Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PARCO PARADISO

PARCO PARADISO

CHIAVENNA, SONDRIO

646°

POSTO

210

VOTI 2020
Condividi
PARCO PARADISO
I diversi motivi di interesse e di fascino del Parco Paradiso di Chiavenna derivano dalla sua natura e dalla sua storia. Segni profondi nella roccia e un nome inciso evocano che, almeno sin dai tempi di Roma, era attiva e pregiata la cava di semilavorati di pietra ollare che ha plasmato la profonda fenditura che separa le due rocche chiamate del Paradiso e del Castellaccio. La cisterna per reggere a eventuali assedi, ricavata da una ‘marmitta dei giganti’, ricorda che nel medioevo e sino al ‘600 le due rocche erano fortificate e dominavano panoramicamente l’incontro tra la Valle Spluga e la Val Bregaglia, decisive per l’accesso al Centroeuropa. Quello stesso panorama, che abbraccia Chiavenna dall’alto ed è coronato dal bastione delle Alpi Retiche, caratterizzava il giardino delle delizie realizzato nel Seicento non meno dei punti più appartati di sosta e degli spazi dedicati a produzioni agricole di qualità. Alla coltura della vite era destinato il lungo pergolato settecentesco che circonda la rocca. Dopo anni più bui, dal 1950, il Parco Paradiso è oggetto di interventi successivi in attuazione dell’idea originaria del Prof.Corbetta, all’inizio con l’apporto preminente dell’AVIS di Chiavenna e successivamente con l’azione delle Amministrazioni pubbliche. Alla cura dei passaggi, esclusivamente pedonali e al collegamento delle due rocche con un ponte in quota si sono affiancate la raccolta e collocazione a cielo aperto di manufatti della cultura delle valli e le nuove piantumazioni nonché la collocazione nella vecchia torre restaurata di documenti e oggetti naturalistici e della cultura materiale locale; più avanti negli anni sono stati aperti, all’accesso del Parco Paradiso, il Museo archeologico e, nella torre, il Museo della pietra ollare. Tutto l’assieme è oggi un curato percorso storico, ambientale e sentimentale che diviene porta simbolica della Valchiavenna che privilegia la qualità ambientale e valorizza la sua storia e la sua cultura.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

13,701° Posto

6 Voti
Censimento 2016

13,852° Posto

4 Voti
Censimento 2014

10,956° Posto

1 Voti
Censimento 2012

1,023° Posto

12 Voti
Censimento 2010

1,828° Posto

3 Voti

Vota altri luoghi vicini

2,876°
34 voti

Arti decorative

MUSEO DEL TESORO DELLA COLLEGIATA DI SAN LORENZO

CHIAVENNA, SONDRIO

6,525°
14 voti

Area naturale

CASCATE DI CHIAVENNA

CHIAVENNA, SONDRIO

31,277°
1 voto

Area naturale

GIARDINO CON PISCINA HOTEL AURORA

CHIAVENNA, SONDRIO

Vota altri luoghi simili

17,050 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

12,613 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

12,232 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PARCO PARADISO

CHIAVENNA, SONDRIO

Condividi
PARCO PARADISO
I diversi motivi di interesse e di fascino del Parco Paradiso di Chiavenna derivano dalla sua natura e dalla sua storia. Segni profondi nella roccia e un nome inciso evocano che, almeno sin dai tempi di Roma, era attiva e pregiata la cava di semilavorati di pietra ollare che ha plasmato la profonda fenditura che separa le due rocche chiamate del Paradiso e del Castellaccio. La cisterna per reggere a eventuali assedi, ricavata da una ‘marmitta dei giganti’, ricorda che nel medioevo e sino al ‘600 le due rocche erano fortificate e dominavano panoramicamente l’incontro tra la Valle Spluga e la Val Bregaglia, decisive per l’accesso al Centroeuropa. Quello stesso panorama, che abbraccia Chiavenna dall’alto ed è coronato dal bastione delle Alpi Retiche, caratterizzava il giardino delle delizie realizzato nel Seicento non meno dei punti più appartati di sosta e degli spazi dedicati a produzioni agricole di qualità. Alla coltura della vite era destinato il lungo pergolato settecentesco che circonda la rocca. Dopo anni più bui, dal 1950, il Parco Paradiso è oggetto di interventi successivi in attuazione dell’idea originaria del Prof.Corbetta, all’inizio con l’apporto preminente dell’AVIS di Chiavenna e successivamente con l’azione delle Amministrazioni pubbliche. Alla cura dei passaggi, esclusivamente pedonali e al collegamento delle due rocche con un ponte in quota si sono affiancate la raccolta e collocazione a cielo aperto di manufatti della cultura delle valli e le nuove piantumazioni nonché la collocazione nella vecchia torre restaurata di documenti e oggetti naturalistici e della cultura materiale locale; più avanti negli anni sono stati aperti, all’accesso del Parco Paradiso, il Museo archeologico e, nella torre, il Museo della pietra ollare. Tutto l’assieme è oggi un curato percorso storico, ambientale e sentimentale che diviene porta simbolica della Valchiavenna che privilegia la qualità ambientale e valorizza la sua storia e la sua cultura.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te