e Paolo, dell’antico Ospedale dei Mendicanti, della Scuola Grande di San Marco vero “santuario identitario” della Serenissima. È particolarmente importante il Museo di storia della medicina, ricchissimo di strumenti medico-chirurgici, con la sua Biblioteca monumentale dotata di diverse migliaia di opere antiche di tutti gli autori della medicina occidentale, da Ippocrate all’Ottocento europeo. Nelle sale imponenti della Scuola marciana, sotto un impressionante soffitto dorato, è collocato un ciclo pittorico incentrato sulla vita del santo, cui la città è ancora oggi molto devota; ci sono ben cinque opere di Domenico Tintoretto, Jacopo Palma il Giovane, Paris Bordone, Donato Veneziano e l’intera riproduzione del disperso ciclo alessandrino di Gentile e Giovanni Bellini, Giovanni Mansueti, Vittore Belliniano e un grande Crocifisso di Francesco Terrilli. Accessibile dall’esterno attraverso un portale minore si scopre un’antica Farmacia con i suoi arredi ottocenteschi, risalente al periodo in cui Napoleone prese possesso di questi spazi per farne un ospedale militare, e il Museo Vesalio con incredibili reperti anatomopatologici che documentano numerosi temi di paleopatologia. Di grande interesse è anche sul rio dei Mendicanti la chiesa di S. Lazzaro di impronta palladiana, un mausoleo della carità, con il famoso memoriale bilaterale di Alvise Mocenigo, che nel Settecento fu anche un famoso tempio della musica per i nobili di tutta Europa che giungevano per ascoltare le voci bianche delle fanciulle accolte nell’annesso orfanotrofio. Contiene pale di altare di Guercino, Salviati, Veronese, Jacopo Tintoretto oltreché opere di Le Court “il Bernini dell’Adriatico”. La complessità storica dell’Ospedale è fortemente delineata dai grandiosi ambienti dell’ex-Convento domenicano, uno dei primi d’Europa. È in questo ambito, che mantiene ancora la presenza di attività sanitarie, che viene esaltata la feconda relazione cura-cultura, proposta ogni giorno dalla memoria della biblioteca bizantina contenuta nella sala della Libreria tuttora visitabile. L'Ospedale Civile Ss. Giovanni e Paolo di Venezia occupa una superficie di 50.000 metri quadri e appartiene all'azienda Ulss3 Serenissima.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te