Parco Villa Gregoriana

Uno scenario unico fra i templi romani e il fragore delle cascate di Tivoli

Share
Parco Villa Gregoriana

tipologia

Bene aperto al pubblico

contatti

0774 332650
faigregoriana@fondoambiente.it
  • Panoramica
  • Visita
  • Eventi
  • Eventi Privati

Boschi, sentieri, antiche vestigia, grotte naturali, l’Aniene inghiottito nella roccia e una spettacolare cascata: tutto questo a poca distanza da Roma in un parco voluto da Papa Gregorio XVI nella prima metà dell’Ottocento.

A poco più di mezz’ora da Roma, a Tivoli, Parco Villa Gregoriana racchiude un ingente patrimonio che declina in modo esemplare l'estetica del sublime tanto cara alla cultura romantica. Natura, storia, archeologia e artificio si fondono qui in modo così seducente da diventare meta obbligata del Grand Tour nell’800 e il soggetto principale delle rappresentazioni pittoriche di Tivoli. Nel 1832 papa Gregorio XVI promosse una grandiosa opera di ingegneria idraulica per contenere le continue esondazioni dell’Aniene, incanalando le sue acque in un doppio traforo scavato nel monte Catillo e ingrossandole poi artificialmente dando così vita ai 120 metri di salto della nuova Cascata Grande, seconda in Italia dopo le Marmore. Compiuta l’opera, il Papa creò il Parco che porta il suo nome e che per oltre un secolo fu meta di artisti, letterati e uomini di cultura che ne raccontarono al mondo la bellezza. Nel secondo dopoguerra, il sito divenne proprietà del Demanio che nel 2002, in uno stato di abbandono totale e di gravissimo dissesto idrogeologico, lo diede in concessione al FAI, grazie al cui impegno tornò a rivivere. Nel 2005 venne finalmente riaperto al pubblico che oggi può di nuovo percorrere gli antichi sentieri liberati dai rovi, annusare essenze prima soffocate da decenni di incuria e abbandono, godere con tutti i sensi delle settantaquattro specie arboree presenti e scoprire interessanti reperti di diversi generi ed epoche, immersi nella natura più rigogliosa. Tra questi, i resti della Villa del console romano Manlio Vopisco, sontuosa dimora celebrata anche da Orazio e, sull'acropoli, i templi romani tra cui quello celebratissimo di Vesta.

 

 

Loading

Da non perdere

Cascata, PARCO VILLA GREGORIANA, TIVOLI (RM )
Lo spettacolo naturale

La spettacolare cascata di oltre 100 metri realizzata nel 1832 tramite la deviazione del fiume Aniene; e le tante cascatelle che affiorano qui e là.

Leggi tutto
Villa Gregoriana, PARCO VILLA GREGORIANA, TIVOLI (RM )
Un grand tour contemporaneo

Una passeggiata tra i sentieri del parco sulle orme dei viaggiatori dell’Ottocento, da René de Chateaubriand a  Eduard Schuré, da Vincenzo Tizzani, arcivescovo...

Leggi tutto
Villa di Vopisco, PARCO VILLA GREGORIANA, TIVOLI (RM )
Un cammino nella storia

Scoprire tra la vegetazione le rovine della domus di Manlio Vopisco e risalire fino all’acropoli dell’antica Tibur.

Tempio di Vesta, PARCO VILLA GREGORIANA, TIVOLI (RM )
Il tempio di Vesta

Tempio a pianta circolare, di tipo monoptero, risalente alla fine del II secolo a.C. In origine, era circondato da un ordine architettonico in travertino...

Leggi tutto
La Sibilla Tiburtina, PARCO VILLA GREGORIANA, TIVOLI (RM )
Le profezie della Sibilla

Un’occasione per conoscere la storia della Sibilla Tiburtina e delle sue profezie;  dei  libri proposti e rifiutati da Tarquino il Superbo, e poi bruciati;...

Leggi tutto
Questo luogo è uno dei Beni che il FAI ha restaurato con cura e aperto al pubblico, perché tutti possano scoprirlo e amarlo.

Per mantenerlo intatto e curarlo in modo adeguato, questo luogo - come tutti gli altri salvati dal FAI - necessita di un’attenta manutenzione sia ordinaria sia straordinaria e periodici interventi di restauro. Inoltre, i costi di gestione che permettono l’apertura al pubblico sono significativi. Per questo abbiamo bisogno di un aiuto concreto da parte di chi come noi vuole mantenere vivi per sempre luoghi unici e speciali.

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te