ISCRIVITI AL FAI
Accedi
Giornate FAI di Primavera
23 e 24 marzo 2019
Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali e F. Stauffer

Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali e F. Stauffer

CREMONA

Condividi
Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali e F. Stauffer

Apertura a cura di

Delegazione FAI di Cremona

Orario

Sabato: 10:00 - 17:30 (ultimo ingresso 17:00)

Domenica: 10:00 - 17:30 (ultimo ingresso 17:00)

Attenzione: in caso di grande affluenza gli ingressi potrebbero essere sospesi prima dell'orario di chiusura indicato

Note per la visita

Ultimo ingresso mezz'ora prima della chiusura

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Affacciato sull’antica strata magistra, il palazzo emerge alla fine del Quattrocento come un edificio eccezionale nel panorama cittadino del tempo. In quegli anni i Raimondi, ricchi commercianti di stoffe, ottengono il titolo di nobiles viri, entrando a far parte delle principali cariche pubbliche. Il progetto si deve a Bernardino de Lera, ma le iscrizioni ai lati del portale portano la data del 1496 e celebrano il ruolo del committente, Eliseo Raimondi, nell'impianto dell’intero edificio, modellato sull’esempio dell’antica architettura romana. La facciata a bugne in calcare bianco e rosa è un unicum nel cremonese e senza confronti erano anche lo scalone monumentale che saliva al piano nobile (sostituito dopo il Settecento da quello attuale) e il porticato a 18 colonne del cortile (oggi ne restano solo 8), dai raffinati capitelli firmati dal luganese Giovan Gaspare Pedone e celebrati nelle Vite dal Vasari. Eccezionalmente aperta anche la sede della Fondazione Stauffer.

Itinerario

Chiese e palazzi lungo la strata magistra

Visite a cura di

volontari FAI e apprendisti ciceroni dell'Istituto d'Istruzione Superiore "A. Stradivari" e del Liceo delle Scienze Umane ed Economico Sociale "S. Anguissola"

Inziative speciali

Sabato 23 marzo alle ore 18.30, presso l'Aula Magna storica al piano nobile di Palazzo Raimondi si terrà il concerto del Coro della Facoltà di Musicologia, diretto da Giovanni Cestino, e dell'Orchestra d'Archi "Galimathias Ensemble".

Note generiche

In collaborazione con i volontari delle associazioni di Protezione Civile: Atlante, Cardo VII, Eridanus, e Padus e con le guide turistiche abilitate delle associazioni ACuTo Cremonaguide, CrArt e Target Turismo

Gallery

Palazzo Raimondi, PALAZZO RAIMONDI, CREMONA
Palazzo Raimondi, PALAZZO RAIMONDI, CREMONA
Palazzo Raimondi, PALAZZO RAIMONDI, CREMONA (CR )

Altri luoghi presenti in questo itinerario

Chiesa di Sant'Agata

CREMONA

Complesso di San Luca

CREMONA

Palazzo Stanga Rossi di San Secondo

CREMONA

Aperture vicine

Campanile della Cattedrale - POSTI ESAURITI

CREMA, CREMONA

Cripta e sacrestie della Cattedrale

CREMA, CREMONA

Chiesa della SS. Annunziata, oggi Nostra Signora di Lourdes

CREMA, CREMONA

Palazzo vescovile, già Palazzo della Notaria

CREMA, CREMONA

Chiesa di Sant'Agata

CREMONA

Complesso di San Luca

CREMONA

Palazzo Stanga Rossi di San Secondo

CREMONA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

PALAZZO RAIMONDI

CREMONA

Condividi
PALAZZO RAIMONDI
Affacciato sull’antica strata magistra, il palazzo emerge alla fine del Quattrocento come un edificio eccezionale nel panorama cittadino del tempo. In quegli anni i Raimondi, ricchi commercianti di stoffe, ottengono il titolo di nobiles viri, entrando a far parte delle principali cariche pubbliche. Il progetto si deve a Bernardino de Lera, ma le iscrizioni ai lati del portale portano la data del 1496 e celebrano il ruolo del committente, Eliseo Raimondi, nell'impianto dell’intero edificio, modellato sull’esempio dell’antica architettura romana. La facciata a bugne in calcare bianco e rosa è un unicum nel cremonese e senza confronti erano anche lo scalone monumentale che saliva al piano nobile (sostituito dopo il Settecento da quello attuale) e il porticato a 18 colonne del cortile (oggi ne restano solo 8), dai raffinati capitelli firmati dal luganese Giovan Gaspare Pedone e celebrati nelle Vite dal Vasari. Eccezionalmente aperta anche la sede della Fondazione Stauffer.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2019
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te