ISCRIVITI AL FAI
Accedi
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PIANDARCA DELLA PREDICA AGLI UCCELLI

PIANDARCA DELLA PREDICA AGLI UCCELLI

CANNARA, PERUGIA

8,552°

POSTO

10

VOTI 2018
Condividi
PIANDARCA DELLA PREDICA AGLI UCCELLI
Il luogo della famosa “Predica agli uccelli” di San Francesco, secondo i più antichi agiografi della vita del Santo e secondo gli studiosi di ogni tempo, è Piandarca, toponimo che indica un’area ancor oggi incontaminata tra Cannara e Bevagna. E’ una terra pianeggiante, non contaminata dalla mano dell’uomo, destinata all’agricoltura di pregio, inserita in un panorama delimitato a sud ovest dalle colline di Montefalco, di Bevagna e di Collemancio, a nord est dal monte Subasio con Assisi e Spello, e dai monti sopra Foligno e Spoleto. E’ un luogo di notevole bellezza paesaggistica e di assoluto silenzio, nel cui cuore si snoda un piccolo sentiero che una secolare tradizione indica essere stato quello percorso da San Francesco quando, dopo aver predicato al popolo di Cannara e pensato alla primitiva idea del Terz’Ordine dei Continenti (oggi Ordine Francescano Secolare),si allontanò da quel castello in direzione di Bevagna. Qui, percorrendo il viottolo, si avvide di una straordinaria moltitudine di uccelli ai quali, com’è noto, rivolse la sua Predica, uno degli episodi più famosi della vita del Santo. Lungo questo sentiero, che inizia fuori Cannara in via Arcatura (Strada superiore del canale del Molino), e termina a lato dell’Edicola di Piandarca, vari documenti e testimonianze del primo Novecento attestano la presenza di una pietra posta a metà circa del percorso, sull’argine sinistro del torrente Formella. La pietra di cui parlano questi documenti oggi non esiste più. Testimonianze orali di persone viventi, affermano di averla vista trafugare, un giorno d’estate attorno alla metà dei passati anni Cinquanta. Seppure mancante della pietra, però, il luogo continuò ad essere meta di fedeli e di pellegrini. Nel 2004, su iniziativa della Pro Loco, venne collocata un’altra pietra, regalata dalla famiglia Nazareno Carpenacci. Fu scolpita dal prof. Sestilio Burattini dell’Accademia delle Belle Arti di Perugia e da Jelena Panjkovic. Consci del valore del luogo e decisi a valorizzarlo al meglio, i cittadini si sono mobilitati in massa durante il censimento Luoghi del Cuore 2014, ottenendo così un intervento di valorizzazione da parte del FAI.

Gallery

, PIANDARCA DELLA PREDICA AGLI UCCELLI, CANNARA, PERUGIA

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Questo è un luogo salvato

7° censimento nazionale del FAI
Anno
2014
Voti
22,888
Intervento
Valorizzazione
Stato
In corso

IL BENE
La Piandarca è un terreno agricolo a ridosso del Comune di Cannara, di circa 6.000 metri quadrati, dove secondo la tradizione sarebbe avvenuto il celebre episodio della vita di San Francesco d’Assisi. Il sentiero della Predica agli uccelli, che costeggia l’area agricola, attraversa luoghi di notevole bellezza paesaggistica, circondato da uliveti, querce, aceri, olmi, pioppi, fossi e canali. Il panorama spazia da Assisi ai Monti Martani, dalle montagne di Spoleto alle colline di Perugia. Secondo la tradizione, proprio in questi campi il Santo avrebbe visto una moltitudine di uccelli e, avvicinandosi, avrebbe rivolto loro la predica riportata nei Fioretti e ripresa in pittura e musica da importanti artisti come Giotto e Franz Liszt.

INTERVENTO
Il progetto di valorizzazione rientra in un protocollo di intesa siglato tra Comuni di Cannara e Assisi, Frati secolari di San Francesco e Parrocchia di Cannara. L’intervento ha l’obiettivo di mettere a sistema i luoghi di spiritualità francescana: prevede la creazione di un percorso tematico dalla Piandarca alla Basilica di Assisi, attraverso il Bosco di San Francesco ad Assisi, con pannelli, totem interattivi e un sito internet condiviso tra gli stakeholder del territorio – che sono anche partner economici – e, all’interno della Piandarca, di un’area con funzione di punto sosta e spazio per raccoglimento e meditazione. Il cofinanziamento è assicurato dai Comuni di Cannara e Assisi e permetterà di coprire tutti i costi del progetto che ammontano a 35.000 €. L’intervento si inserisce perfettamente nello spirito de I Luoghi del Cuore: una messa a sistema di luoghi uniti dagli stessi valori culturali, al fine di rivalutare un territorio sotto un comune denominatore di natura culturale. L’intervento si attesta inoltre come riuscito esempio di collaborazione fra enti pubblici e privati, con la virtuosa attrazione di risorse economiche e sociali. L’avvio dei lavori è stato annunciato con una presentazione pubblica tenutasi nel mese di ottobre 2016 alla presenza Sindaco Comune di Cannara, del Vescovo di Assisi, Nocera Umbra, Gualdo Tadino, del Ministro Generale OFS Umbria, del Presidente Assemblea Legislativa Umbra, del Sindaco Città di Assisi, della Presidente Regionale FAI, del direttore Area Retail di Perugia per Casse di Risparmio dell’Umbria.

CONTRIBUTO: 12.000 €

Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2016

2,705° Posto

23 Voti
Censimento 2014

10° Posto

22,888 Voti

Scopri altri luoghi vicini

31,505°
2 voti

Borgo

COLLEMANCIO

CANNARA, PERUGIA

23,235°
3 voti

Edificio civile

CARAPACE

BEVAGNA, PERUGIA

15,796°
6 voti

Area archeologica

URVINUM HORTENSE

CANNARA, PERUGIA

4,917°
17 voti

Area archeologica

AISILLO: LUOGO DI CULTO DI EPOCA ROMANA

BEVAGNA, PERUGIA

Scopri altri luoghi simili

46,649 voti

Area naturale

MONTE PISANO

CALCI - VICOPISANO, PISA

17,139 voti

Area naturale

PARCO DELLA RIMEMBRANZA

NAPOLI

16,384 voti

Area naturale

BOSCO AI PRATI DI CAPRARA

BOLOGNA

13°
12,497 voti

Area naturale

CIRCUMARPICCOLO, STORIA DI UNA STRADA DIMENTICATA

TARANTO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici
PIANDARCA DELLA PREDICA AGLI UCCELLI

PIANDARCA DELLA PREDICA AGLI UCCELLI

CANNARA, PERUGIA

Condividi
PIANDARCA DELLA PREDICA AGLI UCCELLI
Il luogo della famosa “Predica agli uccelli” di San Francesco, secondo i più antichi agiografi della vita del Santo e secondo gli studiosi di ogni tempo, è Piandarca, toponimo che indica un’area ancor oggi incontaminata tra Cannara e Bevagna. E’ una terra pianeggiante, non contaminata dalla mano dell’uomo, destinata all’agricoltura di pregio, inserita in un panorama delimitato a sud ovest dalle colline di Montefalco, di Bevagna e di Collemancio, a nord est dal monte Subasio con Assisi e Spello, e dai monti sopra Foligno e Spoleto. E’ un luogo di notevole bellezza paesaggistica e di assoluto silenzio, nel cui cuore si snoda un piccolo sentiero che una secolare tradizione indica essere stato quello percorso da San Francesco quando, dopo aver predicato al popolo di Cannara e pensato alla primitiva idea del Terz’Ordine dei Continenti (oggi Ordine Francescano Secolare),si allontanò da quel castello in direzione di Bevagna. Qui, percorrendo il viottolo, si avvide di una straordinaria moltitudine di uccelli ai quali, com’è noto, rivolse la sua Predica, uno degli episodi più famosi della vita del Santo. Lungo questo sentiero, che inizia fuori Cannara in via Arcatura (Strada superiore del canale del Molino), e termina a lato dell’Edicola di Piandarca, vari documenti e testimonianze del primo Novecento attestano la presenza di una pietra posta a metà circa del percorso, sull’argine sinistro del torrente Formella. La pietra di cui parlano questi documenti oggi non esiste più. Testimonianze orali di persone viventi, affermano di averla vista trafugare, un giorno d’estate attorno alla metà dei passati anni Cinquanta. Seppure mancante della pietra, però, il luogo continuò ad essere meta di fedeli e di pellegrini. Nel 2004, su iniziativa della Pro Loco, venne collocata un’altra pietra, regalata dalla famiglia Nazareno Carpenacci. Fu scolpita dal prof. Sestilio Burattini dell’Accademia delle Belle Arti di Perugia e da Jelena Panjkovic. Consci del valore del luogo e decisi a valorizzarlo al meglio, i cittadini si sono mobilitati in massa durante il censimento Luoghi del Cuore 2014, ottenendo così un intervento di valorizzazione da parte del FAI.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2016
I Luoghi del Cuore
2014, 2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Scarica l'app del FAI
Una guida alla bellezza da portare sempre con te per conoscere luoghi, sconti ed eventi unici

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te